Standing Ovation

Viaggio (molto educativo) nella Trani del Settecento

Le recensioni di Giovanni Ronco

Un'interessante opera a quattro mani, quella che vi segnaliamo questa settimana. "Trani echi del Settecento" di Nereo Maccon e Saverio Cortellino, pagine 370, Landriscina Editrice Trani, realizzato anche con la collaborazione di Giovanni Bruno, è un testo di grande rigore formale e contenutistico e ricostruisce, con un adeguato ed inedito "focus", la Storia di Trani in un secolo di grande fermento politico e culturale come appunto il Settecento.

Una Trani "potente" e fastosa, "Capitale" della Provincia in Terra di Bari, fino alla tragica caduta del 1 aprile 1799. Gli autori Nereo Maccon (pseudonimo d'un noto docente e studioso tranese) e Saverio Cortellino hanno curato rispettivamente il progetto con l'accurata documentazione e le indagini e analisi storiche, mentre Gianni Bruno si è concentrato sulle ricerche e sugli approfondimenti ecclesiastici. Nel Settecento Trani appare come un lucente mosaico il cui splendore si riflette sul tessuto urbano ed i suoi cittadini che beneficiarono d'una forte tensione alla concretezza, all'amore per la cultura, ad un riformismo illuminato; tutti fattori dettati da una borghesia imprenditoriale rampante, da un clero dinamico e da un popolo motivato e attivo anche nelle professioni più umili. Insomma una cittadinanza che seppe remare in un'unica direzione e che seppe soppiantare una nobiltà parassitaria e passiva, un ceto burocratico ossequioso e servile.

Era una "Trani da bere" ? Non esageriamo. Era una Trani che lavorava in tutti i settori ed ognuno dei cittadini nella sua sfera per essere e consolidarsi come "Un'eccellenza" nel contesto pugliese. In questo vivace substrato s'innestarono istituzioni civili e religiose che seppero guidare la Città in questo rilancio della "partecipazione" contro i privilegi di una "casta" ante litteram, un ceto nobile osteggiato e visto come una "palla di piombo", nel rilancio economico e politico. Dopo la creazione di questo humus, dopo la "semina" da parte di istituzioni competenti e agili nella condotta etica e sociale, ecco giungere i frutti concreti che costituirono le medaglie d'una Trani pronta a essere vista come città potente ed influente nello snodo e nella declinazione d'una Storia che avrebbe illuminato, seppur per poco, la nostra realtà. Pensiamo alla ridefinizione del Porto, tutt'oggi considerato come una delle poche "grandi opere" e durature e funzionali alla vita commerciale e culturale; pensiamo alla grande stagione del Teatro altro "raggio" d'una Storia che anche in questo settore si sarebbe rivelata avara. Avremmo perso malamente anche quello, oltre al titolo di Capitale – capoluogo della Provincia della Terra di Bari.

Il fiorire di centri socio – culturali di spessore come il Capitolo Metropolitano, il seminario e lo stesso Teatro sono segnali d'una comunità che lavorò per il proprio crescente benessere, dimostrandosi, soprattutto attraverso la succitata borghesia, intraprendente e volitiva. Basti pensare alla fiorente attività d'esportazione di cereali verso Napoli, tanto per fare un esempio. Palazzi, opere d'arte, personaggi e monumenti scandiscono nel testo i passaggi, fotografati col rigore di studiosi custodi della nostra Memoria, di una Storia unica nel suo concretizzarsi per una Trani che purtroppo, proprio con la chiusura del secolo in questione, conobbe un epilogo tragico e disastroso, che pur nella sua sanguinosa dimensione, avrebbe ancora una volta portato in grembo, "leopardianamente" parlando, nuove speranze per nuove ere luminose, grazie allo spirito solidale di tanti tranesi di alto spessore morale, che ancora avrebbero caratterizzato la vita della nostra Città, negli anni a seguire.
  • Libri
Standing Ovation

Standing Ovation

Standing Ovation è la rubrica culturale di TraniViva. Cinema, teatro, libri, arte: uno sguardo sulle idee culturali sviluppate in ambito cittadino con le recensioni puntuali del professor Giovanni Ronco

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
Scrittura emotiva, oggi a Trani l'autore e psicologo Benedetto Fera Scrittura emotiva, oggi a Trani l'autore e psicologo Benedetto Fera Presenterà il suo ultimo libro e racconterà i vissuti dolorosi che ha dovuto affrontare a causa del “sistema scolastico”
Magistratura e legalità, venerdì a Barletta un prestigioso evento rotariano Magistratura e legalità, venerdì a Barletta un prestigioso evento rotariano Sarà presentato il libro "I ritratti del coraggio — Lo Stato italiano e i suoi magistrati" 
Il maggio dei libri: diversità e integrazione nel programma di Fondazione Seca e Libreria Miranfù Il maggio dei libri: diversità e integrazione nel programma di Fondazione Seca e Libreria Miranfù Il progetto Oltremaggio abbraccia il Mediterraneo e l’Africa. Ecco il calendario degli appuntamenti
Pubblicato “Codice rosso”: il quarto libro dello scrittore tranese Rino Negrogno Pubblicato “Codice rosso”: il quarto libro dello scrittore tranese Rino Negrogno L'autore si racconta e descrive il suo lavoro nel 118
L'amore secondo Brigida Frigione L'amore secondo Brigida Frigione Esordio letterario per una giovane autrice tranese
Così parlava mio nonno: il vocabolario deĺla lingua tranese Così parlava mio nonno: il vocabolario deĺla lingua tranese Il nuovo libro per il vernacolo del prolifico Francesco Pagano
Domenico Sarro, ora non perdetevi la biografia scritta da Rino Mennea Domenico Sarro, ora non perdetevi la biografia scritta da Rino Mennea Saggio biografico sulla vita di un grande musicista tranese
Biblioteca, al via una raccolta fondi per il recupero del patrimonio librario di Palazzo Vischi Biblioteca, al via una raccolta fondi per il recupero del patrimonio librario di Palazzo Vischi Le donazioni a partire dal 10 marzo con la collaborazione del liceo classico
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.