Canzio
Canzio
Associazioni

Il presidente della Cassazione ai magistrati di Trani: «Se sbaglia un giudice, sbaglia la democrazia»

Giovanni Canzio sulla sentenza per l'assegno di divorzio: «La giurisprudenza si adegua alla società»

La visita nel Tribunale di Trani del primo presidente della Corte di Cassazione, Giovanni Canzio, fa parte di un tour per parlare dell'indipendenza della magistratura. Ed è quanto Canzio ha fatto nel pomeriggio nella biblioteca storica dell'ordine forense, tenendo anche una lectio magistralis "Indipendenza ed autonomia della Magistratura: una ri-lettura dei principi costituzionali".

Ma Canzio, durante il suo incontro a Palazzo Torres, ha parlato a lungo del ruolo del magistrato e della funzione dei Tribunali definiti "impropriamente di provincia". «Chi usa questi termini – ha sottolineato - non si rende conto che il diritto nasce dal basso. Tutti siamo stati giudici di provincia, prima di approdare a incarichi direttivi, in Corte d'Appello o di Cassazione", ha detto. "Non si nasce giudici di Cassazione o presidenti di una sezione di Cassazione o presidenti di Corte. Si comincia a fare il giudice di frontiera e il diritto si costruisce da lì. La nomofilachia non viene costruita nella aule di Cassazione: i processi non nascono in Cassazione ma ci arrivano».

Canzio ha anche affrontato il tema del ruolo dei magistrati nella società. «Il giudice oggi ha molti più poteri di prima, tocca gli interstizi della governance economico e sociale di questo Paese, ha sottolineato. «Ma non è possibile implementare un potere senza la contemporanea implementazione della responsabilità di un potere. E quindi continuo a chiedere, innanzitutto a me stesso, di partecipare al lavoro straordinario della regola del caso concreto con forte formazione professionale, dose di umiltà e di dubbio e forte senso della responsabilità e del dovere che si ha».

«I giudici non sono una casta – ha aggiunto - che sta lì messa in alto, che dà i voti a destra e a manca. Noi siamo parte di un sistema che sono lo Stato e la Repubblica italiana, noi siamo un potere tra i poteri. Siamo un'istituzione a cui si chiede di ragionare sui fatti della vita. Il problema di fondo è come arricchire, e non far diminuire come avviene ogni giorno, la fiducia dei cittadini nei confronti della giustizia. Se aumenta la fiducia nei confronti della giurisdizione – ha sottolineato - aumenta anche la fiducia nello Stato repubblicano e anche nella democrazia. Ogni nostra caduta – ha avvertito - è una caduta che colpisce apparentemente quel tribunale, quella corte, quell'istituzione. In realtà va incidere negativamente sul tessuto democratico del nostro Paese».

Poche dichiarazioni sui temi dell'attualità giudiziaria. Ma, rispondendo alle domande dei giornalisti, Canzio ha parlato della recente sentenza della prima sezione civile della Suprema Corte che, di fatto, stabilisce nuovi parametri in materia di assegno di divorzio (conta il criterio dell'indipendenza o autosufficienza economica, non il tenore di vita goduto nel corso delle nozze per assegnare l'assegno divorzile al coniuge che lo richiede). «La Corte di Cassazione - ha detto - ogni tanto muta anche gli orientamenti, perché quella che noi chiamiamo la nomofilachia (cioè la creazione di precedenti autorevoli) non è una gabbia al di fuori della quale non si può più uscire. Ma il mutamento della società e dei costumi, ma anche l'evoluzione del contesto in cui è il nostro Paese può determinare una evoluzione anche della giurisprudenza». «Quella sentenza – ha proseguito - è frutto di un ragionamento della sezione competente, la prima civile, che ha ragionato su quei principi e ha ritenuto di dover modificare il precedente orientamento e renderlo più coerente con la modernità. Adesso spetta al mondo dei giuristi, alla dottrina e agli stessi cittadini esporre la loro adesione e le loro critiche».
IMG JPGIMG JPGIMG JPGIMG JPG
  • Corte di Cassazione
Altri contenuti a tema
La Cassazione assolve Antonio Savasta dalle accuse di corruzione La Cassazione assolve Antonio Savasta dalle accuse di corruzione Secondo l'accusa l'ex magistrato avrebbe sfruttato il suo ruolo per l'acquisto di un terreno
1 La Procura generale della Cassazione chiede sospensione dei magistrati arrestati La Procura generale della Cassazione chiede sospensione dei magistrati arrestati Associazione Nazionale Magistrati: «Pronti a intervenire con chi viola le regole»
Processo "Estati tranesi": assolti i sei imputati Processo "Estati tranesi": assolti i sei imputati I fatti non sussistono. A deciderlo la Corte Suprema di Cassazione
1 Pm Ruggiero sotto accusa: dalla Cassazione il "No" alla richiesta di interdizione Pm Ruggiero sotto accusa: dalla Cassazione il "No" alla richiesta di interdizione Confermata la decisione del gip del Tribunale di Lecce e del riesame
2 Tentato falso e abuso d'ufficio, due pm tranesi indagati a Lecce Tentato falso e abuso d'ufficio, due pm tranesi indagati a Lecce Tra le accuse anche la tentata violenza privata. Il caso domani in Cassazione
Oggi a Trani il presidente della Cassazione, Giovanni Canzio Oggi a Trani il presidente della Cassazione, Giovanni Canzio A mezzogiorno incontro con i magistrati in Tribunale, nel pomeriggio con gli avvocati
Addio a Nicola di Gravina: nel 2003 era stato candidato sindaco Addio a Nicola di Gravina: nel 2003 era stato candidato sindaco Il magistrato tranese era presidente onorario della Cassazione
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.