Dialoghi
Dialoghi
Vita di città

Trani, il mondo del commercio continua a finanziare "I Dialoghi"

Montaruli (Unibat): "Troppo pochi 4mila euro per una manifestazione del genere"

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Anche quest'anno la Camera di Commercio di Bari e non Bat continua a finanziare la cultura con i soldi dei commercianti, artigiani, imprenditori e comunque con denaro pubblico. Lo fa in varie circostanze dispensando generosamente finanziamenti e compartecipazioni a vari eventi tra i quali "I Dialoghi di Trani".

"Troppo pochi quei 4 mila euro per una manifestazione di questo genere. La stessa somma ottenuta da un evento inutile, superfluo ed insignificante qual è stato quello chiamato "Sindaci di Fornelli". Sono le parole del Presidente UniBat, Savino Montaruli che aggiunge: "ritengo davvero irrisorio un contributo di soli 4 mila euro a fronte dei 17 mila chiesti dall'Associazione tranese "La Maria del porto", per una Manifestazione che quest'anno costa ben 114 mila euro, tutti da documentare per ottenere il contributo camerale. Troppo pochi se si pensi che la stessa somma è stata erogata dalla Camera di Commercio di Bari e mai Bat per un evento inutile chiamato "Sindaci di Fornelli", costato diecimila euro. Perché ai Sindaci mangerecci il 50% del costo complessivo della manifestazione di diecimila euro mentre ai "Dialoghi" appena il 3,5% dei 114 mila sostenuti?

Troppo pochi se si guardi alle prebende elargite con disinvoltura e spregiudicatezza dalla stessa Camera di Commercio di Bari e mai Bat per altre finalità per nulla paragonabili all'Evento "I Dialoghi di Trani" e a tutto ciò che esso porta dietro di sé in termini di cultura, turismo e attrattiva territoriale. Mi dissocio quindi da questo tipo di utilizzo del denaro pubblico da parte della Camera di Commercio di Bari che mentre ai Dialoghi destinava questa miseria, deliberava una montagna di denaro pubblico con una Giunta che racchiude componenti riconducibili alle stesse Associazioni beneficiarie e, a loro volta, a società di serviziodi capitali CAT, delle quali sono esse stesse proprietarie, anch'esse beneficiare di prebende attinte al pozzo senza fondo".

Sui contributi elargiti dalla Camera di Commercio di Bari, la questione ha assunto valenza a livello nazionale, soprattutto in riferimento alla discussa Deliberazione che erogava ben 50 mila euro per il Congresso Nazionale della CGIL che elesse a Bari Maurizio Landini presso, guarda caso, la Fiera del Levante. Tante altre le deliberazioni sotto la lente di ingrandimento come, a proposito di Trani, quella che erogò ben 10 mila euro a favore della Confesercenti provinciale Barletta-Andria-Trani per l'Alternanza Scuola Lavoro (deliberazione 11 del 22 febbraio 2019) a fronte di un costo di 22.407 euro, secondo quanto dichiarato dall'associazione, mentre Unimpresa Bat ha ospitato oltre 50 alunni dell'Istituto Tecnico Commerciale di Andria senza beneficiare di un solo euro di denaro pubblico e senza incidere sui costi aziendali.

Poi le deliberazioni di erogazione di denaro pubblico a Confcommercio BariBat per decine e decine di migliaia di euro in un solo periodo di tempo, con il Presidente Alessandro Ambrosi (esponente di Confcommercio, ndr) che solo da un anno e mezzo esce dall'aula quando si approvano tali iniziative mentre prima aveva dimenticato di farlo, pur essendo in palese conflitto di interessi. Passando da "La Notte dei Sospiri" di Bisceglie fino al "Talos Festival" di Ruvo di Puglia, attraversando "Sindaci ai Fornelli" ed altre manifestazioni e festicciole di piazza e piazzetta, con elargizioni sfacciate per le attività dei Centri di Assistenza Tecnica,oltre 440 mila euro di soldi dei piccoli commercianti iscritti alla Camera di Bari e Bat volano via sprecati in questo modo mentre i mercati muoiono nelle campagne periferiche tra i rifiuti; i negozi chiudono e abbassano per sempre le serrande e le città sono abbandonate senza servizi ed immerse dai rifiuti, alla mercé della delinquenza con il risultato che, dalla Ricerca del "Il Sole24Ore", questo territorio resta ultimo in Italia per le cose buone e primo per quelle cattive" – ha concluso il sindacalista andriese che non le manda mai a dire e continua ad analizzare criticamente e senza peli sulla lingua la drammatica realtà che ci circonda.

