Dr Hauze

Si può, si può

Dottor Hauze 100

Tutti si meravigliano che il nostro premier in una intercettazione telefonica abbia sostenuto, uscendo dalla sua stanza da letto, che se ne era fatte otto (non di ore di sonno!): io con questa di oggi, lo dichiaro pubblicamente, senza far consumare soldi allo Stato per intercettazioni e trascrizioni, che me ne sono fatte cento. Preciso che mi riferisco alle puntate di questa rubrica, come pure sono convinto che il presidente si riferiva forse a delle pipì: a quell'età, comunque, la prostata o la memoria fanno brutti scherzi!

L'odierno titolo è il sequel del precedente e lo dimostrerò in seguito. Prima devo puntualizzare alcune cose importanti per il futuro della nostra Trani. Dopo la provocazione (ma non tanto!) dell'annuncio della mia eventuale candidatura a sindaco, si è finalmente aperto un dibattito politico sull'argomento. Sono contento. Poiché nessuno «scettav u' brod d'anghenn», pensavo che se ne erano dimenticati che c'erano le votazioni o, peggio, che non avessero candidati. Per cui, con spirito di sacrificio, mi ero immolato. In verità sono ancora aperte questioni di metodo (primarie si o no, di partito o di coalizione) e già sono state avanzate diverse candidature più o meno autorevoli. Ora vedo che c'è la folla. Tuttavia non ho ancora sentito parlare di programmi, come se la questione di chi debba amministrare Trani nei prossimi cinque anni sia slegata dal come si intenda amministrarla. Io ritengo invece che prima si dovrebbe definire un programma comune a più partiti e movimenti, e solo successivamente individuare il candidato sindaco più adatto per realizzare tale programma. Il programma, peraltro, non deve servire semplicemente come libro dei desideri dei cittadini e dei sogni degli amministratori, da sbandierare in campagna elettorale per ottenere consensi, ma deve costituire il principale principio guida nell'azione amministrativa della città, cosa che nel recente passato non è affatto avvenuta e nei prossimi numeri della rubrica avrò modo di tornare sul programma elettorale dell'attuale coalizione, in modo da verificare insieme ai lettori, a mò di consuntivo, quanto era stato promesso e quanto è invece stato fatto.

Chi mi conosce bene sa che non sono un teoreta per cui su quanto innanzi scritto farò qualche esempio pratico. A mio parere uno dei pilastri dell'agenda politica della prossima amministrazione dovrà necessariamente essere quello dell'efficienza della macchina comunale. Non è pensabile continuare ad operare con dirigenti a scavalco, a tempo parziale, che si succedono gli uni agli altri dopo pochi mesi, o nominati per l'occasione dal sindaco di turno, a proprio uso e consumo! Come pure, of course, non è pensabile continuare ad avvalersi di dirigenti che in questi anni hanno fallito nel loro compito, con la città ridotta ad uno stato talvolta pietoso e con servizi inadeguati e spesso illegalmente prorogati (in alcuni casi, anche più volte) ai soliti noti, anziché essere periodicamente affidati con procedure ad evidenza pubblica. Non è nemmeno pensabile far finta di non vedere, e me ne assumo tutta la responsabilità, che a taluni dipendenti comunali, anziché stare a lavorare per guadagnarsi lo stipendio, venga permesso di vagare per il Comune senza meta. E' una manifestazione lampante del fallimento dei dirigenti. Con il vigente decreto legislativo 267/2000 la responsabilità esclusiva o maggiore di come vanno (male) le cose è dei dirigenti a cui la legge affida la gestione dell'azione amministrativa. Onori (lauto stipendio) e oneri. Oppure il futuro sindaco ritiene, all'italiana, di continuare a tenere alla testa del Comune chi ha fatto e permesso tutte le comunalate (cioè, porcate comunali) che da anni, incontestato, vado evidenziando e che i cittadini e le casse comunali subiscono? Volemose bene? No, assolutamente! Oppure il futuro candidato sindaco vuole avere come programma «Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto, chi ha dato, ha dato, ha dato. Scurdámmoce 'o ppassato, simmo 'e Trane paisá»? Non esiste proprio. So, inoltre, che taluni kapataz per garantirsi il futuro vanno facendo le chiese, a destra e a sinistra. Ma non lo si deve permettere. Si deve cambiare musica e musicanti. Oppure i candidati sindaci vogliono gattopardare? Voi, 23 fedeli lettori, condividete? E ora via col valzer delle comunalate.

