Operazione Pietra di Trani
Operazione Pietra di Trani
Cronaca

Il procuratore Giannella: «Dinamica criminale che forse sta riprendendo piede»

L'allarme lanciato durante la conferenza stampa per il blitz antiracket

L'indagine che, questa mattina, ha portato in carcere altre sette persone per concorso in estorsione (tentata e consumata), nasce nel novembre 2016. Lo ha spiegato questa mattina, durante la conferenza stampa negli uffici di Palazzo Torres, il procuratore facente funzioni Francesco Giannella. «E' stata un'attività molto rapida – ha spiegato il magistrato - che ha dato risultati immediati, portata avanti dalla stazione dei carabinieri e dal nucleo operativo di Trani. L'indagine ha messo insieme dichiarazioni testimoniali, riconoscimenti fotografici, acquisizioni di immagini e filmati di videocamere, che hanno dato la certezza sull'attività di alcune persone che estorcevano denaro con metodi veramente preoccupanti a commercianti di vario tipo».

Giannella ha sottolineato il ruolo di spicco di Vito Corda, già fermato nella notte di sabato scorsa dai carabinieri per pericolo di fuga. «Le indagini ci dimostrano che stava per prendere il volo», ha aggiunto il procuratore. «Infatti quando è stato raggiunto nella sua abitazione, i carabinieri hanno trovato le valigie pronte con abiti estivi. Abbiamo la quasi certezza che stesse per andare a Santo Domingo. Inoltre gli stava per essere consegnato il passaporto richiesto alla Questura». In aggiunta a questo, i militari hanno anche trovato un giubbotto antiproiettili, occultato nel sottofondo di un cassetto.

Quanto al suo ruolo Giannella ha ricordato che Corda «è una persona attenzionata dalla Procura e dalle forze dell'ordine già da diverso tempo e si è reso protagonista di una serie di fatti che danno la misura del suo spessore criminale e della capacità di intimidazione che ha messo in atto nella città di Trani». Il capo della Procura ha fatto cenno anche ad alcuni attentati dinamitardi «sui quali si sta lavorando, che forse rientrano in una dinamica criminale che stiamo attentamente valutando e che forse era stata dimenticata dopo le operazioni degli anni '90». Una dinamica, ha avvertito Giannella, che «probabilmente sta riprendendo piede».

Il provvedimento di fermo di Corda è stato già convalidato dal gip Rossella Volpe l'altro giorno. Per gli altri indagati accusati di aver estorto il denaro, le manette sono scattate in seguito all'ordinanza di custodia cautelare emessa dallo stesso gip.
  • Procura di Trani
  • Estorsioni
Altri contenuti a tema
Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Eletto dalla maggioranza del Csm, batte il suo rivale Renato Nitti
2 Inchiesta su magistrati corrotti, spuntano nuove ipotesi di reato Inchiesta su magistrati corrotti, spuntano nuove ipotesi di reato Sale a più di venti il numero di persone iscritte nel fascicolo degli indagati
1 Procura di Trani: quel potere (giudiziario) reso pallido Procura di Trani: quel potere (giudiziario) reso pallido Dopo i recenti fatti di cronaca i cittadini costretti a rivedere il loro rapporto con i magistrati
Ex consiglieri quinta commissione, tutti rinviati a giudizio Ex consiglieri quinta commissione, tutti rinviati a giudizio Il processo inizierà il prossimo 12 aprile
Racket estorsioni, per Vito Corda una pena di 4 anni e mezzo di reclusione Racket estorsioni, per Vito Corda una pena di 4 anni e mezzo di reclusione Condannati sette imputati su otto con l'aggravante del metodo mafioso
1 Usura bancaria, archiviata l'inchiesta: tra gli indagati anche l'attuale ministro degli affari esteri, Paolo Savona Usura bancaria, archiviata l'inchiesta: tra gli indagati anche l'attuale ministro degli affari esteri, Paolo Savona Le indagini partirono dopo le denunce di alcuni clienti del nord barese
Tentate estorsioni, chiesti 6 anni e 8 mesi per Michele Regano Tentate estorsioni, chiesti 6 anni e 8 mesi per Michele Regano Pignataro, collaboratore di giustizia, avrebbe raccontato il modo di agire
11 Concorso in tentata violenza privata, a giudizio i due pm tranesi Ruggiero e Pesce Concorso in tentata violenza privata, a giudizio i due pm tranesi Ruggiero e Pesce Dovranno presentarsi al Tribunale di Lecce il 12 novembre
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.