Ciliegie
Ciliegie
Ambiente

Maltempo, nubifragi e grandinate: colpo di grazia a ciliegie "ferrovia"

Coldiretti: «Al danno si aggiunge la beffa delle importazioni da Turchia, Grecia e Spagna»

Nubifragi e grandinate delle ultime ore hanno dato il colpo di grazia alle ciliegie in Puglia, danneggiando anche la varietà 'Ferrovia', dopo aver falcidiato fino al 90% il raccolto delle primizie Bigarreau e Georgia. E' quanto denuncia Coldiretti Puglia che torna a chiedere l'immediata attivazione dello stato di calamità naturale per un comparto che, assieme a mandorle, frutta come albicocche, pesche e percoche, a ortaggi e alle patate, ha subito ripercussioni gravi dalle improvvise ondate di maltempo che si sono abbattute in Puglia a partire dal 24 marzo in avanti.

"Oltre al danno causato dal maltempo si aggiunge la beffa delle importazioni di ciliegie da Turchia, Grecia e Spagna. Tutto ciò mentre è caduta miseramente nel dimenticatoio la legge che obbliga gli esercenti ad indicare chiaramente in etichetta l'origine dei prodotti ortofrutticoli", è il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia, a denunciare quanto sta accadendo in questi giorni a danno del comparto cerasicolo barese. Con il decreto legislativo 306/2002, entrato in vigore il 15 febbraio 2002, sono state definite le sanzioni – ricorda Coldiretti Puglia - per coloro che violano i regolamenti comunitari che disciplinano la commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli stabilendo fra l'altro i requisiti che debbono essere posseduti dai prodotti.

"Le importazioni di ciliegie dall'estero inquinano il mercato immettendo prodotto estero senza indicazione chiara dell'origine e della provenienza. E' urgente mettere in campo controlli serrati per assicurare la possibilità ai consumatori di acquistare prodotto locale che, non essendo soggetto a lunghi tempi di trasporto, garantisce freschezza e genuinità uniche, soprattutto alla luce degli sforzi che gli imprenditori locali hanno compiuto per garantire un prodotto di alta qualità", insiste il presidente Muraglia.

La produzione di ciliegie non ha subito gli attacchi della tecnologia, perché è destinata esclusivamente al consumo fresco e per questa ragione – spiega Coldiretti Puglia - devono essere mantenute integre la pezzatura, particolarmente consistente per la ciliegia Ferrovia, la compattezza ed il sapore. Tutto ciò richiede un'accuratezza nelle fasi di coltivazione e di raccolta facilmente riscontrabile, per cui la mano dell'uomo non può essere sostituita dalle macchine.

Particolarmente importante l'aspetto occupazionale, con migliaia d i nuclei familiari della provincia di Bari, cui la produzione delle ciliegie offre una consistente fonte di reddito, aggiunge Coldiretti Puglia. Il fabbisogno di lavoro per ettaro di ciliegeto specializzato è pari a circa 600 ore, l'85 percento delle quali assorbite nelle operazioni di raccolta e considerando la produzione provinciale media di ciliegie e la produttività media del lavoro di raccolta, pari a 10 - 15 Kg/h/operaio, l fabbisogno annuo di manodopera – aggiunge Coldiretti Puglia - raggiunge 2,1 milioni di ore lavorative, tutte raccolte nell'arco temporale di due mesi circa.

La produzione regionale pugliese risulta concentrata nella provincia di Bari che da sola rappresenta il 96,4% della produzione totale regionale, riferisce Coldiretti Puglia. Con le sue 47 mila tonnellate la provincia di Bari è la prima provincia italiana per produzione di ciliegie raccogliendo il 34% della produzione nazionale e la produzione di ciliegie in Puglia è pari al 39,8% del totale nazionale. La graduatoria dei prodotti agricoli pugliesi nel contesto nazionale – afferma Coldiretti Puglia - vede al primo posto anche le ciliegie con una superficie di quasi 20.000 ettari, di cui oltre 17.000 della sola provincia di Bari, la quale copre più dell'85% della superficie investita. Evidente la perdita di reddito e liquidità – conclude Coldiretti Puglia – causata dal maltempo in quella che è certamente un'altra annata da dimenticare per la produzione di ciliegie in Puglia.
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Green pass, stop a ristoranti al chiuso per 3 pugliesi su 10 Green pass, stop a ristoranti al chiuso per 3 pugliesi su 10 L'analisi di Coldiretti
Maltempo, nevica in Puglia su uliveti e mandorli in fiore Maltempo, nevica in Puglia su uliveti e mandorli in fiore La Coldiretti lancia l'allarme delle verdure bruciate in campo
Carnevale, Coldiretti Puglia: «Chiacchiere fai da te in 1 casa su 2» Carnevale, Coldiretti Puglia: «Chiacchiere fai da te in 1 casa su 2» Sfilano castagnole e dita degli apostoli nei mercati contadini
Puglia, boom dell'export nonostante il Coronavirus Puglia, boom dell'export nonostante il Coronavirus In controtendenza solo il vino che segna un -10,6% legato molto probabilmente alla chiusura di molti ristoranti all'estero
25 quintali di pasta, la generosa donazione di Coldiretti alle famiglie più bisognose 25 quintali di pasta, la generosa donazione di Coldiretti alle famiglie più bisognose Saranno distribuite tramite la rete dello spreco alimentare "Una tavola più grande"
Pasta day, Coldiretti Puglia: boom consumi per prodotto simbolo della dieta mediterranea Pasta day, Coldiretti Puglia: boom consumi per prodotto simbolo della dieta mediterranea Acquisti cresciuti in valore del 29% nel 2020 rispetto all'anno passato
Clima, Coldiretti Puglia: 2020 anno più caldo, invasione insetti "alieni" per tropicalizzazione Clima, Coldiretti Puglia: 2020 anno più caldo, invasione insetti "alieni" per tropicalizzazione Sotto attacco agrumi e vite
Il Covid fa danni anche alle dieta: quattro pugliesi su dieci in sovrappeso Il Covid fa danni anche alle dieta: quattro pugliesi su dieci in sovrappeso Coldiretti: “È corsa ai prodotti salubri nei mercati contadini”
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.