Standing Ovation

Viaggio (molto educativo) nella Trani del Settecento

Le recensioni di Giovanni Ronco

Un'interessante opera a quattro mani, quella che vi segnaliamo questa settimana. "Trani echi del Settecento" di Nereo Maccon e Saverio Cortellino, pagine 370, Landriscina Editrice Trani, realizzato anche con la collaborazione di Giovanni Bruno, è un testo di grande rigore formale e contenutistico e ricostruisce, con un adeguato ed inedito "focus", la Storia di Trani in un secolo di grande fermento politico e culturale come appunto il Settecento.

Una Trani "potente" e fastosa, "Capitale" della Provincia in Terra di Bari, fino alla tragica caduta del 1 aprile 1799. Gli autori Nereo Maccon (pseudonimo d'un noto docente e studioso tranese) e Saverio Cortellino hanno curato rispettivamente il progetto con l'accurata documentazione e le indagini e analisi storiche, mentre Gianni Bruno si è concentrato sulle ricerche e sugli approfondimenti ecclesiastici. Nel Settecento Trani appare come un lucente mosaico il cui splendore si riflette sul tessuto urbano ed i suoi cittadini che beneficiarono d'una forte tensione alla concretezza, all'amore per la cultura, ad un riformismo illuminato; tutti fattori dettati da una borghesia imprenditoriale rampante, da un clero dinamico e da un popolo motivato e attivo anche nelle professioni più umili. Insomma una cittadinanza che seppe remare in un'unica direzione e che seppe soppiantare una nobiltà parassitaria e passiva, un ceto burocratico ossequioso e servile.

Era una "Trani da bere" ? Non esageriamo. Era una Trani che lavorava in tutti i settori ed ognuno dei cittadini nella sua sfera per essere e consolidarsi come "Un'eccellenza" nel contesto pugliese. In questo vivace substrato s'innestarono istituzioni civili e religiose che seppero guidare la Città in questo rilancio della "partecipazione" contro i privilegi di una "casta" ante litteram, un ceto nobile osteggiato e visto come una "palla di piombo", nel rilancio economico e politico. Dopo la creazione di questo humus, dopo la "semina" da parte di istituzioni competenti e agili nella condotta etica e sociale, ecco giungere i frutti concreti che costituirono le medaglie d'una Trani pronta a essere vista come città potente ed influente nello snodo e nella declinazione d'una Storia che avrebbe illuminato, seppur per poco, la nostra realtà. Pensiamo alla ridefinizione del Porto, tutt'oggi considerato come una delle poche "grandi opere" e durature e funzionali alla vita commerciale e culturale; pensiamo alla grande stagione del Teatro altro "raggio" d'una Storia che anche in questo settore si sarebbe rivelata avara. Avremmo perso malamente anche quello, oltre al titolo di Capitale – capoluogo della Provincia della Terra di Bari.

Il fiorire di centri socio – culturali di spessore come il Capitolo Metropolitano, il seminario e lo stesso Teatro sono segnali d'una comunità che lavorò per il proprio crescente benessere, dimostrandosi, soprattutto attraverso la succitata borghesia, intraprendente e volitiva. Basti pensare alla fiorente attività d'esportazione di cereali verso Napoli, tanto per fare un esempio. Palazzi, opere d'arte, personaggi e monumenti scandiscono nel testo i passaggi, fotografati col rigore di studiosi custodi della nostra Memoria, di una Storia unica nel suo concretizzarsi per una Trani che purtroppo, proprio con la chiusura del secolo in questione, conobbe un epilogo tragico e disastroso, che pur nella sua sanguinosa dimensione, avrebbe ancora una volta portato in grembo, "leopardianamente" parlando, nuove speranze per nuove ere luminose, grazie allo spirito solidale di tanti tranesi di alto spessore morale, che ancora avrebbero caratterizzato la vita della nostra Città, negli anni a seguire.
  • Libri
Altri contenuti a tema
"Oltre i limiti meravigliosa...mente", da Luna di sabbia la presentazione del libro "Oltre i limiti meravigliosa...mente", da Luna di sabbia la presentazione del libro Gli utili ricavati saranno utilizzati per migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità
Oggi a Palazzo San Giorgio la presentazione del libro "Liberi dagli artigli" Oggi a Palazzo San Giorgio la presentazione del libro "Liberi dagli artigli" Il racconto di Nunzia Di Bari tratto da una storia vera
"Valerio": pubblicato il romanzo d'esordio di Giovanni Mici tranese d'adozione "Valerio": pubblicato il romanzo d'esordio di Giovanni Mici tranese d'adozione Una storia cruda e realistica che non risparmia pugni nello stomaco al lettore
Anche a Trani #ioleggoperché: lodevole iniziativa e bilancio positivo Anche a Trani #ioleggoperché: lodevole iniziativa e bilancio positivo I cittadini impegnati nel donare libri alle biblioteche scolastiche
Premio Megamark, Emanuela Canepa con il suo "L'animale femmina" vince la 3ª edizione Premio Megamark, Emanuela Canepa con il suo "L'animale femmina" vince la 3ª edizione Scelta da una giuria popolare di 40 lettori porta a casa 5000 euro
Il regista romano Paolo Genovese fa tappa a Trani Il regista romano Paolo Genovese fa tappa a Trani Il 18 settembre presenterà il suo ultimo romanzo "Il primo giorno della mia vita"
"Valerio": a dicembre l'esordio letterario di Giovanni Antonio Mici "Valerio": a dicembre l'esordio letterario di Giovanni Antonio Mici L'autore di adozione tranese presenta in anteprima il suo primo romanzo
"Prendi un libro, rendi un libro", oggi in villa comunale l'inaugurazione della Free Little Library "Prendi un libro, rendi un libro", oggi in villa comunale l'inaugurazione della Free Little Library A disposizione dei lettori una trentina di libri da rinnovare ogni settimana
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.