Commissioni consiliari - Puntuale come ogni mese è stato pubblicato il report relativo ad agosto delle presenze dei consiglieri comunali ai fini della liquidazione dei gettoni di presenza. Nonostante il mese vacanziero, ancora una volta si assiste alla contestuale presenza di stakanovisti (con 15 presenze) e di fannulloni (con 0 presenze). Ricordando che l'attività delle commissioni consiliari dovrebbe essere propedeutica a quella del Consiglio comunale, non mi pare che l'attività di talune commissioni, che pure apparentemente lavorano a pieno regime, sia sfociata in atti di Consiglio comunale, visto che tolti i provvedimenti connessi agli adempimenti finanziari e quelli urbanistici, nei pochi Consigli tenutisi sono giunti ben pochi provvedimenti di altro tipo, e di questi taluni, anche clamorosamente, sono stati rimandati a tempi migliori, per mancanza di numero legale. Tant'è. Tempo fa al Comune di Trani venne fatto un blitz per individuare gli assenteisti: nessuno della legge si è occupato però dei presenzialisti, come recentemente avvenuto in altra città della nostra Regione. Il barbiere impara il mestiere sulle guance degli orfanelli, recita un proverbio siciliano. Peraltro, la mia proposta di rendere pubblici i verbali delle commissioni contribuirebbe a far comprendere ai cittadini quale sia l'effettiva attività svolta dai consiglieri comunali, fugando eventuali sospetti. Aspitt, ciucc mei, ca face l'erba verd.

Appalto T-red - Ho già espresso nei precedenti numeri, le mie incontestate perplessità sulla vicenda degli autovelox come pure su alcuni aspetti legati al bando dei t-red, tipo la mancata indicazione dei costi di manutenzione futura delle apparecchiature così da evitare quanto purtroppo successo per i pilomat e per le paline intelligenti (in un Comune, evidentemente, scimunito). Oggi, rilevato che tutti gli eletti e stipendiati comunali se ne fregano, evidenzio un'altra singolarità della procedura di aggiudicazione: quando tre anni fa venne bandita la gara per il noleggio dei sistemi di rilevazione delle infrazioni, la gara venne pubblicata il 3 settembre del 2008, dando tempo fino al 13 ottobre del 2008 per presentare le relative offerte. Questa volta la gara dei t-red è stata pubblicata all'albo pretorio il giorno 11 agosto 2011, dando tempo solo fino al 31 agosto 2011 per presentare le offerte. Ora mi chiedo: perché pubblicare una gara ad agosto, concedendo solo 20 giorni di calendario per presentare le offerte, quando per una gara simile, indetta dallo stesso dirigente, tre anni fa furono concessi ben 40 giorni di calendario? Il risultato di questa procedura affrettata (peccato che non esista un autovelox per le procedure di gara, altrimenti il dirigente sarebbe stato certamente multato) è che alla gara in questione ha partecipato una sola ditta, la quale ha peraltro presentato un ribasso risicato, irrisorio. Ora mi chiedo: il ribasso risicato ed irrisorio deriva da un'oculata individuazione del prezzo a base d'asta, oppure dalla quasi certezza, in capo all'impresa partecipante, di essere l'unico soggetto partecipante alla gara? Assaperlo!

Parcheggi a pagamento - Evidenzio come, nonostante il periodo di rodaggio sia stato superato, il servizio ancora non viene svolto in modo adeguato, almeno per quanto è possibile rilevare dagli articoli sulla stampa nonché dai commenti sui forum. Da più parti è stato richiesto all'Amet una sorta di rendiconto delle somme finora spese per attivare il servizio (dal costo per la gara, annullata, per l'acquisto dei parcometri, al costo per la tracciatura degli stalli, peraltro divenuti praticamente invisibili in poco tempo, al costo per l'installazione della segnaletica verticale, al costo per la stampa dei grattini, comprensivo dei bollini per correggerne il prezzo, per finire ai costi connessi al personale impiegato nel servizio), in confronto agli incassi (fra abbonamenti e grattini ordinari). Inoltre sono ancora in attesa (e gli utenti con me) di veder pubblicato il nuovo bando per l'acquisto dei parcometri, atteso che il 30 dicembre scadrà la possibilità di utilizzare come metodo di pagamento i grattini, e bisogna pur dare tempo alle imprese di partecipare alla gara e successivamente di installare i parcometri stessi. Come dire: aspetta e spera che già l'ora si avvicina.

