Savino Montaruli
Territorio

Lavori sulla Trani-Andria, Montaruli: «Ennesima beffa per gli imprenditori»

Montaruli (Unimpresa Bat) denuncia: «Questo territorio non ha mai guardato alle aziende»

Il presidente Unimpresa Bat, Savino Montaruli, ritorna a parlare della Trani-Andria e di quanto sia necessario per gli imprenditori la costruzione del ponte per permettere il cambio di carreggiata.

«L'ultima vicenda in ordine di tempo - esordisce - è la vicenda tragicomica dell'Andria-Trani. Una vicenda che accade dopo il fallimento e lo spreco di una grandissima opportunità quale fu quella delle Zone Franche Urbane; dopo la mancata costituzione della Camera di Commercio; dopo la vanificazione di strumenti di Sviluppo Economico e Sociale quali il Patto territoriale Nord Barese Ofantino e delle sue Agenzie collegate; dopo la disgregazione dell'unico strumento di coordinamento e promozione turistica territoriale cioè Puglia Imperiale; dopo il maldestro utilizzo dei Gal ridotti a bancomat per i comuni; dopo la malagestione di Piani Strategici come Vision 2020 e dopo tutte le tantissime altre opportunità vanificate da dirigenti, politici, sindacalisti e burocrati che non hanno saputo minimamente rendersi conto del valore di tali opportunità e le hanno asservite alla sete di potere finalizzato a vere e proprie spartizioni scientifiche che nulla hanno prodotto se non vantaggi personali e di lobbies. Eppure oggi, anche nel caso dell'Andria-Trani, si ripete il balletto dello scaricabarile, come se stessimo parlando di una zona sperduta in Pennsylvania o in qualche area desertica degli stati Uniti d'America dove le auto che vi circolano si contano sulle dita di una mano. Invece stiamo parlando di una strada tra le più frequentate e percorse dell'intero territorio e dove anche quei burocrati, politici, tecnici e amministratori che oggi non sanno dare risposte al caso ridicolo vi passano ogni giorno, per più volte al giorno».

«Un'altra beffa - prosegue Montaruli - che non si esaurisce al solo aspetto logistico o al fatto che un'azienda che prima era raggiungibile percorrendo due soli chilometri oggi ne servono quattordici dovendo fare il girotondo delle città ed incrementando paurosamente quel traffico che si sarebbe voluto invece smaltire. Una beffa se si pensa allo spreco di denaro pubblico giustificato sempre da quella schiera di non risponditori con la necessità di salvare le vite umane ma senza convinzione visto che la situazione di rimedio che si sta prospettando risulterebbe di lunga peggiore del male, al costo modico di venticinque milioni di euro in tempi in cui la gente quella strada non la percorrerà più perché le auto sono rimaste senza benzina e senza assicurazione. Una beffa che continua a generare stolti sorrisini mentre gli imprenditori sono arrabbiati ed incazzati. Lo sono gli imprenditori che insistono con le loro aziende su quelle arterie, ora occluse, come lo sono coloro che continuano a scappar via, spaventati da queste assurde condizioni di arretratezza culturale e gestionale mostrata da Enti Pubblici incapaci di ascoltare e di tenere conto delle istanze del territorio e della sua base produttiva sempre più discriminata quando non è asservita».

«Se anche in questa circostanza - aggiunge - nuovi investitori decidono di impiegare i loro capitali e di produrre forza occupazionale altrove, allora di che meravigliarsi? I soldi per il ponte? Li troveremo, dicono, ma dove? Quando? La lotta per appuntarsi le medaglie sul petto è già cominciata? Alla fine di quest'altra ridicola vicenda una cosa è e rimane certa: i tempi della politica, della malapolitica, della burocrazia e dei burocrati sono sempre più lontani e distanti dai tempi dell'imprenditoria e se gli imprenditori scappano via, se questo territorio registra il 57% di disoccupazione e se ogni giorno la gente si affolla sotto i municipi a chiedere l'elemosina al politico di turno allora la domanda torna ricorrente: di che meravigliarsi?».

«All'incapacità, è a quella - sostiene - che bisogna trovare rimedio ma anche il "ricambio" è diventata merce rara. Infatti sono sempre di più coloro che decidono di partecipare comodamente al banchetto restando in silenzio. Anche l'Andria-Trani ha la sua bella storiella da raccontare, peccato che come i muri di gomma - conclude - anche l'asfalto non parla».
  • Unimpresa
Altri contenuti a tema
Abusivismo commerciale ambulante, parte la crociata dei sindaci pugliesi Abusivismo commerciale ambulante, parte la crociata dei sindaci pugliesi Multe per chi vende fuori dai canali della distribuzione
Mercato settimanale, Unimpresa chiede il recupero di martedì 24 ottobre Mercato settimanale, Unimpresa chiede il recupero di martedì 24 ottobre Era stato annullato a causa del maltempo
1 Locali della Bat, aumentano i costi delle materie prime Locali della Bat, aumentano i costi delle materie prime Montaruli (Unimpresa): «Prezzi bloccati. I baristi incassano ma solo le perdite»
Matrimoni in Puglia, è boom di nozze straniere Matrimoni in Puglia, è boom di nozze straniere Montaruli (Unimpresa): «Sposarsi nel castello Svevo. Sarà possibile?»
Barriere "new jersey" al mercato: dalla sicurezza ai problemi di viabilità Barriere "new jersey" al mercato: dalla sicurezza ai problemi di viabilità Montaruli (Unimpresa): «Necessario un cambio di orario»
Controlli al mercato settimanale, grande soddisfazione per Unimpresa Controlli al mercato settimanale, grande soddisfazione per Unimpresa Misure di sicurezza previste anche per il prossimo martedì
Poca sicurezza nei mercati della Bat, Unimpresa scrive al capo di Polizia Poca sicurezza nei mercati della Bat, Unimpresa scrive al capo di Polizia Il presidente Montaruli: «Si contrasti abusivismo e si rafforzi la vigilanza»
A Pasqua e Pasquetta negozi e mercati chiusi in tutta la Puglia A Pasqua e Pasquetta negozi e mercati chiusi in tutta la Puglia Unimpresa, Cgil, Cisl e Uil annunciano lo sciopero dei lavoratori
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.