Teatro
Teatro
Eventi e cultura

Oggi a Palazzo Beltrani spettacolo teatrale su Carolina e Luisa Porro, trucidate dalla folla nel 1946 ad Andria

Il Palazzo d’Occidente, il teatro come mezzo per meditare su una storia vera di cieca violenza

A Palazzo delle Arti Beltrani un imperdibile appuntamento, organizzato dall'Associazione delle Arti, nell'ambito della fortunata stagione artistica 2023 firmata Niki Battaglia, attende il pubblico venerdì 18 agosto. La rivisitazione teatrale di una delle pagine più buie della storia della città di Andria: l'eccidio spietato delle sorelle Porro all'indomani della Seconda guerra mondiale. Una storia che fa male al DNA della operosa Andria, ma può essere presa a paradigma di qualsiasi rivolta dettata dalla violenza cieca e feroce.
«Un tema di una attualità sconvolgente, tutto nasce dal disagio sociale, dalla povertà, dalla fame, dalla morte - sottolinea il regista Antonio Memeo».
E se il teatro civico ha la funzione di far riflettere e risvegliare le coscienze, "Il palazzo d'occidente - Le sorelle Porro raccontate da loro stesse" incarna appieno questi fini, traslando ai nostri giorni una vicenda realmente accaduta nel dopoguerra nella popolosa città contadina della Puglia latifondista. A Trani 'Corte Davide Santorsola' è pronta ad ospitare lo spettacolo tratto dal testo di Michele Santeramo, con la regia di Antonio Memeo, una co-produzione a cura di Marluna Teatro e I Seriòmici con protagoniste Patrizia Labianca e Maria Elena Germinario.
La pièce rievoca i terribili avvenimenti accaduti ad Andria il 7 marzo 1946 in piazza Umberto I, dopo un comizio del sindacalista Giuseppe Di Vittorio, quando una folla di braccianti, stremati dalla guerra, riversò la propria rabbia su alcune note proprietarie terriere della città. Quel comizio avrebbe dovuto calmare il clima di agitazioni politiche e di forti contrasti sociali di classe, quando, ad un tratto, si udì uno sparo. Nessuno fu in grado di dire con certezza da dove provenisse. La folla, tuttavia, sotto la scorta di un semplice sospetto, decretò che il colpo fosse stato esploso dal Palazzo d'occidente. Così, quasi invasata dalla hybris di una rabbia feroce che covava nei confronti di nobili e latifondisti, entrò nel palazzotto liberty della famiglia Porro, picchiò, bastonò, trascinò fuori due delle quattro sorelle nubili, Carolina e Luisa, e le ammazzò di botte. Lasciando i loro corpi esanimi e straziati per strada, quasi a monito.
Vari quadri fortemente evocativi, anche grazie alla maestria del disegno luci di Gianluigi Carbonara, raccontano la vicenda. Il testo condivide con gli spettatori alcuni temi di straordinaria attualità. «C'è il bisogno fortissimo di credere nell'esistenza di un nemico per liberare la necessità di vendetta» è un passaggio fondamentale del testo del Santeramo. Si indaga su come alla base della violenza ci sia la difesa strenua della parola "io". Qui ciascuno spettatore dovrà decidere chi ha ragione: chi ha ucciso o chi è stato ucciso, sobillato dalle domande dirette delle due attrici protagoniste o da quelle intrinseche nel testo.
Era lecito e comprensibile che il popolo mostrasse con forza il bisogno di un cambiamento della propria dolorosa situazione di indigenza, ma era altrettanto lecito perseguirlo, macchiandosi di un delitto tanto efferato?
Le due donne, devote e religiose, avevano addirittura cercato di aiutare i più bisognosi. Un anno prima, nel 1945, finanziarono la costruzione dell'oratorio salesiano cittadino, donando all'epoca la somma considerevole di 500.000 lire.
Il testo, mentre racconta la vicenda, scandaglia i precordi dell'animo umano, guardando l'accaduto da prospettive differenti, non solo da parte della folla cieca e furente, ma anche da quella delle due sorelle "ree" semplicemente di essere nate con alle spalle una storia secolare di ricchezza. Non solo, coloro che non intervengono, come le altre due sorelle sopravvissute, sono ugualmente colpevoli? L'indifferenza è una grande colpa, è complicità e omertà?