Villa Guastamacchia - Pare che nella giornata odierna sarà portata all'attenzione della giunta la proposta di transazione relativa al terreno Guastamacchia che prevederebbe il pagamento in favore del Comune di Trani di un importo di circa 280.000 euro, a fronte della cessione del suolo, oggetto della causa con uno degli eredi Guastamacchia, con contestuale chiusura della vertenza a spese compensate. Considerando che il Comune di Trani ha già speso e spenderà somme rilevanti per pagare i legali che lo hanno assistito (con alterne fortune) nei tre gradi di giudizio, nonché l'avvocato incaricato di redigere il parere pro veritate, nelle casse comunali resterà ben poco. Complimenti. Inoltre non comprendo come si sia giunti ad una somma così esigua, atteso che sotto il profilo del giudizio civile, il Comune di Trani ha vinto l'appello, e che l'agenzia del territorio aveva stimato il valore del suolo de quo in circa 654.000 euro. Per inciso, l'attuale estensore del parere pro veritate, nelle vesti di difensore dell'avvocato che aveva rappresentato il Comune di Trani in primo grado, aveva stimato il valore dell'intero lascito Guastamacchia in tre milioni di euro. Se entrambe le stime sono corrette, ne dovremmo dedurre, per differenza, che il villino Guastamacchia, con l'annessa area verde non contestata, varrebbe circa 2.350.000 euro. Mah! Poichè riteniamo che l'area Guastamacchia sia strategica per gli interessi comunali, fermo restando il valore di stima dell'ufficio tecnico erariale, assunto come base di trattativa da entrambe le parti, mi pregio di proporre una proposta alternativa: anziché vendere all'erede Guastamacchia il terreno (incassando una quota pari a circa il 40% del valore) perché invece non chiudere il contenzioso pagando all'erede Guastamacchia la differenza fra valore del suolo ed importo che Guastamacchia ha dichiarato di essere disponibile a pagare in favore del Comune di Trani? Insomma, diamo noi a lui i soldi e ci teniamo il terreno. In questo modo, il Comune di Trani, a fronte di un impegno economico non eccessivo, manterrebbe l'intera proprietà del lascito Guastamacchia, sì da poterlo valorizzare opportunamente. Di contro, l'erede Guastamacchia incasserebbe una somma che gli permetterebbe di pagare i legali (prima di Bari e ora di Trani) che lo hanno assistito finora, e quant'altro, senza sborsare ulteriori somme, ma anzi guadagnandoci pure. Sono curioso di vedere il prosieguo della vicenda in Consiglio comunale. Dormi, tranquillo e asciutto.

E per questa volta è sufficiente. Hauze
Negli uffici provinciali di via De Gemmis manca la carta igienica. Sinceramente non c'è da meravigliarsi. Se la Bat paga ben 150 mila euro di fitto all'anno e la giustizia (da me interessata su questa porcata) non si muove, le casse della Provincia devono pur recuperare l'ingente spesa per la locazione da qualche parte. Eccheccapperi!

Tempo addietro, allibito, lessi del sequestro di una villa alle Matinelle (http://www.traniviva.it/magazine/notizie/sequestrata-una-villa-in-costruzione-a-matinelle/). A mia memoria e scienza, mi sembrò una caxxata. Ora la vicenda è arrivata al Tar che ha sospeso l'ordinanza comunale ed ha fissato a breve un'udienza. Il Comune, in merito, che ha fatto? Il 31 agosto l'ineffabile Russo (che russa sui russi da 130 euro a testa nel ristorante moroso ecclesiastico) in qualità di dirigente della seconda ripartizione, con atto numero 271, poiché ritiene che l'avvocato del Comune sia in tutt'altre faccende affaccendato, ha nominato difensore del Comune l'avvocato L.M. Bene. Solo che ignoro quale esperienza L.M. abbia già fatto nei giudizi presso il Tar. Probabilmente nessuna! E Russo, da Margherita di Savoia, tra tanti avvocati che stanno a Trani, scegliere l'avvocato L.M. per una causa che per il Comune è, diciamo, non facile? Insomma, questa causa al Comune la vogliono vincere o la vogliono perdere? Boh! Un'ultima cosa. A tutti i difensori, di volta in volta individuati (non si sa come) e nominati, vengono anticipati, per le spese, 1.000-1.500 euro. A questo L.M. nemmeno un euro! Possibile? E perché? Boh! Russo! Russo!

