Chiesa evangelica
Chiesa evangelica
Vita di città

La chiesa evangelica di Trani e "Un sogno per rispondere al bisogno"

L'appello della comunità alle istituzioni per realizzare un complesso destinato a sport, attività sociali, cultura e solidarietà

Nel giorno in cui la Chiesa Evangelica di Trani compie 46 anni di vita, la comunità che con fede e vigore la anima ogni giorno rivolge un appello accorato per realizzare un sogno capace di affrontare e venire incontro a tante emergenze sociali evidenti nella nostra città.

La comunità evangelica di Trani rivolge da sempre la sua attenzione alla tutela della famiglia e delle sue difficoltà attingendo dai principi della Parola di Dio per trasmettere valori morali solidi.

Per questo fine la Chiesa si è occupata di organizzare incontri per giovani, bambini, anziani e coppie, tante manifestazioni di grande impatto presso la comunità, tra le quali quelle in cui è stato più volte ospite il celebre calciatore juventino Nicola Legrottaglie.

Anche lo sport considerato come strumento di condivisione e socialità prezioso è stato al centro delle organizzazioni della comunità evangelica.

Ma gli spazi comuni della chiesa adibiti a oratorio o spazi ricreativi sono sempre più ristretti: pertanto la necessità di una struttura più ampia si fa sempre più pressante.

Il luogo dove i fedeli si incontrano è limitativo per tutto quello che la comunità desidera svolgere. Vi sarebbe bisogno di una struttura più grande da sviluppare in un terreno edificabile di proprietà comunale. Sono state inoltrate richieste e domande senza purtroppo ottenere risposta, ci scrive il pastore Enzo Grande, addirittura assistendo alle attribuzioni comunali ad altre associazioni.

Il sogno è quello di costruire un complesso per svolgere tante attività in sicurezza, senza barriere, capace di accogliere chiunque nella gioia della condivisione. Un complesso che preveda un parco giochi per bambini, un campo da calcetto, basket e pallavolo per togliere dalla strada i più giovani; una mensa, dei dormitori, spazi da adibire a banco alimentare e banco vestiario per le esigenze delle famiglie meno abbienti; aule per svolgere attività didattiche ricreative per tutte le età e anche un ampia sala, quasi un teatro per condividere spettacoli, musica e conferenze. E per rendere il sogno ancora più grande persino una sala lettura, una biblioteca e un luogo per la meditazione.

Dagli spazi di via Superga a questo complesso i passi da fare sarebbero davvero tanti ma la fiducia della comunità è grande e tesa al benessere della interra città, in nome di quella che è la colonna portante della Chiesa Evangelica: l'Amore infinito per Dio e per il Prossimo.
  • Attualità
Altri contenuti a tema
C'è anche Trani nella Sophia migliore attrice ai David C'è anche Trani nella Sophia migliore attrice ai David Con La vita davanti a sé, girato in parte nel centro storico
L'appello di Checco Zalone ai ladri del furgone: «C'è speranza persino per voi» L'appello di Checco Zalone ai ladri del furgone: «C'è speranza persino per voi» L'attore pugliese e il suo sostegno sulla sua pagina Facebook
Dalla pandemia al razzo cinese: quando la vita diventa fantascienza Dalla pandemia al razzo cinese: quando la vita diventa fantascienza I frammenti sono caduti nell'Oceano tra ironia e paure reali
1 Razzo cinese, remota ipotesi di frammenti al Sud Razzo cinese, remota ipotesi di frammenti al Sud Cadrà tra l'1.00 e le 7.30 sulla base dei dati forniti dall'Agenzia Spaziale Italiana
Razzo cinese in caduta libera, allerta anche in Puglia Razzo cinese in caduta libera, allerta anche in Puglia La Protezione Civile raccomanda di stare al chiuso
Festa della mamma, «evitiamo di trasformarla in un momento di puro consumismo» Festa della mamma, «evitiamo di trasformarla in un momento di puro consumismo» La riflessione di Andrea Orciuolo
Il Coronavirus per Checco Zalone, ecco "La Vacinada" con Helen Mirren Il Coronavirus per Checco Zalone, ecco "La Vacinada" con Helen Mirren Lo showman barese ha pubblicato il videoclip a sorpresa sui suoi canali social
1 23 aprile, oggi la giornata mondiale del libro 23 aprile, oggi la giornata mondiale del libro Perché è importante leggere sin dall'infanzia
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.