Altare distrutto Raffaele Casale
Altare distrutto Raffaele Casale
Cronaca

Vaso ed effigie distrutti in via Martiri di Palermo, i legali della famiglia Casale: «Chiaro atto intimidatorio»

E in una lettera al sindaco l'invito «a tenere sempre alta la soglia dell'attenzione su siffatti eventi, meritevoli di condanna senza appello»

Non hanno dubbi Felice Casale e i suoi difensori sul vile gesto avvenuto qualche settimana fa a Trani quando ignoti hanno distrutto per la seconda volta il vaso e l'effigie fotografica in memoria di Raffaele Casale in via Martiri di Palermo: per loro, come si evince nella denuncia sporta al Commissariato di Polizia, si tratta di un chiaro «atto intimidatorio» nei confronti di Felice Casale, in vista della riapertura delle indagini. Gli stessi legali hanno invitato l'affranto papà ad uscire per Trani sempre accompagnato da qualcuno.

Da qui la scelta di sporgere querela contro ignoti al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Nola, dove attualmente risiede la famiglia dello chef stellato scomparso nel 2017: un atto dovuto affinché la giustizia possa un giorno punire gli autori di questo ignobile gesto. Il vaso e l'effige ancora oggi non sono stati ripristinati data l'impossibilità della famiglia di uscire dalla Regione di residenza.

In virtù anche della conoscenza che legava Raffaele al sindaco Amedeo Bottaro, papà Felice nei giorni scorsi ha scritto una lettera al primo cittadino: «A mio sommesso avviso - si legge - tali fatti devono ritenersi sconcertanti, soprattutto perché posti in essere all'esito della riapertura delle indagini preliminari, tese ad accertare i fatti, per come realmente accaduti nella tragica notte del 17.8.2017». E da qui l'invito a «voler tenere sempre alta la soglia dell'attenzione su siffatti eventi, meritevoli di condanna senza appello, e negativi per l'immagine di quella parte maggioritaria della società civile della città da Lei amministrata».

A tutto ciò si aggiunge la farraginosità della macchina giudiziaria, non esente anche da errori di segreteria come la notifica delle pratiche, il tutto rallentato dalle restrizioni che l'emergenza sanitaria attualmente impone. A pagare le conseguenze di tutto questo una famiglia intera che da oramai quattro anni chiede verità e giustizia per una vita spezzata spezzata a soli 28 anni.
  • Tribunale di Trani
Altri contenuti a tema
Morte di Raffaele Casale, papà Felice: «Verità e giustizia per mio figlio» Morte di Raffaele Casale, papà Felice: «Verità e giustizia per mio figlio» E il caso finisce anche su “Chi l’ha visto” in attesa che il Gip accolga o meno la richiesta di archiviazione
Sistema Trani, ascoltati nuovi testi Sistema Trani, ascoltati nuovi testi Oggi in aula Luigi Mondelli e Beppe Corrado. Prossima udienza il 3 giugno
2 Centro congressi a Palazzo Torres e Cittadella della giustizia fra Palazzo Carcano e l'area ex distilleria: la proposta di Andrea Ferri Centro congressi a Palazzo Torres e Cittadella della giustizia fra Palazzo Carcano e l'area ex distilleria: la proposta di Andrea Ferri Il consigliere di FdI interviene sulla questione della edilizia giudiziaria
Processo disastro ferroviario: ascoltato teste del Pm Processo disastro ferroviario: ascoltato teste del Pm Controesame dell'avv. Laforgia all'ing. Zallocco
Da Auditorium ad Aula di Giustizia: oggi a San Magno l'udienza del processo per la strage dei treni Da Auditorium ad Aula di Giustizia: oggi a San Magno l'udienza del processo per la strage dei treni Garantito il rispetto delle linee guida presenti nel Protocollo Anticontagio Sars Cov-19
Tribunale di Trani, Aiga denuncia la carenza di giudici di pace Tribunale di Trani, Aiga denuncia la carenza di giudici di pace «Negli ultimi mesi si susseguono continui rinvii delle cause civili e dei processi penali»
2 Chiavi della Città: prosciolti gli indagati per il reato di "abuso di ufficio" Chiavi della Città: prosciolti gli indagati per il reato di "abuso di ufficio" Rinvio a giudizio per l'ex presidente del Bari, Antonio Giancaspro
Il dramma di una famiglia tranese si trasforma in speranza grazie alla Legge “salvasuicidi” Il dramma di una famiglia tranese si trasforma in speranza grazie alla Legge “salvasuicidi” La crisi economica, il licenziamento, la casa all’asta: con il “Piano del Consumatore” il Tribunale fissa l’udienza per l'omologa, che dispone anche la sospensione della procedura esecutiva pendente sulla prima casa.
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.