Carone, Damato
Carone, Damato
Eventi e cultura

Cosimo Damiano Damato e Pierdavide Carone portano in scena a Palazzo Beltrani “Yossl Rakover si rivolge a Dio”

Sabato 27 gennaio 2024 un intenso e coinvolgente spettacolo teatrale-musicale

In occasione della "Giornata della Memoria", sabato 27 gennaio 2024, Cosimo Damiano Damato e Pierdavide Carone portano in scena, alle ore 20,30 a Palazzo delle Arti "Beltrani" a Trani (BT), il testo di Zvi Kolitz "Yossl Rakover si rivolge a Dio".

"Yossl Rakover si rivolge a Dio" è l'ultimo messaggio scritto da un combattente del ghetto di Varsavia mentre il cerchio della morte si stringeva intorno a lui e ritrovato «tra cumuli di pietre carbonizzate e ossa umane, sigillato con cura in una piccola bottiglia». Pochi conoscevano allora con precisione la storia della rivolta ebraica di Varsavia e della tragedia che con essa si consumò, ma subito il testo dell'ignoto combattente che chiama in causa Dio e il suo silenzio di fronte al trionfo dell'orrore, cominciò una lunga e singolare peregrinazione per il mondo fra Israele, Germania, Francia, Stati Uniti, diventando simbolo, lascito testamentario di chi si rivolta contro l'iniquità.

La narrazione del poeta e drammaturgo Damato, scandita dalle canzoni dal vivo eseguite dal cantautore Carone, accompagnato da Giuseppe Bassi al contrabbasso, attinge ad un repertorio d'autore civile sulla Shoah e sulla condanna delle guerre, con una matrice da preghiera laica, , fra cui 'Auschwitz' di Francesco Guccini, 'La guerra di Piero' di Fabrizio De Andrè, 'Henna' di Lucio Dalla, 'La storia' di Francesco De Gregori, 'Portatemi Dio' di Vasco Rossi, 'Il cielo di Austerlitz' di Roberto Vecchioni, ed ancora 'Dove vola l'avvoltoio' scritta da Italo Calvino, 'Lulù e Marlene' dei Litfiba, 'Il carmelo di Hecht' di Battiato/Camisasca e 'Certo che sì' scritta dallo stesso Pierdavide Carone, presente nel suo primo album "Nanì e altre storie" prodotto da Lucio Dalla. Carone, giunto al successo per aver vinto il premio della critica in un noto talent, nel 2012 partecipa al 62° Festival di Sanremo proprio con il grande Dalla con il brano 'Nanì', che darà poi il nome all'album.

«Yossl Rakover si rivolge a Dio è una lettera breve, intensa e potente – commenta Damato – in cui si chiede conto a Dio sul perché abbia taciuto e chiuso gli occhi dinanzi allo sterminio del popolo ebreo. Un'orazione, una preghiera, un graffio di bestemmia in una supplica rabbiosa e allo stesso tempo devota che trasforma il sentimento di smarrimento, dolore e pietà in una fede incrollabile. Quasi una sfida a Dio di Rakover che continua a credere ostinatamente nel suo Dio anche mentre l'umanità brucia insieme ai suoi figli e alla sua casa. Ma non bruciano la speranza e la carità, virtù cardinali per ogni ebreo».
  • Palazzo Beltrani
Altri contenuti a tema
Elogio della composizione, visite guidate domenica 14 e giovedì 25 Elogio della composizione, visite guidate domenica 14 e giovedì 25 L’esposizione, in collaborazione con l’Archivio Eredi Giuseppe Cavalli, con il contributo di Alessia Venditti, fino al 31 maggio 2024 a Trani
Sulle note di Puccini, nuovo appuntamento a Palazzo Beltrani Sulle note di Puccini, nuovo appuntamento a Palazzo Beltrani Omaggio in musica della Scuola di Canto del conservatorio ‘N. Piccinni’ di Bari al grande musicista a cento anni dalla scomparsa
Presentata la mostra fotografica di Giuseppe Cavalli a Palazzo Beltrani Presentata la mostra fotografica di Giuseppe Cavalli a Palazzo Beltrani Alla conferenza stampa è intervenuta una delegazione di Lucera, città natale del fotografo
Elogio della composizione, la fotografia di Giuseppe Cavalli in mostra a Palazzo Beltrani Elogio della composizione, la fotografia di Giuseppe Cavalli in mostra a Palazzo Beltrani Il primo tra gli appuntamenti della nuova stagione artistica
Grandi nomi per la ricca stagione artistica a Palazzo Beltrani Grandi nomi per la ricca stagione artistica a Palazzo Beltrani Alcuni ospiti: Ray Gelato, Tony Esposito, Karima e Walter Ricci, Gaia Gentile e Raffaello Tullo
A Palazzo delle Arti Beltrani a Trani “La trappola del patriarcato” a cura dell’antropologo Felice Di Lernia A Palazzo delle Arti Beltrani a Trani “La trappola del patriarcato” a cura dell’antropologo Felice Di Lernia Sabato 9 marzo il secondo appuntamento degli incontri sul complicato mondo delle relazioni con professionisti, terapeuti ed esperti
Da domani a Palazzo Beltrani a Trani una serie di incontri sul mondo delle relazioni con professionisti, terapeuti ed esperti Da domani a Palazzo Beltrani a Trani una serie di incontri sul mondo delle relazioni con professionisti, terapeuti ed esperti Si inizia con la psicoterapeuta e psicologa forense Liliana Bellavia e il tema della “Psicopatologia dei legami affettivi”
"Caotica-mente": il mondo esperienziale di Gigi Bucci a Palazzo Beltrani in mostra dal 15 febbraio "Caotica-mente": il mondo esperienziale di Gigi Bucci a Palazzo Beltrani in mostra dal 15 febbraio La personale dell’artista con una trentina di opere pittoriche a tecnica mista sul complesso tema della mente umana
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.