Erika Laurora e Tommaso Laurora
Erika Laurora e Tommaso Laurora
Vita di città

Mancato inserimento di Trani nella Zes, Laurora: «Errori commessi nella individuazione delle aree?»

Il sospetto avanzato dal capogruppo d'Italia in Comune

Alcuni mesi fa richiamai l'attenzione sul mancato inserimento del nostro comune nella Zona Economica Speciale (ZES). L'inserimento nella ZES avrebbe garantito notevoli agevolazioni per gli imprenditori che avessero avviato nuove attività in zona produttiva.

Infatti, il regime di favore previsto dalla Legge di Bilancio, art.1, commi 173 e segg., prevedono la riduzione del 50% dell'importo sul reddito derivante dallo svolgimento della nuova attività, a partire dall'anno di inizio della stessa e per i successivi sei anni.

L'isitituzione delle ZES, che ha visto protagonisti altri comuni a noi vicini e confinanti, è stata una grande opportunità, che avrebbe meritato l'impegno qualificato e costante, in primis dell'assessore alle attività produttive.

Chi doveva utilizzare il proprio tempo per strategie di sviluppo importanti per la nostra città, quasi sempre si è limitato alla organizzazione di qualche piccola manifestazione estiva o a distribuire mancette ai poveri esercenti ormai disperati.

A seguito del mio richiamo, l'assessore al ramo attività produttive, Nenna Marina, esprimendosi sulla vicenda ZES, preannunciò la partecipazione al nuovo bando regionale e, come se fosse Nostradamus, l'arrivo di grandi novità entro il 22 settembre. Di quale anno però non lo disse. La campagna elettorale è finita, il problema resta. La questione è molto seria e potrebbe determinare un ulteriore arretramento della nostra economia rispetto alle comunità vicine.

Ci sta sorgendo un legittimo sospetto: non è che la mancanza di informazioni sul'esito della partecipazione al bando deriva da ulteriori errori commessi nella individuazione di aree non coerenti o non compatibili con il bando stesso? Se così dovesse essere, se fossimo stati nuovamente esclusi dalla possibilità di essere inseriti in una ZES, il danno economico potrebbe essere irreversibile, e in quel caso tutti si dovrebbero rendere conto che il settore delle attività produttive e quelli che lo coadiuvano, dovrebbero essere delegati a soggetti con altra e alta competenza, in possesso di una conoscenza e futura visione della economia cittadina, in grado, quindi, di sostenere il residuo tessuto economico che sopravvive con grande difficoltà. La politica deve dare delle risposte.

L'assessore Nenna esca dal suo lungo silenzio e informi la città, a partire dalla vicenda della ZES Adriatica.

Tommaso Laurora, Capogruppo Italia in Comune
  • Tommaso Laurora
Altri contenuti a tema
Impianto per il trattamento di percolato, Italia in Comune: «Quello che sta per accadere è ben più grave dello scippo del nostro ospedale» Impianto per il trattamento di percolato, Italia in Comune: «Quello che sta per accadere è ben più grave dello scippo del nostro ospedale» Il gruppo consiliare esprime la propria contrarietà al progetto ed invita la cittadinanza a mobilitarsi
Folla e caos in strada, Laurora contro l'assessore: «Andava predisposto pattugliamento nelle aree più sensibili» Folla e caos in strada, Laurora contro l'assessore: «Andava predisposto pattugliamento nelle aree più sensibili» E invita il sindaco ad interloquire con Prefetto per il coinvolgimento di tutte le forze dell'ordine
Italia in Comune, rinnovo dei vertici del partito locale Italia in Comune, rinnovo dei vertici del partito locale Le nuove nomine in vista dell'imminente congresso regionale
1 Italia in Comune: «Siamo una forza indipendente del centro sinistra» Italia in Comune: «Siamo una forza indipendente del centro sinistra» Il patto federativo è solo uno strumento di condivisione di idee e programmi
1 Si allarga la maggioranza al Comune di Trani: Italia in Comune si federa con Sud al Centro Si allarga la maggioranza al Comune di Trani: Italia in Comune si federa con Sud al Centro "Certi di contribuire a rafforzare la compagine amministrativa" dice Tommaso Laurora, uno dei competitor di Bottaro
2 Amiu, accolte le proposte d'Italia in Comune Amiu, accolte le proposte d'Italia in Comune "La competenza, le buone idee e la leale collaborazione portano sempre buoni frutti per l’intera comunità"
1 Buoni spesa, Italia in Comune chiede la riapertura dei termini del bando Buoni spesa, Italia in Comune chiede la riapertura dei termini del bando Il capogruppo Tommaso Laurora: «Non bisogna lasciare indietro nessuno, questo è un nostro preciso dovere»
Tommaso Laurora incontra i cittadini: gli appuntamenti in programma Tommaso Laurora incontra i cittadini: gli appuntamenti in programma Si parte domani da via Superga
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.