Apatheia

Il comandante della nave

Siamo tutti un po' Schettino ma, sulla terraferma, ci piace fare i De Falco

Il comandante che fugge dalla nave e dalle sue responsabilità dopo aver provocato un grave incidente, la morte di diverse persone e danni ingenti è un'immagine orribile oltre che di per sé anche per quello che rappresenta nel nostro immaginario. Fin da bambini, infatti, il comandante lo immaginiamo ammirati, un po'impauriti, increduli sul punto più alto della nave, la parte non ancora affondata, sull'attenti che lentamente, immobile ed in lacrime si immerge con la sua nave. Raccontarci che il comandante è fuggito è come dire ad un bambino che Babbo Natale non esiste. Fugge nonostante qualcuno gli dica: "Cazzo vada a bordo"! È un altro duro colpo per la nostra povera coscienza. I topi fuggono dalla nave. Che rabbia ho provato al pensiero di questa vicenda. Poi sono stato pervaso da un senso di smarrimento. Come siamo fragili, voliamo sulle nostre azioni veloci e leggere senza mai fermarci a riflettere, giochiamo con la vita e con la morte come se non ci riguardassero, siamo arroganti, senza timore alcuno, semidei. Salvo poi fuggire impauriti dalle nostre misere e miserevoli azioni frettolose delle quali abbiamo perso il controllo, non abbiamo previsto tutto fino alla fine.

Il comportamento e la fuga del comandante sono atti deplorevoli ma abbastanza comuni nella storia dell'uomo, sia in grande che nel piccolo quotidiano. Dittatori di oggi e di ieri, dopo aver devastato il loro popolo e la loro terra, nel momento della resa dei conti hanno tentato fughe rocambolesche a volte pietose travestendosi, nascondendosi in bunker sotterranei o togliendosi la vita. Ma a fuggire dalle proprie responsabilità non sono solo capitani e dittatori. Chi si mette alla guida dell'auto ubriaco sfidando così le leggi e la sorte, poi investe ed uccide un uomo e fugge non è diverso dal comandante. Anche chi con l'auto rompe il fanale mentre parcheggia e fugge non si assume le proprie responsabilità. È difficile assumersi sempre e comunque le proprie responsabilità ma proprio per questo dovremmo riflettere attentamente prima di compiere atti che non siano necessari o che non abbiano come fine il risultato che ci siamo prefissi o che ci viene richiesto dal ruolo che occupiamo in un determinato momento. Siamo tutti un po'capitan Schettino ma, sulla terraferma, ci piace fare i capitan De Falco.

I governanti che durante il loro mandato si preoccupano solo di fare gli interessi personali, che non mantengono le promesse fatte al popolo prima di essere eletti e magari poi si ripresentano dopo una lunga assenza e ripromettono le stesse cose per essere rieletti sono come il comandante che fugge dalla nave che affonda perché loro fuggono ogni giorno mentre il paese affonda.

Alcuni hanno il coraggio di parlare ancora di speranza e di ospedali. Ma in realtà ti insegnano la speranza solo per tirare avanti fino alle prossime votazioni. La speranza è un'invenzione dei potenti per rendere il popolo soporoso, per addormentare la sua coscienza. Monicelli diceva: "La speranza è una trappola". Non facciamoci illudere ancora. Non facciamo i topi, restiamo sulla nave.

L'ho già detto, l'ospedale per molti diventa l'ultima dimora. Non svolazziamoci sopra come avvoltoi di campagna… elettorale.
  • Ospedale
Altri contenuti a tema
1 Lavori al Pta di Trani ma per Santorsola «Non possiamo dichiararci soddisfatti» Lavori al Pta di Trani ma per Santorsola «Non possiamo dichiararci soddisfatti» Ed annuncia: «Il 31 ottobre parteciperemo al sit-in ad Andria»
Dalla sistemazione dell'ingresso all'acquisto del mammografo digitale: novità al San Nicola di Trani Dalla sistemazione dell'ingresso all'acquisto del mammografo digitale: novità al San Nicola di Trani Delle Donne: «Stiamo lavorando per dare alla città un Pta all'avanguardia»
Ospedale di Trani, venerdì 26 un nuovo incontro sulla riconversione Ospedale di Trani, venerdì 26 un nuovo incontro sulla riconversione Sarà tracciato un primo bilancio dei trasferimenti in atto
1 Ospedale, Barresi: «I patti e i contratti sottoscritti si rispettano» Ospedale, Barresi: «I patti e i contratti sottoscritti si rispettano» La consigliere di opposizione commenta le ultime vicende sul nosocomio tranese
1 Medicina Interna passa a Bisceglie, Delle Donne: «Un chiaro passo in avanti per la realizzazione del Pta di Trani» Medicina Interna passa a Bisceglie, Delle Donne: «Un chiaro passo in avanti per la realizzazione del Pta di Trani» Il direttore dell'Asl Bat: «Stiamo rispettando i tempi e le attività annunciate»
Chiusura di medicina interna dell'ospedale di Trani, Santorsola: «La Asl deve agire in tempi brevi» Chiusura di medicina interna dell'ospedale di Trani, Santorsola: «La Asl deve agire in tempi brevi» «Un reparto senza attrezzature non aveva senso. Si proceda con la riorganizzazione del Pta»
L'ospedale di Trani? É colpa dell'umidità L'ospedale di Trani? É colpa dell'umidità A caccia di colpevoli dopo l'ennesima chiusura di un reparto
5 Ospedale di Trani, addio anche al reparto di medicina interna Ospedale di Trani, addio anche al reparto di medicina interna Da oggi ricoveri sospesi. L'unità operativa passa a Bisceglie
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.