Nuovo padiglione carcere Trani
Nuovo padiglione carcere Trani
Cronaca

Aggressione ad un agente della Polizia Penitenziaria da parte di un detenuto psichiatrico del carcere di Trani

La reazione del Sappe all'ennesimo episodio avvenuto alla Vigilia di Natale

Mentre il segretario nazionale SAPPE Federico Pilagatti si apprestava a inviare gli auguri di buon Natale a nome del sindacato polizia penitenziaria, un ennesimo gravissimo episodio è avvenuto proprio il giorno della vigilia di Natale ai danni di una guardia della polizia penitenziaria da parte di un detenuto con problemi psichiatrici che vive tra il carcere di Trani e i reparti psichiatria.

La denuncia del segretario nazionale è oltremodo grave, laddove viene a risultare che i detenuti finiscono per avere più garanzie delle guardie penitenziarie troppo spesso accusate di utilizzare modi estremi per arginare i comportamenti dei detenuti.

L'ultimo episodio si aggiunge ad altri recenti, descritti nel comunicato che pubblichiamo integralmente, compresi gli auguri di buon Natale agli organi di Stato che ovviamente suonano di un tono amaramente ironico e fortemente accusatorio .

"Proprio così, nemmeno a Natale si ferma la catena di violenza da parte di detenuti con problemi psichiatrici nei confronti della polizia penitenziaria.

Ormai sono diverse centinaia le aggressioni a poliziotti che hanno costellato il 2021, ma ciò non ha riscosso nessun interesse a partire dai mass media pronti crocifiggere l'intero corpo di polizia penitenziaria se a un detenuto viene fatto un piccolo graffio, alle Istituzioni nazionali che dopo aver chiuso i manicomi se ne sono fregati delle conseguenze, ai responsabili della sanità pugliese che candidamente hanno ammesso che non possono seguire tutti i "pazzi" rinchiusi nelle carceri pugliesi, per mancanza di specialisti psichiatri.


Così questi detenuti con licenza di "ammazzare" tanto poi non pagano nulla in virtù della loro situazione psichiatrica, abbattono come birilli dei lavoratori che per 1600 euro al mese rischiano giornalmente la vita.

Il detenuto che ha aggredito il poliziotto l'antivigilia di Natale sarebbe un soggetto psichiatrico anche violento che farebbe la spola tra il carcere di Trani, (ma questa situazione è comune a tutti i penitenziari da Foggia a Lecce, Taranto , Bari, Brindisi ,Turi ecc.) e il reparto psichiatria dell'ospedale, ove rimarrebbe ricoverato qualche giorno per far poi ritorno nel carcere.

Peraltro questi poliziotti debbono applicare una difesa passiva e cioè prendere solo le botte, poiché un minimo graffio al detenuto scatena garanti, associazioni ecc.ecc.

Emblematico quanto accaduto qualche settimana fa presso il carcere di Bari ove un detenuto psichiatrico dopo aver mandato all'ospedale tre poliziotti, denunciò gli stessi poiché i familiari gli avevano trovato un piccolo graffio che lo stesso si era procurato nella foga di colpire i poliziotti. "

Situazioni peraltro su cui, come anzidetto, si buttano a capofitto certi "garanti dei detenuti", (un doppione visto che la legge già prevede da anni un "vero garante dei detenuti" che è il magistrato di sorveglianza,) che non si preoccupano di verificare in maniera corretta quello che effettivamente accade nelle carceri, ma fanno solo da cassa di risonanza per i detenuti, con lo scopo di affossare del tutto la sicurezza e l'Istituzione carceraria.

Vogliamo augurare a tutti a partire dal Presidente della Repubblica, del Consiglio, Ministro della Giustizia , vertici del DAP sempre pronti a giustificare i detenuti e mettere sotto accusa i poliziotti, un buon Natale dal SAPPE, sindacato autonomo polizia penitenziaria."
  • Carcere di Trani
Altri contenuti a tema
Cerimonia di dedicazione dell'aula bunker nella casa circondariale alla memoria di Antonio Lorusso Cerimonia di dedicazione dell'aula bunker nella casa circondariale alla memoria di Antonio Lorusso L'appuntato fu ucciso nel maggio del 1971 insieme al Procuratore della Repubblica di Palermo Scaglione
Carcere di  Trani, Sappe: "Ancora violenza  dei detenuti… quando finirà?" Carcere di  Trani, Sappe: "Ancora violenza  dei detenuti… quando finirà?" Il sindacato Polizia penitenziaria denuncia invano da mesi l' impellenza di correre ai ripari 
Riabilitazione psichiatrica in carcere, oggi la presentazioni dei progetti in biblioteca Riabilitazione psichiatrica in carcere, oggi la presentazioni dei progetti in biblioteca Inoltre sarà sottoscritto il protocollo di intesa per la costituzione di un tavolo tecnico
Sappe: «Una vergogna da chiudere le sezioni del carcere di Trani» Sappe: «Una vergogna da chiudere le sezioni del carcere di Trani» Il sindacato di Polizia penitenziaria interviene nuovamente sulle condizioni di detenuti e personale
Due anni e otto mesi al giovane che evase dal carcere di Trani Due anni e otto mesi al giovane che evase dal carcere di Trani Deve anche finire di scontare una condanna per omicidio
Covid: 26 detenuti e 24 poliziotti risultati positivi nel carcere di Trani Covid: 26 detenuti e 24 poliziotti risultati positivi nel carcere di Trani Pilagatti (Sappe): "Amministrazione il responsabile che aperto la sezione blu senza un reintegro di personale"
Pestato a sangue un detenuto nel carcere di Trani: "Situazione insostenibile" Pestato a sangue un detenuto nel carcere di Trani: "Situazione insostenibile" Il coordinamento sindacale penitenziario denuncia le richieste inascoltate al Ministro Cartabia e al capo Dap Petralia
Il sindacato polizia penitenziaria richiede uno screening generale Covid nel carcere di Trani Il sindacato polizia penitenziaria richiede uno screening generale Covid nel carcere di Trani La necessità si unisce ad altre criticità sollevate alla Azienda Sanitaria Locale
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.