Lo spettacolo ci pone dinanzi ad una domanda quanto mai attuale: la violenza è giustificabile se ha come seme generativo il disagio sociale e la volontà di riscatto? È un passaggio obbligato o c'è un'altra via? Tutti interrogativi che restano aperti e gridano urgenti alle nostre coscienze.
Le due protagoniste che interpretano mirabilmente le due nobildonne martoriate e uccise, Maria Elena Germinario e Patrizia Labianca, mettono in scena un continuo abbattimento della quarta parete con domande che impongono una riflessione al pubblico, con risposte che necessitano una sedimentazione e uno scandaglio interrogativo quasi psicoanalitico. Una scena essenziale, quasi spoglia, non distrae e anzi spinge verso l'autoanalisi.
«La storia delle sorelle Porro, raccontata da Santeramo, ci ha dato la possibilità di mettere in luce - sottolinea Maria Elena Germinario di Marluna Teatro - tutti i punti di vista di questa vicenda, non solo quello delle vittime, ma anche dei carnefici, non solo di chi è sopravvissuto ma anche di chi è rimasto fermo a guardare senza intervenire. Ciò ci fa comprendere che per conoscere davvero una storia bisogna mettersi nei panni di tutti i "protagonisti" e provare ad astenersi da un giudizio frettoloso e banale».
«Lo spettacolo, che ha debuttato al Festival internazionale di Andria Castel dei Mondi dell'anno scorso, non è solo il racconto di una storia vera - chiosa il regista Memeo -, ma nasce anche come analisi di un periodo storico che secondo il nostro punto di vista non è ancora terminato, per questo la domanda resta: cosa è cambiato?».
Porta ore 20,30 – sipario ore 21,00. Info: tel.: 0883500044 / e-mail: info@palazzodelleartibeltrani.it
  • Teatro
Altri contenuti a tema
Teatro a Corte, torna a Palazzo Beltrani una stagione artistica ricca di appuntamenti Teatro a Corte, torna a Palazzo Beltrani una stagione artistica ricca di appuntamenti Si inizia sabato 15 giugno con lo spettacolo Matrimoni Sospesi della Compagnia 30allora
Tata Matilde della Compagnia dei Teatranti conquista sei premi alla rassegna teatrale Domenico Modugno Tata Matilde della Compagnia dei Teatranti conquista sei premi alla rassegna teatrale Domenico Modugno Ad Enzo Matichecchia il premio miglior regia
Premio nazionale Giustina Rocca. Tra le iniziative anche lo spettacolo teatrale ‘La Rocca di Giustina’ Premio nazionale Giustina Rocca. Tra le iniziative anche lo spettacolo teatrale ‘La Rocca di Giustina’ Una produzione Marluna Teatro, in scena venerdì 24 maggio nel Salone del Centro Bethel a Trani
"Forza venite gente!": il 24 e il 25 maggio a San Magno il musical sulla vita di San Francesco "Forza venite gente!": il 24 e il 25 maggio a San Magno il musical sulla vita di San Francesco Un gruppo teatrale di tutte le età porta in scena uno spettacolo replicato da quarant' anni
27 aprile 2024: morte e rinascita del teatro comunale di Trani, evento in biblioteca 27 aprile 2024: morte e rinascita del teatro comunale di Trani, evento in biblioteca Appuntamento dell'associazione Cignarelli e Comune il 27 aprile
Cronache da un teatro e da una "strombazzata intellettualità tranese" che fu: "Chiudetelo!" Cronache da un teatro e da una "strombazzata intellettualità tranese" che fu: "Chiudetelo!" Fanno sorridere elogi e critiche a compagnie e alla tanto decantata cultura di Trani
"Prendetevi la Luna": Paolo Crepet in piazza Duomo il 20 giugno "Prendetevi la Luna": Paolo Crepet in piazza Duomo il 20 giugno Lo psichiatra e sociologo propone uno spettacolo teatrale
Duc Trani, Landriscina: “Criticare e non utilizzare l’Open Air è una sconfitta per tutta la comunità” Duc Trani, Landriscina: “Criticare e non utilizzare l’Open Air è una sconfitta per tutta la comunità” Un progetto di governance collettiva molto apprezzata a livello regionale
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.