Politica

Italia dei Valori: soddisfazione per la sentenza del TAR sul termovalorizzatore

Considerazioni del gruppo coniliare

Pubblichiamo un comunicato del Gruppo Consiliare del partito "L'Italia dei Valori":

È con grande soddisfazione che abbiamo appreso della decisione del TAR Puglia di sospendere la validità della delibera di C.C. di localizzazione sul territorio di Trani di un termovalorizzatore.

Questa decisione concede all'amministrazione, e alla maggioranza tutta, la possibilità di una riflessione approfondita sulla opportunità di tale scelta, e se proprio decisi nel loro intento, concede loro la possibilità di rimediare al più grave degli errori effettuati quale la mancanza di informazione, avviando un dibattito con i cittadini e con tutte le realtà rappresentative come le "associazioni" e le altre forze politiche, ascoltando tutte le voci, anche fuori dal coro, con le loro ragioni, per giungere ad una conclusione che sia la più giusta od almeno la più condivisa.

Siamo anche noi, come il Sindaco, del parere che "la politica deve correre su binari diversi da quelli dei Tribunali", ricordando però che non molto tempo fa, proprio su denuncia dell'allora consigliere Tarantini fu avviata una indagine penale nei confronti del precedente Sindaco con la sua giunta, caso poi risolto nel nulla e archiviato. Chi chiede agli altri coerenza deve anche averla.

Questa decisione sottolinea che il regolamento, tante volte utilizzato a proprio piacimento, non è un oggetto misterioso la cui applicazione e interpretazione è riservata a chi conduce il gioco. Come più volte abbiamo sollevato in Consiglio, tante delibere sono giunte e sono state approvate in violazione del regolamento, come il "rendiconto finanziario, l'incompatibilità del consigliere Cuccovillo, il bilancio di previsione, il Contratto di Quartiere, il mercato ittico", e l'avere avuto fin ad ora un maggioranza disposta sempre e comunque ad approvarla, ed una opposizione che fino ad ora si è limitata a contestarle solo politicamente non vuol dire che erano regolari.
Anche sul provvedimento di localizzazione del termovalorizzatore, sul quale ribadiamo nel merito le nostre perplessità, fu sollevata dal capogruppo Mimmo De Laurentis la violazione dell'art. 48 del regolamento, che come affermato dal Segretario Generale è posto a tutela della minoranza, e, malgrado la violazione fu argomentata e dimostrata, l'amministrazione non ritenne di dover fare un passo indietro ma pretese un voto fideistico della sua maggioranza.

Questa decisione, pertanto, pur se presa da un Tribunale, riporta la politica sui binari della politica, fatta di partecipazione e rispetto delle regole democratiche, date dalla politica che la politica deve rispettare.

L'Italia dei valori
Gruppo Consiliare

  • Termovalorizzatore
Altri contenuti a tema
«Caro Riserbato, perché vorrebbe farci ammalare di cancro?» «Caro Riserbato, perché vorrebbe farci ammalare di cancro?» Nunzio Di Lauro, delegato Aisa, scrive al sindaco di Trani
Negrogno nel paese delle "stranezze" Negrogno nel paese delle "stranezze" Il responsabile Sel attacca l'amministrazione su gestione discarica e proposta di termovalorizzatore
Termovalorizzatore, Tar Lazio condanna la Regione Termovalorizzatore, Tar Lazio condanna la Regione Risarcimento di 3 milioni di euro per Amet e Noy Vallesina
Rifiuti, no inceneritori con la raccolta porta a porta Rifiuti, no inceneritori con la raccolta porta a porta Il candidato sindaco Gigi Riserbato ha incontrato Legambiente
Ferrante: «Noi e Legambiente la pensiamo allo stesso modo» Ferrante: «Noi e Legambiente la pensiamo allo stesso modo» Il candidato sindaco del Pd auspica un incontro pubblico
Rifiuti del Salento a Trani, l’articolo della discordia Per completezza di informazione ecco l’articolo che ha aperto il valzer di interventi
Rifiuti pericolosi nel termovalorizzatore di Colleferro Operazione dei Carabinieri del NOE. Si riaccende il dibattito a Trani?
Termovalorizzatore a Trani, De Toma: «Avevamo ragione noi» Intervento dell'Assessore all'urbanistica
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.