Scuola e Lavoro

Filatura Franzoni, chiusura in vista a Trani

E anche la Casa di Riposo chiude i battenti

La città incassa due colpi pesantissimi. Dal 31 luglio è stata sospesa ogni forma di attività all'interno della Casa di Riposo dei Cappuccini. Trasferiti in altra località i residenti della struttura (a Modugno), ci si interroga sul futuro della Casa, afflitta da noti problemi economici che potrebbero essere attenuati dalla vendita degli immobili di proprietà dell'Ente, ipotesi già al vaglio da diversi anni.

Come non bastasse, la cronaca di questi giorni presenta la vicenda della chiusura (certa salvo clamorosi sviluppi) dello stabilimento di Trani della Franzoni filati. L'incontro fra l'amministratore delegato, Graziella Franzoni, il sindaco, Giuseppe Tarantini, e l'assessore alle politiche del lavoro, Roberto Visibelli, è servito solo per confermare le intenzioni dell'azienda, ossia quello di mantenere aperto lo stabilimento bresciano e di chiudere quello di Trani già a settembre.

Una situazione difficile quella che si prospetta per i 176 dipendenti di Trani, che potranno beneficiare sì degli ammortizzatori sociali ma senza avere grandi prospettive per il futuro. Nei piani dell'azienda c'è la possibilità di aprire un altro stabilimento di filatura all'estero, mentre l'unica ipotesi per continuare ad investire a Trani sarebbe stata prospettata attraverso la realizzazione di un centro commerciale nella stessa area.

Roberto Visibelli, assessore alle politiche del lavoro, così come il sindaco, si sono detti piuttosto scettici. «L'azienda Franzoni - spiega - evidentemente pensa di utilizzare pretestuosamente il destino degli operai. Il progetto non solo è in contrasto con le previsioni urbanistiche previste dal DPP e dal PUG per quel posto ma non è assolutamente ipotizzabile nel breve periodo perché quella zona è priva di qualsiasi tipo di urbanizzazione primaria e di viabilità di servizio. Non dimentichiamoci inoltre che le autorizzazioni per questo tipo di attività le rilascia la Regione che non credo abbia nelle previsioni la realizzazione di una tal struttura a Trani".

I sindacati intanto annuciano battaglia garantendo il sostegno ai lavoratori, mentre sul fronte politico si registra la raccolta di firme di alcuni consiglieri di maggioranza e opposizione (De Simone, Corrado, Uva, Ferri, Gelso, Troysi, De Noia, Cognetti, Caffarella, Di Gregorio, Laurora, Ferrante, Marinaro) per la convocazione di un consiglio comunale monotematico sulla vicenda.
  • Ex filatura Franzoni
  • Casa di riposo
Altri contenuti a tema
Ex casa di riposo Vittorio Emanuele di nuovo occupata: l'accesso da una finestra laterale Ex casa di riposo Vittorio Emanuele di nuovo occupata: l'accesso da una finestra laterale Una famiglia dimora all'interno ma c'è pericolo di crollo
Casa di riposo Vittorio Emanuele II, Anna Curci è il nuovo commissario straordinario Casa di riposo Vittorio Emanuele II, Anna Curci è il nuovo commissario straordinario La struttura chiusa da quattro anni in attesa di strategie di riattivazione
Vittorio Emanuele II: ci sono i finanziamenti, manca la concessione dal Comune Vittorio Emanuele II: ci sono i finanziamenti, manca la concessione dal Comune Nell'idea progettuale due centri diurni capaci di ospitare fino a 60 persone
Asp Vittorio Emanuele, oggi confronto aperto a forze politiche e cittadini Asp Vittorio Emanuele, oggi confronto aperto a forze politiche e cittadini Il commissario Zingarelli traccia il bilancio del semestre di attività
"Vittorio Emanuele II", via il presidente Craca. Di Lernia: «Inizia nuovo ciclo» "Vittorio Emanuele II", via il presidente Craca. Di Lernia: «Inizia nuovo ciclo» Le dimissioni avviano un lungo iter di ristrutturazione aziendale
"Vittorio Emanuele II", i soldi ai privati fuori città "Vittorio Emanuele II", i soldi ai privati fuori città Da un anno la struttura è ferma, gli anziani ospitati a Corato
Fondaco dei Longobardi, incerto il destino del palazzo Fondaco dei Longobardi, incerto il destino del palazzo L'edificio rimane puntellato. Ma la ristrutturazione langue
Asp "Vittorio Emanuele II", un altro tesoro sprecato Asp "Vittorio Emanuele II", un altro tesoro sprecato L'ente vanta un ricco patrimonio, ma la burocrazia lo sta sgretolando
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.