Giovanni Di Leo
Giovanni Di Leo
Politica

Edilizia senza controllo, Di Leo: "Il sindaco sbaglia a parlar male del lavoro di chi lo ha preceduto"

Il consigliere della Lega controbatte alle dichiarazioni di Bottaro

«Quando mi hanno detto che il sindaco IO aveva rotto il suo timido silenzio con una intervista ad un quotidiano, ho pensato che doverosamente rispondesse alle pesanti accuse che vengono rivolte ogni santo giorno contro la sua amministrazione, accusata di clientelismo, accuse che hanno travalicato i confini tranesi. Invece si è scomodato per parlare di urbanistica, altro argomento oscuro degli ultimi anni. Evidentemente la lingua batte dove il dente più duole». Sono le parole del consigliere della Lega Gianni di Leo.

«Ancora una volta (l'ennesima in questi penosi anni) alle accuse rivoltegli sulla "edilizia senza controllo", ha ribattuto affermando che la colpa non è sua e della sua gestione della città, ma del PUG "del centrodestra" approvato nel 2009.
Io vorrei rispondere a queste affermazioni con alcune considerazioni. La prima è politica: il PUG è frutto di co-pianificazione fra Comune di Trani e Regione Puglia, all'epoca due amministrazioni di schieramenti opposti, conseguente ad un serrato confronto e del raggiungimento di un equilibrio tra le aspirazioni di autoregolamentazione del nostro territorio e indirizzi regionali. Il PUG appartiene al centrosinistra quanto appartiene al centrodestra. D'altra parte non ricordo voti contrari da parte del centrosinistra nel consiglio comunale nel quale venne approvato.
La seconda è che il PUG si dovette conformare al PRG del 1971, conservandone l'estensione delle aree edificabili, pur abbassando notevolmente gli indici di fabbricabilità (ma di questo non se n'è accorto e infatti IO afferma il contrario) rispetto al precedente strumento urbanistico generale, che aveva determinato il considerevole sviluppo edilizio della città negli anni '70-'80-'90, dando lavoro ad imprenditori, indotto, maestranze, professionisti e notai.

Il terzo motivo è che lo sviluppo demografico non è più un parametro su cui impostare i piani regolatori, a seguito della L.R. n.20/2001, ma anche di questo IO non se ne è accorto e continua a a ripetere concetti vecchi di trenta anni. Il quarto motivo è gestionale: io non sono un tecnico, ma molti di loro affermano che il problema non è il PUG, ma come lo si attua: le numerose procedure di smembramento (con procedure che vengono ritenute illegittime) dei comparti, senza peraltro fornire nessuna motivazione urbanistica, stanno stravolgendo le previsioni del Piano, le cessioni di cubature fra suoli con diverso indice di fabbricabilità fondiario distanti svariate centinaia di metri contrastano con la consolidata giurisprudenza della Corte di Cassazione, la restituzione gratuita di suoli comunali ai privati che si sarebbero potuti invece utilizzare come aree a parcheggio pubblico, le anomalie nelle distanze dei fabbricati dalle strade e nelle distanze fra fabbricati, per non parlare dei PUE che spesso sono occasioni perse di ottenimento di urbanizzazioni primarie.

Il quadro che emerge, che tende a favorire i privati rispetto al pubblico, è una devastazione sistematica delle modalità attuative del Piano e la configurazione della città a pollaio dell'entroterra piuttosto che a moderna città turistica. Il sindaco sbaglia, e di grosso, a parlar male del lavoro e dei traguardi di chi lo ha preceduto.

Dovrebbe invece criticare la sua amministrazione, che in sette/otto lunghissimi anni non e' stata capace di adeguare il PUG al PPTR, non è stata capace di redigere ed approvare il Piano delle Coste, che pure erano punti (fantasiosi) del suo programma. Dovrebbe invece, una buona, volta reindossare gli umili panni con cui si è presentato alla città, dismettendo il doppiopetto rampante».
  • Amedeo Bottaro
Altri contenuti a tema
Frecce tricolori, una giornata da godersi a piedi Frecce tricolori, una giornata da godersi a piedi Bottaro: “Evento da godersi a piedi, per la zona nord predisposto servizio di trasporto pubblico”
Frecce Tricolori: città in fermento per l’arrivo della pattuglia acrobatica Frecce Tricolori: città in fermento per l’arrivo della pattuglia acrobatica Bottaro: “Unico evento nel sud d’Italia, grande vetrina su una Trani”
Amet: Bottaro risponde a Nigretti Amet: Bottaro risponde a Nigretti "Necessaria ľinterruzione per procedere con gare pubbliche per ľaffidamento dei servizi"
Bottaro: “Felicissimi di spiegare l’importanza della differenziata” Bottaro: “Felicissimi di spiegare l’importanza della differenziata” AMIU e Città di Trani nuovamente tra i Paperweeker
6 Trani ancora protagonista su ‘Striscia la notizia’: Brumotti all’ex Psicopedagogico Trani ancora protagonista su ‘Striscia la notizia’: Brumotti all’ex Psicopedagogico Bottaro: “È un fallimento dello Stato, ma anche mio”
Bottaro: "L'allarme bomba una prova di efficienza per il sistema di sicurezza della Città" Bottaro: "L'allarme bomba una prova di efficienza per il sistema di sicurezza della Città" ll sindaco interviene ancora sull'episodio di ieri che ha calamitato l'attenzione nazionale
Il sindaco: «Allarme cessato: niente bomba, ma non era proprio la colomba di Pasqua» Il sindaco: «Allarme cessato: niente bomba, ma non era proprio la colomba di Pasqua» Ancora al vaglio flaconi con contenuto pericoloso per la salute
Il Cta chiede la realizzazione di una rete fognaria nera in via Curatoio Il Cta chiede la realizzazione di una rete fognaria nera in via Curatoio "Non è più possibile continuare ad operare in una zona industriale ed artigianale che nel 2024 è ancora priva di una rete pubblica"
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.