Comizio di Rino Negrogno
Comizio di Rino Negrogno
Politica

"Caso bimbi Rom", Negrogno (Sel) plaude al comportamento del Dirigente

«Siamo razzisti tra di noi, figuriamoci con gli zingari»

«Quando 2 anni fa dovevamo iscrivere mio figlio al primo anno di scuola elementare, abbiamo scoperto che, rispetto a quando ero alunno, le cose non sono affatto cambiate». Inizia così la nota inviata dal responsabile delle Politiche Sociali e del Lavoro di Sel, Rino Negrogno. «Il cellulare di mia moglie - scrive - squillava continuamente e mia moglie se ne stava ad ascoltare in silenzio o rispondendo a monosillabi. Preoccupato, le chiesi spiegazioni. Erano mamme di bambini che, come nostro figlio, avrebbero iniziato la scuola elementare. La loro grave ambascia era quale fosse la classe migliore e quindi quale maestra scegliere. Pare ce ne fossero alcune molte gettonate dalle persone di un certo ceto sociale. Mia moglie ed io ci chiedevamo cosa intendessero per "classe migliore" ma comunque non ci lasciammo trascinare in questo gioco borghese. Quando frequentavo il liceo scientifico, c'erano solo due sezioni, la A e la B. La A era quella dei VIP mentre la B quella dei comuni mortali (ho usato un eufemismo), ovviamente io ero nella B. Le cose mi pare stiano ancora più o meno così.

In questo contesto immutabile della nostra società civile, immaginiamoci cosa possa accadere se, in una classe di VIP o in una classe di comuni mortali dove buona parte dei genitori ha già subito l'affronto frustante di non stare tra i VIP, arrivano dei bambini rom. Ecco, siamo razzisti tra di noi, figuriamoci con gli zingari. Probabilmente quelli che non vogliono i bambini rom a scuola sono gli stessi che non li vogliono ai semafori, ma solo perché preoccupati per lo smog che respirano. Ma va! Quelli che: "non sono razzista ma", "sono cristiano ma non frequento", "piove governo ladro".

Mio figlio quando li ha visti con il grembiule e lo zaino pieno di supereroi proprio come il suo ha esclamato: papà guarda, gli zingari vanno a scuola, così potranno avere una vita migliore. È una soddisfazione per un padre.

Un grande plauso - conclude Negrogno - anzi grandissimo al direttore scolastico Gaetano Scotto che, quando alcuni genitori, turbati dalla presenza dei bambini rom, ne hanno chiesto il trasferimento ad altra classe o scuola, la sua risposta è stata categorica: "Piuttosto trasferite i vostri". Così è avvenuto. Grazie».
  • Rino Negrogno
  • Rom
Altri contenuti a tema
L'infermiere-poeta, lo chiamano così Rino Negrogno L'infermiere-poeta, lo chiamano così Rino Negrogno E domenica presenterà il suo nuovo libro "Il Miracolo"
6 Villa di via Verdi sempre occupata: e nella notte scoppia un incendio Villa di via Verdi sempre occupata: e nella notte scoppia un incendio La struttura abbandonata è sempre meta di rom
14 Zona Mattinelle, è allarme roghi nel campo rom Zona Mattinelle, è allarme roghi nel campo rom Un residente denuncia: «Nessun controllo e nessun aiuto»
Rino Negrogno a Bisceglie testimonial contro la violenza sui bambini Rino Negrogno a Bisceglie testimonial contro la violenza sui bambini All'incontro ha preso parte anche la professoressa tranese Anna Caiati
Rino Negrogno presenta il suo primo romanzo, "Interludio" Rino Negrogno presenta il suo primo romanzo, "Interludio" Appuntamento questa sera presso la libreria Luna di Sabbia
Quel sorprendente Interludio Quel sorprendente Interludio L’opera prima di Rino Negrogno. La recensione di Giovanni Ronco
Il porticato vicino alla stazione è la nuova dimora dei rom Il porticato vicino alla stazione è la nuova dimora dei rom Luogo abitato anche da bambini, troppi i pericoli presenti
"Questione rom", Antonio Loconte propone un regolamento "Questione rom", Antonio Loconte propone un regolamento Divieti e controlli protocollati dal commissario cittadino di Riva Destra
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.