Standing Ovation

Quel sorprendente Interludio

L’opera prima di Rino Negrogno. La recensione di Giovanni Ronco

Esordio letterario di tutto rispetto per il nostro concittadino Rino Negrogno. Infermiere barbuto e artista, con il debole per la scrittura. Il suo primo romanzo, ("Interludio", pubblicato da IL MIO LIBRO, 79 pagg., 10,50 euro) è una sorprendente performance di scrittura che s'innesta su tre rami: il personaggio principale, un tranese, verosimilmente l'autore stesso; il suo interlocutore, un viaggiatore, un turista giunto nella nostra città e bisognoso di guida e dritte per scoprirne la bellezza ed i tratti nascosti, nei confronti del quale il protagonista si offrirà come Cicerone; ed infine, terzo anello d'una declinazione narrativa di grande effetto, anche se a volte troppo "specchiata" nell'eleganza retorica, con termini di estrema ricercatezza (troppa per un dialogo tra due persone comuni), l'epopea ed il "teatro mentale" dei ricordi d'infanzia e di giovinezza, dei personaggi caratteristici o tragici, dei luoghi della memoria e delle rimembranze dell'autore, trasmesse, tra un'indicazione e l'altra, al turista "spugna": un interlocutore "passivo" che serve da "spalla" al protagonista e che non rivela la sua identità, pur ricordandogli sempre qualcuno con cui ha avuto familiarità.

Il racconto della vita e dei ricordi si snoda dunque al cospetto del turista, con le elucubrazioni più profonde ed anche a volte disperate, il sorriso sereno sulle debolezze della sua città, ma anche l'attenzione per problemi sociali come la coesistenza tra rom o extracomunitari e gente del posto. Emblematico a tal proposito il passaggio sui "vecchi luridi" che abusano sessualmente delle zingarelle in piazza della Repubblica, infilando la mano grinza nella maglietta della malcapitata per dare sfogo ai propri bassi istinti (fatto realmente accaduto e denunciato dallo stesso autore in diversi suoi interventi). Il romanzo breve di Rino non disdegna riflessioni e ricordi legati al suo rapporto col sacro (ricorda una confessione fatta dopo 20 anni di lontananza dal sacramento che non colmò pienamente quel bisogno mistico). Un' "esigenza" che di tanto in tanto, spesso e volentieri, emerge nel racconto, anche attraverso meditazioni, bisogno di silenzio, attenzione per i disperati della Terra e per le loro sofferenze (diversi i personaggi richiamati in tal senso nella "galleria" presentata da Negrogno, tra un'indicazione ed una meditazione); un po' come il Caracas di "Napoli Ferrovia" di Ermanno Rea. Interludio ci lascia con una grande ombra finale, che in verità pervade tutto l'arco della narrazione: la categoria implacabile del tempo che passa, con tutti gli annessi e connessi, positivi e negativi, che subentrano nell'arco esistenziale, vedi la bellezza dei dolci ricordi, ma anche le sofferenze portate dallo scorrere di quella divinità laica riconosciuta dall'autore (Crono, il Tempo). E l'ombra, o la liberazione più grande, il grande simbolo di questo mostro, il Tempo, la sua sacerdotessa spietata, sembra essere la vecchiaia. Un tema che suggeriamo all'autore per uno dei suoi prossimi romanzi. Ci ha informato di essere già alle prese col secondo.
  • Libri
  • Rino Negrogno
Standing Ovation

Standing Ovation

Standing Ovation è la rubrica culturale di TraniViva. Cinema, teatro, libri, arte: uno sguardo sulle idee culturali sviluppate in ambito cittadino con le recensioni puntuali del professor Giovanni Ronco

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
All'auditorium San Luigi la presentazione di "Codice Rosso" di Rino Negrogno All'auditorium San Luigi la presentazione di "Codice Rosso" di Rino Negrogno Appuntamento il 17 aprile
Pubblicato “Codice rosso”: il quarto libro dello scrittore tranese Rino Negrogno Pubblicato “Codice rosso”: il quarto libro dello scrittore tranese Rino Negrogno L'autore si racconta e descrive il suo lavoro nel 118
L'amore secondo Brigida Frigione L'amore secondo Brigida Frigione Esordio letterario per una giovane autrice tranese
Così parlava mio nonno: il vocabolario deĺla lingua tranese Così parlava mio nonno: il vocabolario deĺla lingua tranese Il nuovo libro per il vernacolo del prolifico Francesco Pagano
Domenico Sarro, ora non perdetevi la biografia scritta da Rino Mennea Domenico Sarro, ora non perdetevi la biografia scritta da Rino Mennea Saggio biografico sulla vita di un grande musicista tranese
Biblioteca, al via una raccolta fondi per il recupero del patrimonio librario di Palazzo Vischi Biblioteca, al via una raccolta fondi per il recupero del patrimonio librario di Palazzo Vischi Le donazioni a partire dal 10 marzo con la collaborazione del liceo classico
In libreria il "gioiello" di Lucia Rosa Pastore In libreria il "gioiello" di Lucia Rosa Pastore Antonio Bassi, quella raffinata scultura da ricordare
"Oltre i limiti meravigliosa...mente", da Luna di sabbia la presentazione del libro "Oltre i limiti meravigliosa...mente", da Luna di sabbia la presentazione del libro Gli utili ricavati saranno utilizzati per migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.