Trani nel Risorgimento, mostra in biblioteca
Trani nel Risorgimento, mostra in biblioteca
Scuola e Lavoro

Trani, l’unità nazionale avviò la lenta emancipazione scolastica

Italia 150, una tesi di laurea racconta il faticoso percorso. Il lavoro di Simona De Marinis è stato esposto in biblioteca

Fra le tante testimonianze raccolte dal nostro portale per sottolineare la valenza della festa dell'unità d'Italia, merita un approfondimento paricolare la tesi di laurea di una giovane tranese, Simona De Marinis, il cui lavoro di ricerca è stato esposto in biblioteca nell'ambito della mostra sull'unità nazionale. La sua tesi (La scuola a Trani prima e dopo l'unità d'Italia) è frutto di un'attenta analisi su una ricca documentazione, costituita per lo più da manoscritti: missive, delibere decurionali, delibere ministeriali, registri e relazioni scolastiche, conservati presso l'Archivio di Stato della sezione di Trani, la biblioteca comunale, la biblioteca diocesana e l'archivio comunale della città di Trani. Prezioso è stato anche il contributo di Lucia Fiore, già direttrice della biblioteca comunale, che ha svolto un ruolo chiave nella redazione di un lavoro che ha comportato faticosissime ricerche storiche e bibliografiche.

Nella tesi in storia della pedagogia di Simona De Marinis (laureata col massimo dei voti) si pone l'accento sulle differenze sociali e culturali della nostra città. Mentre in campo culturale, Trani era nota a tutti per la presenza di un importante attivismo negli studi giuridici (riservati a pochi privilegiati), il popolo (così come accadeva in moltissimi altri luoghi) era ben lontano da questa realtà, poiché «l'istruzione a nulla poteva giovare: occorreva provvedere alla propria sussistenza». Trani godeva di un prestigio che esulava dai suoi confini: ma alla prestigiosa e rinomata istruzione giuridica che contraddistingueva la città non corrispondeva una benché minima istruzione popolare. Il lavoro di Simona De Marinis è incentrato sull'analisi dello sviluppo dell'istruzione nella realtà tranese dai tempi dell'invasione francese ai primi anni del 1900, mettendo in risalto l'importanza dell'unificazione del nostro Paese che apportò cambiamenti in tema di istruzione.

Fondamentali sono la quantità e la qualità degli interventi delle amministrazioni comunali per la diffusione dell'istruzione. «E' necessario – scrive De Marinis - uno stretto connubio di interesse e partecipazione tra governo, amministrazioni comunali e popolo per far sì che veramente sia possibile l'elevazione culturale dei cittadini, con l'avvio delle prime scuole pubbliche per tutta la popolazione». E determinante, nello stato di degrado culturale che vigeva nel meridione, era l'interesse di un governo, quello borbonico, che si preoccupò di riportare nella città il cosiddetto ordine, liberando il popolo da ogni volontà di iniziativa. Le disposizioni emanate in quegli anni, avevano il compito di controllare che la cultura non si estendesse tra il popolo, «perché nemica dell'ordine e della mansuetudine».

L'unificazione del Regno apportò cambiamenti significativi anche nell'istruzione. La legge sull'istruzione pubblica del 7 gennaio del 1861 ben si inseriva nello stato culturale di Trani. L'obbligo scolastico, la gratuità dell'insegnamento, la preparazione degli insegnanti, l'idoneità dei locali sarebbero stati la soluzione delle deficienze dell'istruzione primaria del suo popolo. Purtroppo i problemi non erano di facile soluzione. La legge c'era, ma addossava l'intero onere ai poveri Comuni: spese per locali e suppellettili, materiali scolastici, stipendi per i maestri, per non parlare poi del mancato interesse delle famiglie dei fanciulli per la scuola, l'istruzione e i suoi vantaggi, eredità borbonica che per troppi anni aveva regnato sovrana.

Il Comune di Trani, nel corso degli anni, mostrò un vivo interesse per l'istruzione popolare. Si cercò di risolvere vari problemi come la scarsa preparazione degli insegnanti (specialmente per quel che riguardava la scuola femminile) incoraggiando la frequenza alle scuole preparatorie e servendosi dell'aiuto delle religiose. Si affrontò il problema dell'evasione scolastica (causata dall'impiego dei fanciulli nelle varie arti) incoraggiando le famiglie e aprendo scuole serali. La vera svolta si ebbe con l'emanazione della legge Coppino (1877) con la quale si unificò la legislazione scolastica in tutte le Regioni, affermando il diritto-dovere all'istruzione, anche religiosa (se richiesta) anche se a Trani, nonostante i miglioramenti, non si riuscì a raggiungere i livelli sperati.
Documenti storiciDocumento PDF
  • Italia 150
Altri contenuti a tema
E stasera gli azzurri: i tranesi si preparano alla finalissima E stasera gli azzurri: i tranesi si preparano alla finalissima Con gli Europei sono tornati i rituali di supporto alla nazionale dopo l'esclusione dagli scorsi mondiali
Trani e l’unità d’Italia: il grazie del presidente Trani e l’unità d’Italia: il grazie del presidente Giorgio Napolitano scrive all’associazione Obiettivo Trani
Trani e il risorgimento nel museo nazionale di Torino Trani e il risorgimento nel museo nazionale di Torino L’associazione Obiettivo Trani dona un volume sulla storia della città in quegli anni
Il presidente Napolitano elogia il giornalino della Bovio-Palumbo Il presidente Napolitano elogia il giornalino della Bovio-Palumbo Il lavoro degli studenti tranesi dedicato all'unità d'Italia
Unità d'Italia, concorso per gli studenti delle scuole superiori Unità d'Italia, concorso per gli studenti delle scuole superiori Lo organizza la Provincia di Barletta Andria Trani
Giornate Fai: 1000 visitatori domenica a palazzo Beltrani Giornate Fai: 1000 visitatori domenica a palazzo Beltrani Il pezzo forte è il quadro di Garibaldi morente di Cordiglia
Traninostra esalta il ruolo della città nell’unità del Paese Traninostra esalta il ruolo della città nell’unità del Paese Italia 150, mostra in biblioteca. Oltre 500 visitatori nel primo giorno
Italia 150, le foto delle celebrazioni a Trani Italia 150, le foto delle celebrazioni a Trani Una ricca fotogallery curata da Luciano Zitoli
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.