Sempre Russo. Determina della seconda ripartizione numero 242 del 22 luglio. Avviso di selezione per il censimento generale. In pubblicazione lo stesso 22 luglio sino al 6 agosto. Però le domande di ammissione per partecipare al censimento dovevano essere perentoriamente presentate entro il 2 agosto. Mentre la determina, non si comprende a che fine, è ancora in pubblicazione. Boh! Non solo. Perché questo limite russo del 2 agosto? Forse al Comune hanno voluto fare un blitz all'insegna del chi c'è, c'è; chi non c'è, ciuccia? Oppure ignorano che la circolare Istat numero 6 del 21 giugno 2011 stabiliva che le operazioni di selezione e nomina dei rilevatori devono essere effettuate entro il 12 settembre? E allora? Tutta quella fretta? Boh! Russo! Russo!

Festa del Pd in piazza Plebiscito. Non si può! Proprio la giunta Tarantini il 12 ottobre 2004 (atto numero 256 del registro generale) stabilì che su quella piazza non si possono svolgere manifestazioni dei partiti politici. Oppure è cambiata la normativa e me la sono persa? No? E allora come è stato possibile? L'atto di giunta richiamato permette le manifestazioni su quella piazza quando sono «organizzate dall'amministrazione a beneficio della totalità della cittadinanza». Allora si deve ritenere che la festa del Pd è stata patrocinata dall'amministrazione Tarantini? Ma sciatavinn!

In merito al libro da 800 euro su Garibaldi ho rilevato solo l'intervento della responsabile di palazzo Beltrani sulla cui seria ed encomiabile fattività non avevo alcun dubbio. Forse, anzi senza forse, il suo arrivo nel Palazzo di città è una delle poche cose buone fatte da questa amministrazione che si appresta a fare le valigie. Tant'è. Invece l'assessore Lovato non è pervenuto! Male. Aspetto con estremo interesse la determina di pagamento. Comunque: vergogna. In un momento di crisi, senza soldi ai servizi sociali, qualche capa contenta, dopo una mangiata al noto ristorante e una bevuta sotto le stelle, decide sine titulo di acquistare il libro. Ma sciatavinn, chiù subt d subt!
  • Parcheggi
  • Gettone di presenza
  • T-Red e Photored
  • Villa Guastamacchia
Dr Hauze

Dr Hauze

La rubrica a firma di Roberto Visibelli

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
Cyber-bullismo: se ne parla domani nel centro polivalente Villa Guastamacchia Cyber-bullismo: se ne parla domani nel centro polivalente Villa Guastamacchia Come prevenire i problemi ed aiutare la cosiddetta "Generazione Z"
A Villa Guastamacchia un fine settimana all'insegna di musica e teatro A Villa Guastamacchia un fine settimana all'insegna di musica e teatro Gli appuntamenti aperti al pubblico in programma venerdì e sabato
Posteggi fuori mercato permanenti o temporanei, manifestazione d'interesse del Comune di Trani Posteggi fuori mercato permanenti o temporanei, manifestazione d'interesse del Comune di Trani Domande entro il 24 luglio
1 Parcheggi selvaggi sul lungomare, nel weekend pioggia di multe Parcheggi selvaggi sul lungomare, nel weekend pioggia di multe Nel mirino anche i motorini in sosta sul marciapiede
1 Parcheggi a Trani, Loconte e Laurora: «Nulla si è fatto» Parcheggi a Trani, Loconte e Laurora: «Nulla si è fatto» Le soluzioni proposte da Italia in Comune
Ammortizzatori sociali ed integrazioni al reddito, se ne parla a Villa Guastamacchia Ammortizzatori sociali ed integrazioni al reddito, se ne parla a Villa Guastamacchia Durante l'incontro i paragoni tra le misure adottate nel nostro e negli altri Paesi europei
A Villa Guastamacchia nascono gli sportelli del Patronato e Caf A Villa Guastamacchia nascono gli sportelli del Patronato e Caf Oggi la presentazione del progetto
La verità, vi prego, sui parcheggi (e sui parcometri) La verità, vi prego, sui parcheggi (e sui parcometri) Mazza e panella di Giovanni Ronco
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.