Industria calzaturiera
Industria calzaturiera
Scuola e Lavoro

La Cna: «I partiti litigano mentre le aziende chiudono»

Letale la stretta del credito operata dalle banche. Appello della confederazione al prefetto

Gli associati della sezione di Trani della Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa (Cna) lanciano l'allarme: « Mentre i Partiti sono impegnati nella competizione elettorale amministrativa, continuando a litigare tra loro e anche al proprio interno, le imprese locali continuano a chiudere».

Solo tra le imprese associate alla Cna del settore calzaturiero, in questi ultimi mesi, hanno chiuso i battenti 4 aziende e 80 famiglie hanno perso il lavoro. Altre 5 aziende rischiano di seguire la stessa sorte nei prossimi mesi se le cose non dovessero cambiare. C'è molta rabbia tra le imprese poiché la causa principale che sta portando al fallimento numerose aziende del settore non è solo la concorrenza sleale asiatica o la diminuzione dei consumi, ma soprattutto la stretta del credito operata dalle banche, nei confronti delle aziende anche sane presenti nel nostro territorio. I rubinetti sono chiusi anche a coloro che sono garantiti al 50% dai cofidi.

«Dall'inizio del nuovo anno - denunciano gli associati tranesi - abbiamo ricevuto e continuiamo a ricevere molti ordini, ma non abbiamo la liquidità necessaria per acquistare la materia prima dai fornitori, anch'essi in difficoltà. I tempi di pagamento delle fatture da parte dei nostri clienti si sono allungati a dismisura e non riusciamo molte volte ad anticipare l'Iva. Per l'estivo 2012, grazie alla moda che punta ad una varietà di colori delle scarpe, al contrario dei soliti colori base, il mercato, anche europeo, è ritornato a richiedere il made in Italy. Le aziende di Trani sono tra le poche nel meridione attrezzate per il pronto moda e il rapido assortimento. In pochissimi giorni si riescono a produrre e consegnare migliaia di scarpe garantendo alta qualità. Non possiamo perdere questa grande opportunità, abbiamo bisogno ora e subito di un minimo di ossigeno per rimanere sul mercato e non chiudere».

Le banche hanno ricevuto dalla Bce un bel pò di soldi al costo del 1%. Secondo la Cna «gli istituti non devono pensare solo al rafforzamento del loro patrimonio e a seguire le regole di Basilea. Stare sul mercato non significa pensare solo agli utili. Le banche devono assumersi la responsabilità sociale di quello che fanno». Per la Cna anche gli istituti di credito del territorio devono, in questo momento particolare, essere vicini alle imprese locali e sostenerle con capitale fresco, soprattutto quelle che hanno la tesoreria del Comune, dell'Amet e dell'Amiu «e in particolare – si legge nella nota dell'associazione – la banca che gestisce i 14 milioni di euro depositati dall'Amiu per il post esercizio della discarica. Chiediamo pertanto alle Istituzioni pubbliche, in particolare Comune e Provincia, di intervenire con la massima urgenza con atti concreti per risolvere questo importante problema, sollecitando, anche con l'ausilio del prefetto, i rappresentanti delle banche a sostenere le imprese del territorio che vogliono ancora competere e garantiscono occupazione».
  • Crisi economica
  • Cna
  • Tac
Altri contenuti a tema
Dalla crisi finanziaria alle nuove opportunità di sviluppo: seminario a Trani Dalla crisi finanziaria alle nuove opportunità di sviluppo: seminario a Trani Un'iniziativa dell'Arcidiocesi e dell'Ordine dei commercialisti
Settore bancario in crisi, cosa sta succedendo? Settore bancario in crisi, cosa sta succedendo? Spallucci (Ucid): «È ora di assumersi responsabilità di scelte difficili»
Tari invariata, soddisfazione per le associazioni di categoria Tari invariata, soddisfazione per le associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti e Cna ringraziano i consiglieri contrari all'aumento
Tari ancora in aumento, le associazioni di categoria contro il Comune Tari ancora in aumento, le associazioni di categoria contro il Comune Confcommercio, Confesercenti e Cna: «Una nuova inaccettabile stangata»
Controllo e manutenzione caldaie, la Cna Bat in stato di agitazione Controllo e manutenzione caldaie, la Cna Bat in stato di agitazione Sul piede di guerra gli impiantisti termo-idraulici contrari alla campagna della Provincia
Tari 2014, richiesti ai contribuenti 880mila euro in più Tari 2014, richiesti ai contribuenti 880mila euro in più La Cna Bat invita il sindaco Bottaro a provvedere al rimborso
Crisi? Cna Bat propone il "baratto amministrativo" Crisi? Cna Bat propone il "baratto amministrativo" Sulla stessa linea il consigliere Lima: «Chi non può pagarle le tasse lavori per la città»
Tari, operazione verità. Cna Bat: «Il costo reale ammonta a 12 milioni» Tari, operazione verità. Cna Bat: «Il costo reale ammonta a 12 milioni» «Tariffe spropositate rispetto a quelle dei comuni limitrofi»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.