Inbox

Scuola, istituzione formativa o asservita alle logiche del capitale?

La riflessione di uno studente del liceo De Sanctis

"Il nostro è un sistema scolastico desueto e da rottamare" urlano, o urlavano i più all'alba dell'era della globalizzazione, e il solo vedere parte di quei più far riferimento, novantatrè anni dopo, alla Riforma Gentile, "la più fascista delle riforme" (riprendendo le dichiarazioni di Mussolini), come la migliore mai varata mi fa sorridere. Mi fa sorridere che tra questi "più" ci siano molti sessantottini convinti, molte persone che animate, sine dubio, da un'ansia ideale hanno criticato aspramente la riforma "fascista",e da lì, come per la punta di un iceberg, tutto un sistema considerato arcaico. Rido di gusto ogni volta che penso a queste cose. Tuttavia, tornando al presente, non posso, a nome della mia generazione subire supinamente una riforma che si occupa della pubblica istruzione: la prima tessera del puzzle della gioventù. Frequento il liceo classico, e non posso svincolare la scuola dall'idea ellenica di "ginnasio", la palestra della mente, l'istituzione alla base della consapevole crescita dell'uomo come cittadino all'interno del macrocosmo costituito dalla vita sociale. (Siamo o no "animali sociali"?!)

Ebbene, non posso accettare una scuola gestita da sceriffi, non posso accettare una scuola che guarda alla tecnologizzazione senza fare i conti con il capitale umano e strutturale in suo possesso, non posso accettare l'annullamento dell'istituzione scolastica in favore dell'ossessione nei confronti dell'utile. Ritengo piuttosto che le competenze siano, concettualmente, un qualcosa con cui ci si è sempre misurati (lo dice Darwin, non certo io), piuttosto è da condannare il fanatismo con cui questo concetto ci viene propugnato. Mi sento un indigeno americano evangelizzato da un domenicano.

Capitolo alternanza scuola-lavoro...Nota dolente, e fosse l'unica! Come si può far sì che ventisettemila studenti diventino degli schiavi da fast food?! Come si può, in questo modo mascherare come "esperienza formativa" il volgare sfruttamento della manodopera a costo Zero? Cosa c'è di formativo nel girare un hamburger su una piastra?! Certo, la risposta ce la si può dare facendo mente locale e ricordandosi che il ministro dell'istruzione, Stefania Giannini, è una degli esperti tecnocrati al servizio dell'economia capitalista, ma non trascendiamo. (Spero non ci si accorga dell'uso della preterizione).

Ma siamo sicuri che questa scuola sia proprio "buona"? Siamo sicuri che assolva quella funzione ginnasiale primaria di cui sopra? Siamo sicuri che gli studenti siano menti pensanti e non frutto di una manipolazione impressa dall'esterno? Quanto vorrei che "Il mondo nuovo" fosse solo un libro.

Nicola Lampidecchia, studente del V anno del Liceo Classico
  • Liceo De Sanctis
Altri contenuti a tema
In piazza Quercia un flash mob per dire basta alla violenza sulle donne In piazza Quercia un flash mob per dire basta alla violenza sulle donne L'iniziativa domani a cura degli studenti del De Sanctis
La preside di Trani Grazia Ruggiero a Polignano per discutere di giovani e digitale La preside di Trani Grazia Ruggiero a Polignano per discutere di giovani e digitale Illustrate le esperienze fatte dagli studenti del De Sanctis sul territorio
Concorso di scrittura, i racconti di due alunne del liceo De Sanctis diventano un e-book Concorso di scrittura, i racconti di due alunne del liceo De Sanctis diventano un e-book Originalità e creatività: la tranese Cristina Diaferia vincitrice del contest
Alternanza scuola-lavoro, al via il progetto Asl@TrainiCamp2018: coinvolto al liceo De Sanctis di Trani Alternanza scuola-lavoro, al via il progetto Asl@TrainiCamp2018: coinvolto al liceo De Sanctis di Trani Gli studenti coinvolti in attività di analisi dei reperti archeologici
2 Ancora degrado al liceo De Sanctis: imbrattato l'ingresso Ancora degrado al liceo De Sanctis: imbrattato l'ingresso I genitori chiedono alle autorità urgenti interventi di pulizia
12 maggio 1980 per non dimenticare, il De Sanctis omaggia Alfredo Albanese 12 maggio 1980 per non dimenticare, il De Sanctis omaggia Alfredo Albanese Lo spettacolo teatrale si svolgerà oggi nel cortile della scuola
"Vivi Trani", al De Sanctis ospiti 170 alunni di Altamura "Vivi Trani", al De Sanctis ospiti 170 alunni di Altamura Visiteranno la città guidati dagli studenti tranesi
Giornata di studi desanctisiani: oggi a Trani Luciano Canfora Giornata di studi desanctisiani: oggi a Trani Luciano Canfora Si rinnova per il secondo anno la manifestazione dedicata al filosofo irpino
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.