Vino bianco
Vino bianco
Speciale

Vinificazione dei vini bianchi

Approfondimento della beverage menager Ludovica Diaferia

Il concetto di scarto nel vino non esiste. E' come il maiale, non si butta via niente. Le sostanze coloranti di un vino sono in maggior parte nelle bucce ma questo lo sai già perché ho fiducia che tu sia un lettore abituale e non un casuale avventore.

Ciò che probabilmente imparerai adesso è che per ottenere un vino bianco è indispensabile separarle prima della vinificazione.

Viene da sé che è possibile ottenere vini bianchi sia da uve a bacca bianca sia da quelle a bacca nera. Il metodo di estrazione che ha come protagonista la buccia, risente dell'utilizzo di particolari tecniche, tra le molteplici c'è quella denominata criomacerazione quindi condotta a temperature molto basse, in cui la massa si raffredda e inibisce la fermentazione con il conseguente passaggio delle sostanze aromatiche primarie, tipiche dei vitigni bianchi prestigiosi, nel mosto.

Il mosto viene definito "pulito" se sottoposto alla pigiatura soffice lasciando il compito ai passaggi successivi, di chiarificazione e opzionale filtrazione o centrifugazione, di renderlo maggiormente limpido nonché pronto per la fermentazione.

Durante quest'ultima il serbatoio va riempito esclusivamente per circa il 45% della sua capacità totale poiché il gas sprigionato che si svilupperà, sarà in grado di riempire tutto lo spazio rimasto al di sopra del mosto. Questo effetto copertina ha una funzionalità chiara, protegge dall'azione dannosa dell'ossigeno.

Come specificato anche per i vini rossi, la temperatura è fondamentale. La differenza che intercorre tra le due tecniche di vinificazione risiede nel fatto che, in questo specifico caso verrà mantenuta costante, intorno ai 16°C - 20°C, grazie all'utilizzo di specifiche attrezzature mentre nei vini rossi risulta decisamente più elevata.

Se è vero ciò che abbiamo sempre teorizzato la materia prima di qualità fa la differenza. Risulta quindi fondamentale, come sigillo di garanzia, avvalersi della certezza di quali siano le caratteristiche primarie del vitigno di origine, controllarne tutto il processo di fermentazione applicando tecniche nonché lieviti selezionati.

I vini bianchi definibili pronti al consumo non si prestano alla fermentazione malolattica quindi quella che trasforma l'acido malico in lattico con lo scopo di mantenere una freschezza aromatica ed una acidità vibrante.

Evitare il fenomeno della rifermentazione, determinata dalla presenza di batteri o cellule provenienti da lieviti indesiderati, è essenziale, per questo si compie l'azione di filtraggio portato a termine con l'ausilio di attrezzature particolari e svolta sempre prima dell'imbottigliamento.

Tutto questo è ulteriormente preceduto dal momento in cui i lieviti hanno esaurito gli zuccheri contenuti all'interno del mosto, con tempi tecnici che si aggirano tra i dieci e i venti giorni, e il vino ottenuto viene depositato in acciaio o legno in dipendenza dalle esigenze produttive e di mercato.

La prossima tappa del viaggio nel magico mondo del vino, nella sua fase di vinificazione, ci porterà alla scoperta degli spumanti per poi culminare con i vini dolci. Sarà in quest'ultima che ci soffermeremo sul moscato di Trani segno distintivo dell'enologia tranese, ottimo fine pasto spesso utilizzato in cucina per esaltare i sapori della tipicità nostrana.
Quindi stay tuned e bevete per passione, mi raccomando.
  • Enogastronomia
Altri contenuti a tema
Alla 24^ edizione del Cous Cous Fest lo chef tranese Dino Perrone Alla 24^ edizione del Cous Cous Fest lo chef tranese Dino Perrone Si sfiderà contro altri cinque chef per conquistare il titolo di campione nazionale
Sensazioni, traiettorie di gusto, purezza ed equilibrio: Ognissanti rivive sul porto di Trani Sensazioni, traiettorie di gusto, purezza ed equilibrio: Ognissanti rivive sul porto di Trani Una ambasciata di gusto, relax e storia nella nuova struttura
Il Moscato di Trani addolcirà una notte dell'estate tranese: "Sweetly" è in programma  l'8 luglio prossimo Il Moscato di Trani addolcirà una notte dell'estate tranese: "Sweetly" è in programma l'8 luglio prossimo Percorsi e discorsi su un'eccellenza del territorio, spesso dimenticata
Terradimare, apre il primo giugno a Trani il ristorante dello chef Domenico Di Tondo Terradimare, apre il primo giugno a Trani il ristorante dello chef Domenico Di Tondo Il nuovo presidio del gusto nella città più gourmand di Puglia
Trani sotto le "stelle Michelin" nella celebre Guida dei migliori ristoranti d'Italia Trani sotto le "stelle Michelin" nella celebre Guida dei migliori ristoranti d'Italia Una novità a Casa Sgarra e una riconferma per Quintessenza
I piatti di "Casa Sgarra" sulle tavole dei tranesi: disponibile il servizio a domicilio I piatti di "Casa Sgarra" sulle tavole dei tranesi: disponibile il servizio a domicilio Una proposta di grande qualità per scacciare il fantasma della crisi
Birra artigianale, un vero e proprio boom in Italia Birra artigianale, un vero e proprio boom in Italia Produzioni limitate per gusti ricercati
"Mediterraneo Mangia e Bevi": continuano le rassegne enogastronomiche in città "Mediterraneo Mangia e Bevi": continuano le rassegne enogastronomiche in città Un itinerario dedicato ai sapori del nostro mare
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.