Ecco il raccapricciante (parziale) elenco di alcune prebende elargite allegramente dalla Camera di Commercio di Bari:
- con deliberazione nr.4 del 17 gennaio 2019 vengono disposti finanziamenti a favore della Confesercenti
Bari per un importo pari ad euro 10mila per un progetto denominato "Città Vive" e qui comincia la tarantella
dei Distretti Urbani del Commercio con tutto ciò che ruoterà attorno al nuovo giocattolo;
e poi ben 25mila euro a favore della Confcommercio Bari – Bat per il Progetto "Innovazione nelle procedure
telematiche per lo sviluppo e la competitività delle imprese", su una spesa di realizzazione comunicata essere di 40mila euro;
- ben 45.500,00 euro sempre a favore della Confcommercio Bari – Bat per "Alternanza Scuola – Lavoro", su una somma dichiarata di costo per ben 70mila euro;
- sempre a favore della Confcommercio Bari, un sostanzioso ulteriore contributo di ben 39mila euro per un Progetto denominato "Sviluppo del Sistema delle competenze in Europrogettazione";
- 20mila euro il "Progetto" di C.N.A. Bari denominato: "Indagine conoscitiva sui fabbisogni legati alla gestione
aziendale delle P.M.I.";
- 20mila euro a favore di CONFAPI Puglia per il loro "Progetto" denominato "GDPR: la nuova Privacy per
le P.M.I.;
- 30mila euro a favore di U.P.S.A. Confartigianato Bari per il loro "Progetto" denominato "Botteghe didattiche
lab in tour, Eco Design e Green Economy - in viaggio verso il Futuro Sostenibile";
- 50mila euro erogati a favore della Coldiretti Bari a sostegno dell'"Evento" denominato "Villaggio Coldiretti"
del 27-28-29 aprile 2018 a Bari;
- 30mila euro a favore di Confindustria Bari e Bat per sulla "trasformazione digitale 4.0";
- 30mila euro per il Progetto "Premiazione delle imprese storiche del territorio della camera di commercio
di Bari con la premiazione fino a cento costose targhe con altrettanto costosi diplomi di benemerenza;
- 20mila euro a favore di Confapi-Confapi Puglia;
- 60mila euro a favore di Confcommercio Bari e Bat per il loro Progetto "Promozione e sostegno alle attività
economiche mediante azioni mirate al Marketing Territoriale", con presentazione di rendiconto addirittura intestato a società di capitali collegate;
- 20mila euro a favore di C.N.A. Area metropolitana di Bari per il Progetto "Indagine conoscitiva sul rispetto della legalità e della sicurezza nel sistema produttivo locale";
- 10mila euro a favore addirittura di una Fondazione denominata "Osservatorio sulla Criminalità nell'Agricoltura e sul Sistema Agroalimentare. Fondazione con sede a Roma;
- 9.100 euro a favore della C.G.I.L. per il loro Progetto "Ricerca/Indagine sulla domanda e sull'offerta di servizi terziari dei cittadini della città di Bari";
- 20mila euro a favore del CAT Imprendo Puglia – società di capitali collegata e della Confesercenti Terra di Bari, destinati al suo "funzionamento";
- 20mila euro a favore del CAT Imprese Nord Baresi S.R.L. – società di capitali collegata e della Confesercenti BAT, con sede in Trani, a fronte delle iniziative da questa organizzate all'interno dell'Incubatore Future Center a Barletta (ripetutamente finanziato con denaro pubblico); per il costosissimo Progetto denominato "Ciao Barletta" (per il quale la città della Disfida ha stanziato fondi esorbitanti) e per altre sedicenti iniziative riconducibili a tale società ma anche assistenza tecnica alla Associazione Confesercenti Bat che è la proprietaria della Società e, si legge nella strana deliberazione, "assistenza tecnica ai Comuni di Andria, Barletta, Trani, Canosa e San Ferdinando per la partecipazione al Bando relativo all'avvio delle attività di costituzione dei Distretti Urbani del Commercio" (una fattispecie tutta da verificare sia nei modi, nei tempi e nella sostanza di tale sostegno);
- 40mila euro, per il Progetto "Mangia la Cultura, Scopri i Sapori, Vivi le Emozioni" con l'erogazione alla
Confcommercio Bari e Bat e documentazione di resoconto addirittura a nome della Società di capitali CAT collegata;
- 60mila euro sempre a favore della prestigiosa, onnincassante Organizzazione Confcommercio Bari per attività di "Formazione & Crescita del Sistema delle P.M.I. nella Città Metropolitana di Bari ed in Provincia Bat"
- etc. etc. etc.....
  • Dialoghi di Trani
Altri contenuti a tema
I Dialoghi di Trani oggi al quarto Forum del libro Italia-Spagna I Dialoghi di Trani oggi al quarto Forum del libro Italia-Spagna Rappresentanti e direttore artistico nel prestigioso Istituto italiano di Cultura per parlare di saggistica
La solidarietà del mondo del commercio ai Dialoghi di Trani La solidarietà del mondo del commercio ai Dialoghi di Trani Savino Montaruli (Unibat): «E pensare che il tema di quest’anno era la Responsabilità. Che beffa!»
Dialoghi di Trani, Corrado, De Toma, Ferrante: le pagelle Dialoghi di Trani, Corrado, De Toma, Ferrante: le pagelle Tutti i voti della settimana di Giovanni Ronco
Concita De Gregorio ai Dialoghi: il potere veglia sempre su di noi Concita De Gregorio ai Dialoghi: il potere veglia sempre su di noi Focus sulle mille entità che muovono le nostre vite, le scrutano, le orientano
Dialoghi di Trani, oggi ospite l'attrice inglese e Premio Oscar Helen Mirren Dialoghi di Trani, oggi ospite l'attrice inglese e Premio Oscar Helen Mirren Attesi anche il direttore della Fondazione Pirelli ed il presidente della Fondazione del Corriere della Sera
I Dialoghi arrivano in carcere con la Corte Costituzionale e Marta Cartabia I Dialoghi arrivano in carcere con la Corte Costituzionale e Marta Cartabia In serata cerimonia Premio Megamark con Serena Dandini e i finalisti dell'edizione 2019
Dialoghi, sabato fuori programma: a Trani ospite l'attrice Helen Mirren Dialoghi, sabato fuori programma: a Trani ospite l'attrice Helen Mirren Sarà ospite nella cornice di piazza Addazi a partire dalle ore 19
Da Assisi a Trani per la Responsabilità in "ECOnomia-ECOlogia":  la lezione di Papa Francesco Da Assisi a Trani per la Responsabilità in "ECOnomia-ECOlogia": la lezione di Papa Francesco Il programma della terza giornata dei Dialoghi
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.