Francesco Ventola
Francesco Ventola
Enti locali

Giorno del Ricordo, il messaggio del presidente della Provincia

Francesco Ventola ai giovani: «siate promotori di pace, di fratellanza e uguaglianza»

Si riporta di seguito il messaggio del Presidente della Provincia di Barletta - Andria - Trani, Francesco Ventola, in concomitanza con la Giornata del Ricordo per commemorare le vittime dei massacri delle foibe e dell'esodo giuliano-dalmata.

«(...) un moto di odio e di furia sanguinaria, e un disegno annessionistico slavo, che prevalse innanzitutto nel Trattato di pace del 1947, e che assunse i sinistri contorni di una "pulizia etnica"»

«Con queste parole, il 10 febbraio del 2007, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano volle confermare un dovere che le istituzioni della Repubblica per troppo tempo hanno mancato di riconoscere. Dopo decenni di assoluto silenzio, solo nel marzo del 2004 è stata istituita la Giornata del Ricordo, solennità civile nazionale italiana, celebrata il 10 febbraio di ogni anno.

Faccio mie le parole del Nostro Presidente, rappresentante di tutti gli Italiani che hanno sofferto per troppi anni nell'oblio. Ricordare la tragedia di migliaia e migliaia di famiglie italiane della Venezia Giulia e della Dalmazia - i cui cari furono imprigionati, uccisi, gettati nelle foibe a ridosso della fine della Seconda guerra Mondiale - significa non dimenticare.

A lungo siamo stati colpevolmente in silenzio non riconoscendo al popolo istriano lo status di martiri della libertà. Uguaglianza, Libertà e fratellanza furono infoibati nei grandi inghiottitoi dell'indifferenza. Calpestati, bistrattati, ignorati i princìpi fondamentali di ogni Stato democratico. Ma oggi voglio rivolgermi soprattutto alle giovani generazioni, con un'esortazione: siate promotori di pace, di fratellanza e uguaglianza nei confronti di qualsiasi altro cittadino del mondo. Siate gelosi custodi della memoria affinché simili atrocità non si ripetano.

La Provincia di Barletta - Andria - Trani, il 22 aprile scorso, d'intesa con l'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, ha sottoscritto un Protocollo volto ad approfondire e diffondere la conoscenza della tragedia delle foibe avente come destinatari tutte le scuole primarie e secondarie del nostro territorio. Se riusciremo a mantener viva la fiamma della memoria, il 10 febbraio (Giorno del Ricordo) così come il 27 gennaio (Giornata della Memoria) non resteranno due semplici date da cerchiare in rosso nel calendario dei ricordi!»
  • Francesco Ventola
  • Giorno del ricordo
Altri contenuti a tema
1 "Giornata del ricordo", in biblioteca l'esule istriano Giuseppe Dicuonzo Sansa "Giornata del ricordo", in biblioteca l'esule istriano Giuseppe Dicuonzo Sansa Oggi le iniziative in tutta Italia ma il Comune organizza un convegno per il 19 febbraio
Strada provinciale Trani-Andria, Ventola chiede la costruzione del ponte Strada provinciale Trani-Andria, Ventola chiede la costruzione del ponte Il consigliere regionale (Cor): «Infrastruttura necessaria per il cambio di carreggiata»
Piano di riordino ospedaliero, Emiliano batte Trani e Canosa 2 a 0 Piano di riordino ospedaliero, Emiliano batte Trani e Canosa 2 a 0 Il consigliere regionale Ventola (Cor): «La partita non è ancora finita»
Rifiuti, Ventola: «Il centrosinistra predica bene e razzola male» Rifiuti, Ventola: «Il centrosinistra predica bene e razzola male» Negati i benefici ai comuni a cui sono state chiuse le discariche
Sanità, Fucci e Ventola incontrano il direttore generale dell'Asl Bt Sanità, Fucci e Ventola incontrano il direttore generale dell'Asl Bt «Si difendano i servizi e il livello delle prestazioni offerte agli utenti»
Francesco Ventola scrive ai sindaci della Bat e al presidente Spina Francesco Ventola scrive ai sindaci della Bat e al presidente Spina «Perseguirò il benessere della comunità e l'interesse comune»
Consultazioni regionali, così Ventola da Emiliano sulla Bat Consultazioni regionali, così Ventola da Emiliano sulla Bat Emergenza rifiuti, sanità e riordino delle Province i temi affrontati dall'ex Presidente
Discarica: «C'è il rischio di condannare la città ad una crisi ambientale irreversibile» Discarica: «C'è il rischio di condannare la città ad una crisi ambientale irreversibile» Sul sequestro interviene anche il Collettivo Exit di Barletta
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.