Sorveglianza
Sorveglianza
Vita di città

A Trani incidenza di criminalità "elevatissima"ma lo Stato nega un finanziamento per nuovo impianto di videosorveglianza

L'unico Comune della Bat ad essere ammesso è Trinitapoli

Sono in arrivo fondi ministeriali per l'installazione di sistemi di videosorveglianza, finalizzati a combattere degrado e illegalità: l'unico Comune della Bat ammesso al finanziamento è Trinitapoli. E' quanto si apprende dalla graduatoria finale dei Patti per la Sicurezza urbana, progetto ministeriale a cui hanno fatto richiesta di adesione le Prefetture di tutta Italia.

I Comuni ammessi al finanziamento (428 in totale) potranno così installare le telecamere in alcuni punti ritenuti sensibili posti all'ingresso della città o in prossimità di chiese, scuole, parchi o altri luoghi d'interesse strategico, culturale o sedi di aggregazione. Non da meno anche le periferie, spesso teatro di episodi di violenza. L'obiettivo è prevenire e reprimere atti illeciti nei punti in cui si registra una intensa attività cittadina, così come contrastare quei comportamenti che incidono sul degrado urbano, come I'abbandono di rifiuti.

L'incidenza della criminalità calcolata sulla base del numero di abitanti è stato il fattore determinante per lo stanziamento. A Trani, su 56 mila abitanti, l'incidenza di criminalità risulta "elevatissima" ma ciò non è bastato per concedere al Comune al finanziamento di oltre 300 mila euro. Il 22 giugno, in tal senso, fu sottoscritto un patto tra il prefetto della Bat ed il sindaco della Città di Trani per l'attuazione della sicurezza urbana. Ad agosto fu approvato il progetto cittadino per un nuovo sistema di video sorveglianza comunale ad integrazione con quello preesistente per il monitoraggio di ulteriori aree della città. Da qui la relazione della Prefettura Bat per candidare Trani al finanziamento insieme ad altri Comuni della Bat, come le vicine Bisceglie o Andria.
  • Videosorveglianza
Altri contenuti a tema
1 Nuovo impianto di video sorveglianza, la Prefettura approva il progetto di Trani Nuovo impianto di video sorveglianza, la Prefettura approva il progetto di Trani La città candidata al finanziamento per la realizzazione
Città insicura? Il Comune finanzia la videosorveglianza Città insicura? Il Comune finanzia la videosorveglianza Prenotati 50 mila euro di spesa per la manutenzione dell'impianto già esistente
Wifi e videosorveglianza, 700mila euro per innovazioni tecnologiche Wifi e videosorveglianza, 700mila euro per innovazioni tecnologiche I fondi arrivano dal progetto Bat Innovation
Gli occhi dei Carabinieri sulle telecamere di videosorveglianza di Trani Gli occhi dei Carabinieri sulle telecamere di videosorveglianza di Trani Il sindaco ha firmato un atto di indirizzo per la consegna delle credenziali di accesso alle immagini
Sicurezza nelle scuole, Paolillo: «Telecamere» Sicurezza nelle scuole, Paolillo: «Telecamere» Il consigliere comunale pensa anche al wi fi nelle scuole medie
Trani, baby gang in azione in via San Giorgio Trani, baby gang in azione in via San Giorgio Scene da Arancia Meccanica. A soqquadro due attività
«Da tempo attendiamo la videosorveglianza in piazza Duomo» «Da tempo attendiamo la videosorveglianza in piazza Duomo» La Curia commenta gli sfregi alla Cattedrale di Trani
Uffici Bat in via De Gemmis, la sicurezza costa 18mila euro Uffici Bat in via De Gemmis, la sicurezza costa 18mila euro Dopo il furto di gennaio, installati allarmi e videosorveglianza
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.