Discarica
Discarica
Politica

Discarica, Cinquepalmi: «Con la salute dei cittadini non si scherza»

La consigliere ritorna sull'argomento a cinque anni dalla chiusura del sito

A parte l'indiscussa abilità del Sindaco nel tacere su quelli che sono i reali esiti del piano di caratterizzazione non si registra ad oggi alcun intervento significativo sulla messa in sicurezza della discarica. Sono passati ben cinque anni dal 2014, da quando la discarica è stata chiusa.

Dagli esiti del piano di caratterizzazione e dall'analisi del rischio emergono ufficialmente le condizioni di contaminazione della falda acquifera da Manganese e la non conformità rispetto alla concentrazione soglia di contaminazione per i Solfati, Alluminio, Boro, Nichel e Tricolometano. Emerge anche che l'origine della contaminazione è correlata alla perdurante presenza di percolato nei lotti della discarica. Le analisi effettuate sui campioni di percolato prelevati dai pozzi di monitoraggio, evidenziano la possibile correlazione tra la qualità del percolato in uscita dalla parete della discarica e i contaminanti presenti nell'acqua di falda che più a valle viene utilizzata anche per uso irriguo.

Il 'Modello Concettuale del Sito' reso ufficiale dal Piano di Caratterizzazione evidenzia che sul lotto 3 permane la perforazione della membrana di protezione della discarica derivante dalla non corretta captazione del biogas, che continua a determinare la dispersione di percolato e di sostanze inquinanti che continuano a diffondersi contaminando la falda sotterranea e la falda acquifera.

Il "Modello Concettuale del Sito" più dettagliatamente conferma la rottura della sponda Nord del terzo lotto a quote comprese tra 10 e 17 metri di profondità ed a tutt'oggi non essendoci stato alcun intervento sulla tenuta idraulica della sponda persistono le stesse condizioni fisiche che hanno originato 5 anni fa la contaminazione della falda acquifera.

La presenza di metalli pesanti come il Nichel risultano essere altamente tossici e stabili poiché insolubili. Purtroppo, il terzo lotto è a tutt'oggi privo di capping, la copertura del I e II lotto è temporanea e, quindi, facilmente logorabile e lacerabile.

Tuttora, nel corpo della discarica le precipitazioni meteoriche producono un incremento del carico idraulico prodotto dal percolato che potrebbe ulteriormente incrementare la pressione sulla barriera idraulica inducendo ulteriori sversamenti dei contaminanti in falda.

Visti gli esiti del Piano di Caratterizzazione e dell'analisi del rischio, l'emergenza non è stata superata, l'ordinanza (n. 25 del 23/9/2016) con la quale il Sindaco sosteneva che occorreva provvedere con estrema urgenza al completamento degli interventi di messa in sicurezza di emergenza, stante l'accertato stato di inquinamento, sussiste ancora.

Senza indugio dal 2014 si doveva procedere alla copertura del I, II e III lotto unitamente alla realizzazione dell'impianto di raccolta e trattamento delle acque meteoriche ed alla raccolta e smaltimento del percolato.

L'ordinanza di tre anni fa doveva salvaguardare la tutela e l'incolumità dei cittadini tranesi in quanto la situazione riscontrata metteva in serio pericolo l'incolumità pubblica e privata che di fatto non è stata salvaguardata visto che è emerso un rischio concreto per la risorsa idrica sotterranea e per le contaminazioni indirettamente correlate.

L'ordinanza sindacale, unica nel suo genere, è servita principalmente ad autorizzare l'Amministratore di Amiu a prelevare cospicue somme dal conto vincolato dell'Amiu (fondo post gestione) per pagare l'emungimento del percolato. Stiamo parlando di oltre 4 milioni di Euro.

Alle parole devono seguire i fatti e ad oggi come risulta da documenti ufficiali, fatti non ce ne sono, solo una rappresentazione distorta della realtà, una cattiva gestione del denaro pubblico corredate molteplici verità sottaciute.

A ciò si aggiunga che i recenti incontri tra i membri dell'Amministrazione comunale e della Regione con questo quadro distorto della realtà risultano essere tutt'altro che rassicuranti! E poi, un dubbio, la Piattaforma di Trasferenza vuole celare il fatto che l'impianto diventi una "discarica di soccorso" per l'intero bacino?

Questa Piattaforma di Trasferenza raccoglierà i rifiuti di tutti i Comuni del bacino o raccoglierà solo i rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata del Comune di Trani?

Maria Grazia Cinquepalmi (Consigliere Comunale)
  • Discarica
Altri contenuti a tema
Discarica di Trani, ora è ufficiale: il sito sarà definitivamente chiuso Discarica di Trani, ora è ufficiale: il sito sarà definitivamente chiuso Al Comune 7 milioni di euro per la copertura di due dei tre lotti
Discarica, Colangelo (Legambiente): «Occorre una soluzione definitiva e concordata» Discarica, Colangelo (Legambiente): «Occorre una soluzione definitiva e concordata» «Gli interventi tampone rischiano di essere cosa vana»
Discarica, Barresi risponde all'assessore di Gregorio: «Falsi allarmismi e verità nascoste» Discarica, Barresi risponde all'assessore di Gregorio: «Falsi allarmismi e verità nascoste» La consigliera: «Non c'è nessun rischio di esplosione»
Discarica di Trani, valori nei limiti anche nel mese di luglio Discarica di Trani, valori nei limiti anche nel mese di luglio In corso altri lavori di messa in sicurezza del sito
Discarica di Trani: valori nei limiti anche nel mese di giugno Discarica di Trani: valori nei limiti anche nel mese di giugno Il punto degli interventi finora attuati
Discarica, la Giunta approva il progetto per la chiusura definitiva del sito Discarica, la Giunta approva il progetto per la chiusura definitiva del sito Il costo complessivo è di oltre 11 milioni
Impianti pubblici rifiuti, Mennea: «Anche Trani non ha condiviso alcun piano regionale» Impianti pubblici rifiuti, Mennea: «Anche Trani non ha condiviso alcun piano regionale» Il consigliere regionale prende atto della non volontà del Comune di ospitare un impianto per il trattamento del percolato
Mega impianto di trattamento del percolato, il sindaco: «Non accadrà mai» Mega impianto di trattamento del percolato, il sindaco: «Non accadrà mai» Amedeo Bottaro si aspetta una rettifica da parte della Regione
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.