Scuola e Lavoro

Allarme occupazione nel calzaturiero

Quattromila famiglie a rischio

L'Associazione C.T.A. di TRANI (Commercio, Turismo, Artigianato e servizi) lancia l'allarme occupazione per il comparto manifatturiero – calzaturiero della città di Trani. "Secondo i dati reali in possesso della ns. Associazione che annovera tra i propri iscritti oltre 100 aziende del settore calzaturiero (su 160 aziende presenti a Trani) - spiega il presidente Michele De Marinis - sono circa 4.000 le famiglie tranesi che rischiano di perdere il loro reddito a causa della grave crisi economica internazionale ed in particolare della concorrenza sleale dei paesi asiatici. I calzaturifici, tomaifici, suolifici, solettifici, tacchifici, scatolifici, etichettifici e le numerosissime orlatrici che lavorano nella ns. città, sono destinati a chiudere se non si provvederà al più presto ad adottare misure di salvaguardia del prodotto italiano ed in particolare del settore manifatturiero – calzaturiero.""Le aziende tranesi non temono la concorrenza internazionale, continua De Marinis. Già in passato, la scrivente Associazione nel corso dei suoi 15 anni di attività può documentarlo, le Aziende Associate hanno saputo affrontare e superare momenti di crisi economica di notevole gravità e da sole sono riuscite a competere con il mercato mondiale facendo grandi sacrifici, investendo in strutture, e riuscendo a diversificare i "modelli", realizzandoli in pochissimi giorni e lanciarli sul mercato mondiale: il tutto sempre rispettando le regole europee per la salvaguardia dei diritti e della salute dei lavoratori e dei consumatori. Nulla possono fare oggi contro una concorrenza sleale basata sullo sfruttamento dei lavoratori e dei bambini, sull'utilizzo di prodotti altamente tossici e nocivi. Non è difficile spiegare ai consumatori perché una stessa scarpa fabbricata in Cina costi solo 5 euro mentre quella fabbricata a Trani ne costi 18 euro. Le nostre aziende non intendono delocalizzare la loro produzione. Sono orgogliose di essere Italiane, Pugliesi e Tranesi ma soprattutto vogliono continuare a lavorare ed a dare qui occupazione a migliaia di famiglie: vogliono essere sempre più una parte trainante della economia di questa città.

Invitiamo pertanto il Sindaco della Città di Trani ed il Presidente del Consiglio Comunale, nonché neo-Consigliere Regionale, ad organizzare con la massima urgenza una pubblica assemblea che veda partecipi consiglieri comunali, forze politiche, rappresentanti sindacali, organizzazioni di categoria e i cittadini tutti per far sentire la voce di Trani e delle sue aziende del settore manifatturiero - calzaturiero. Dalla Regione, dal Parlamento Italiano e da quello Europeo ci attendiamo in tempi brevi, tutte le misure più idonee per la salvaguardia e la tutela delle aziende e dei lavoratori tranesi.
  • Tac
Altri contenuti a tema
Vertenza Franzoni, giorni cruciali Vertenza Franzoni, giorni cruciali Giovedì incontro in Regione per portare avanti il progetto della cooperativa
La Cna: «I partiti litigano mentre le aziende chiudono» La Cna: «I partiti litigano mentre le aziende chiudono» Letale la stretta del credito operata dalle banche
Ente dell’artigianato pugliese, via alla campagna adesioni Ente dell’artigianato pugliese, via alla campagna adesioni Se ne fa promotrice la Cna di Trani
Crisi del tac, la Provincia prende in mano la situazione Crisi del tac, la Provincia prende in mano la situazione Camero e Spina incontreranno le parti sociali per studiare il rilancio
«Estendere l'accordo sul Tac anche a Franzoni» «Estendere l'accordo sul Tac anche a Franzoni» Nichi Vendola scrive al ministro
Tessile e calzaturiero, obbligatoria l'etichetta col Paese d'origine Via libera del Parlamento europeo: regolamento esteso ad altri settori
Calzaturiero: 120 milioni di euro in tre anni per il TAC L'on. Carlucci ha presentato un emendamento alla Finanziaria
Interventi a protezione del settore tessile e calzaturiero Importante incontro al Castello di Trani
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.