don natale mascherina
don natale mascherina
Religioni

Il sorriso tranese di don Natale: sereno pur nelle giornate difficili della Repubblica Centrafricana.

Il giovane sacerdote si trova a Bangui come Diplomatico della Santa Sede

C'è la guerra d'assalto a Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana. Una terra così lontana da noi, ma soprattutto dai nostri pensieri e dai nostri problemi quotidiani, molti dei quali da un anno legati alla pandemia.

C'è stato un tentativo di colpo di Stato da parte dei ribelli a Bangui, nella Repubblica Centrafricana, e il coprifuoco è quello "vero": le ultime cronache dell'Osservatore Romano parlano di assalti armati, di sparatorie, di battaglie e di fughe. Di paura.

Qualche giorno fa si sono susseguiti i conflitti a fuoco tra ribelli, esercito e caschi blu della missione dell'Onu. Dopo l'assalto respinto, a Bangui "circolano solo militari. la gente si chiede quando i ribelli ritenteranno di prendere la capitale. Perché se non oggi, sarà domani, o dopodomani. Non è finita" come si legge nelle cronache dell'Osservatore.

Anche Papa Francesco ne ha parlato nell'Angelus: "Va respinto l'odio e sostenuto un dialogo fraterno e rispettoso" ha detto Bergolio.

La situazione adesso è più calma. Ma vi chiederete perché stiamo parlando di Bangui: don Natale Albino, il "nostro" don Natale, si trova proprio in quel luogo, nella sua qualità di Diplomatico della Santa Sede, Segretario della Nunziatura Apostolica (Ambasciata della Santa Sede).

"Sto bene, la situazione ora è calma" ci rassicura grazie ai contatti on line. Don Natale sta bene, saluta tutti e pensa sempre alla sua Trani. E noi tiriamo un sospiro di sollievo.

La Repubblica Centrafricana è uno dei Paesi più poveri e instabili di tutta l'Africa, nonostante sia ricca di risorse, come i diamanti e l'uranio. Secondo l'ONU, metà della popolazione del Paese è dipendente dagli aiuti umanitari e un quinto è sfollata.

Don Natale da due anni e mezzo svolge in quella terra il suo ministero sacerdotale, appunto come diplomatico della Santa Sede. "Sono contento di collaborare concretamente a salvare vite umane e anime – spiega in un suo intervento su "In Comunione" – giacchè non si propone uno sviluppo qualunque ma uno sviluppo umano integrale che tiene conto di tutte le dimensioni della persona, in primis quella spirituale".

Essendo cresciuto in parrocchia e avendo vissuto i primi anni di sacerdozio tra oratori e campi scuola "in questo peculiare ministero – dice - ho certamente tutto da apprendere". Con molto piacere don Natale cerca di tenere vivi i legami con la nostra diocesi: "Seppur a distanza mi sento a tutti gli effetti e con orgoglio un sacerdote diocesano, tanto affezionato ai nostri preti e alla nostra gente".

E noi siamo affezionati a lui.
don natale suoradon natale africadon natale bambini
  • Religione
Altri contenuti a tema
A Trani l'ammissione agli ordini sacri di Leonardo Gaudioso A Trani l'ammissione agli ordini sacri di Leonardo Gaudioso Il 6 gennaio presso la Parrocchia Santa Chiara
La messa sta per cambiare, da domenica prossima il nuovo Padre Nostro La messa sta per cambiare, da domenica prossima il nuovo Padre Nostro Il versetto della preghiera "non indurci in tentazione" diventa "non abbandonarci alla tentazione"
Emergenza sanitaria, dall'arcivescovo d'Ascenzo solidarietà ad ambulanti di feste patronali e parrocchiali Emergenza sanitaria, dall'arcivescovo d'Ascenzo solidarietà ad ambulanti di feste patronali e parrocchiali La crisi che ha colpito centinaia di imprenditori oggetto di un incontro nella sede arcivescovile
Festeggiamenti in onore di San Nicola il Pellegrino: il programma Festeggiamenti in onore di San Nicola il Pellegrino: il programma Si parte il 26 luglio. Salta il tradizionale imbarco e processione
Tragedia tra Andria e Barletta: «Rimaniamo aperti alla speranza accanto ai nostri giovani» Tragedia tra Andria e Barletta: «Rimaniamo aperti alla speranza accanto ai nostri giovani» Una riflessione dell’Arcivescovo Mons. Leonardo D’Ascenzo
Solennità del Corpus Domus, quest'anno niente processioni eucaristiche Solennità del Corpus Domus, quest'anno niente processioni eucaristiche Le celebrazioni avverranno nelle singole parrocchie
Anche la Chiesa di Ognissanti riapre i battenti dopo la lunga quarantena "Covid-19" Anche la Chiesa di Ognissanti riapre i battenti dopo la lunga quarantena "Covid-19" E c'è una novità: ritornano le celebrazioni della Santa Messa
Fase 2, accordo tra governo e Cei: messe dal 18 maggio Fase 2, accordo tra governo e Cei: messe dal 18 maggio Firmato il protocollo che permetterà la ripresa delle celebrazioni con il popolo
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.