De Marinis
De Marinis
Enti locali

Tari 2014, richiesti ai contribuenti 880mila euro in più

La Cna Bat invita il sindaco Bottaro a provvedere al rimborso

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Con delibera numero 22 del 29 settembre 2015, il Consiglio comunale ha approvato, a maggioranza, il bilancio di previsione dell'esercizio 2015, unitamente a tutti gli allegati, tra cui quello relativo alla Tari. È stato confermato, come ha sottolineato il presidente della Cna Bat, Michele De Marinis, che per la Tari 2014 sono state richieste ai contribuenti, imprese e famiglie, maggiori somme per 887.619 euro.

«È questo un risultato importante - spiega De Marinis - che conferma ancora di più la fondatezza della petizione promossa lo scorso anno dalla Cna e sottoscritta da circa duemila contribuenti, imprese e famiglie, con la quale si chiedeva tra l'altro di rimodulare le tariffe Tari, atteso che alcuni servizi previsti nel Pef (Piano economico finanziario) del 2014, come l'estensione del porta a porta in altri quartieri della città, non potevano essere tecnicamente effettuati nello stesso anno. La suddetta somma di 887.619 euro è stata riportata in diminuzione nel Pef 2015 per "calmierare" l'effettivo e reale costo della Tari 2015, che ormai possiamo ritenere conclamato in 12 milioni di euro».

«Ed allora - prosegue il presidente della Cna - al di là della legittimità o meno di questa operazione, sulla quale ribadiamo tutti i nostri dubbi, rivolgiamo al sindaco, anche come uomo di legge, alcune semplici domande: Non ritiene giusto che la maggiore somma di oltre 880 mila euro venga restituita ai contribuenti? Ove ciò non accadesse, non ritiene che così verrebbero ingiustamente penalizzati tutti quei contribuenti che, ad esempio, hanno venduto o ceduto in locazione l'immobile, già adibito ad abitazione o ad azienda, per il quale nel 2014 hanno pagato la Tari e che quindi nel 2015 non possono recuperare quanto pagato in più per il 2014, non essendo più considerati "soggetti passivi" per tale imposta? E ancora: Non otterrebbero, invece, un ingiusto vantaggio tutti quei nuovi contribuenti che in tal modo usufruirebbero di uno sconto sulla Tari 2015?».

«Noi riteniamo che - conclude De Marinis - per una questione di equità, il maggior gettito accertato della Tari 2014 di 887.619 euro debba essere restituito a tutti i contribuenti, imprese e famiglie, che hanno subito nel 2014 la relativa imposizione. Pertanto invitiamo il sindaco, ancora una volta, a disporre, attraverso gli uffici comunali competenti, il rimborso dell'importo di cui sopra, evitando in tal modo il rischio concreto di numerosi contenziosi che sicuramente vedrebbero il comune soccombente, con ulteriore aggravio di spese».
  • Cna
  • Tari
Altri contenuti a tema
Rinviato il pagamento della Tari: ecco le nuove scadenze Rinviato il pagamento della Tari: ecco le nuove scadenze La prima rata entro il 30 settembre 2020
1 Tari, prorogata la scadenza della prima rata Tari, prorogata la scadenza della prima rata Il pagamento della tassa dei rifiuti entro il 30 settembre 2020
Troppi decreti e pochi soldi, De Marinis: «Così non va» Troppi decreti e pochi soldi, De Marinis: «Così non va» Il presidente della Cna Bat: «Le misure messe in campo dal Governo non soddisfano le esigenze delle micro piccole e medie imprese»
1 Ricalcolo e adeguamento della Tari, ora è possibile scaricare la domanda Ricalcolo e adeguamento della Tari, ora è possibile scaricare la domanda Il candidato sindaco Laurora comunica modalità e informazioni
Tari, Unibat: «Agevolazioni anche per le imprese di Trani in difficoltà» Tari, Unibat: «Agevolazioni anche per le imprese di Trani in difficoltà» Montaruli invita il Comune ad una modifica regolamentare
Agevolazioni Tari 2020, c'è tempo fino al 28 febbraio per presentare domanda Agevolazioni Tari 2020, c'è tempo fino al 28 febbraio per presentare domanda Riduzioni ed esenzioni per famiglie a basso reddito
Riduzione tariffe Tari, soddisfatte le associazioni di categoria Riduzione tariffe Tari, soddisfatte le associazioni di categoria Ed aggiungono: «Auspichiamo che dal 1° Luglio 2019 parta la raccolta differenziata porta a porta»
Irpef e Tari, il Consiglio comunale di Trani approva la riduzione delle aliquote Irpef e Tari, il Consiglio comunale di Trani approva la riduzione delle aliquote Il sindaco Bottaro: «Una bella pagina di storia politica cittadina»
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.