Pierro
Pierro
Solidarietà

Giuseppe Pierro mette a disposizione dei profughi ucraini pasti caldi e aiuto professionale

Il gesto solidale del presidente Ops e patron di Ad Maiora

Sono passati 44 anni dal rapimento di Aldo Moro e la strage della sua scorta in via Fani a Roma. Lo statista pugliese fu ucciso anche lui, dopo 55 giorni prigioniero delle brigate rosse. Quel rapimento ha segnato in maniera indelebile la storia dell'Italia e non solo. "Oggi quel sequestro e la sua tragica conclusione, alla luce di quello che sta accadendo in Ucraina, ripropongono uno scenario geopolitico ricomparso in tutta la sua drammatica attualità - spiega il direttore del Tgnorba Enzo Magistà, amico e sostenitore dell'osservatorio Ops. - Moro fu rapito e ucciso perché insieme a Berlinguer puntava al superamento del blocco che governava il mondo con la guerra fredda: l'Unione Sovietica da una parte, gli Stati Uniti dall'altra.

Berlinguer sfuggì miracolosamente alla morte. Moro invece fu ucciso e quel sogno svanì. Ma il seme era stato piantato e undici anni dopo il Muro di Berlino cadde. Da allora alcune repubbliche ex sovietiche si dettero una costituzione e proclamarono l'indipendenza da Mosca. Tra queste anche l'Ucraina. Putin adesso ha deciso di ripercorrere la strada al contrario e vuol riprendersi il territori perduto. Prima la Crimea, poi il Donbass e adesso l'Ucraina. Il disegno di Moro non piaceva nè a Mosca nè a Washington - ha concluso Magistà -. Ma mentre l'America se ne è fatta una ragione, la Russia ancora no". Una guerra che non sembra più tanto lontana, sembra quasi di sentirle quelle bimbe, il rumore dei carri armati, i volti insanguinati, la gente che piange e chiede aiuto, giunta anche in Puglia, in Basilicata, nelle nostre case.

"Questo conflitto ha già fatto troppe vittime innocenti, gente comune e anche soldati mandati al fronte per combattere una guerra folle - ha detto il presidente di Ops Giuseppe Pierro, ambasciatore di pace nel mondo -.

L'auspicio è che presto possa tornare la pace, l'appello è ai potenti della Terra. Noi come Osservatorio siamo pronti ad offrire pasti caldi e aiuto professionale, grazie agli esperti che fanno parte di Ops, alle popolazioni in fuga dalla guerra".

Oggi il ricordo va a quei ragazzi come tanti che 44 anni fa persero la vita, uccisi mentre mentre compivano il loro dovere: Domenico Ricci, Giulio Rivera, Francesco Zizzi, Raffaele Iozzino e Oreste Leonardi.
  • Ad Maiora
Altri contenuti a tema
Family Day, seconda edizione dell'iniziativa della casa editrice Ad Maiora Family Day, seconda edizione dell'iniziativa della casa editrice Ad Maiora Una speciale giornata di aggregazione e spensieratezza per staff e famiglie
Una festa anni '80 per le dipendenti di Ad Maiora Una festa anni '80 per le dipendenti di Ad Maiora Ospite d'onore la showgirl e dj Jo Squillo
Ad Maiora, festa d'estate per le dipendenti. Ospite Jo Squillo Ad Maiora, festa d'estate per le dipendenti. Ospite Jo Squillo L'editore Pierro: «Anche quest'anno ci sarà un riconoscimento alle dipendenti più meritevoli»
Con Beppe Convertini un viaggio nell’Italia delle bellezze nascoste Con Beppe Convertini un viaggio nell’Italia delle bellezze nascoste Presentata a Trani l’originale guida turistica pubblicata dalla casa editrice Ad Maiora
“In viaggio con Beppe Convertini”, domani la presentazione a Trani “In viaggio con Beppe Convertini”, domani la presentazione a Trani La nuova guida del presentatore di origini pugliesi edito da Ad Maiora
“In viaggio con Beppe Convertini”, la presentazione a Trani “In viaggio con Beppe Convertini”, la presentazione a Trani Dialogo con l’autore e firmacopie promosso dalla casa editrice Ad Maiora
Ad Maiora Edizioni presenta le ultime novità al Salone del Libro di Torino Ad Maiora Edizioni presenta le ultime novità al Salone del Libro di Torino Bilancio positivo per l'esperienza alla più grande fiera dell'editoria italiana
La casa editrice Ad Maiora alla Fiera del Libro di Torino La casa editrice Ad Maiora alla Fiera del Libro di Torino In programma oggi il talk condotto da Beppe Convertini
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.