rifiuti piazza pretura
rifiuti piazza pretura
Ambiente

Raccolta differenziata: il decalogo dei punti critici, secondo il Comitato No Pap

"Ripensare ad una diversa modalità, diversa dal porta a porta" la richiesta principale

"Secondo il dato percentuale diffuso da Amiu Trani, i cittadini hanno dimostrato di sapere fare la differenziata. Rimane il fatto, però, il sistema del porta a porta continua a creare disagi a Trani, in maniera evidente soprattutto nel periodo estivo.

Ci sono almeno dieci punti critici che il nostro comitato ha individuato che vengono elencati:

1) si impone ai cittadini di tenere per troppo tempo nelle abitazioni i rifiuti (soprattutto organico e plastica) e tanti non hanno spazi idonei per cui necessita una maggior frequenza della raccolta;

2) si impone ai cittadini nei condomìni il costo aggiuntivo per gli spostamenti dei bidoni in favore di aziende private e, anche per la carenza di spazi, è aumentata la conflittualità tra i condòmini;

3) non viene applicata la tariffazione puntuale e quindi manca l'incentivo, nonostante ciò sia previsto nelle delibere istitutive e nel regolamento della gestione della raccolta dei rifiuti urbani;

4) la azienda della nettezza urbana é evidentemente in crisi avendo convogliato ogni risorsa umana e finanziaria sul p.a.p. così trascurando gli altri servizi cui si è espressamente obbligata, con il rischio evidente non solo di rimanere inadempiente al contratto ma anche di far venir meno i presupposti dell'affidamento in house;

5) non vi è stata la auspicata riduzione della Tari se non solo virtualmente ed il rischio di un aumento è invece concreto visto che il corrispettivo del contratto di servizio va oltre quello pattuito;

6) è evidente che il porta a porta non funzioni come dimostra il sovraffollamento delle isole ecologiche c.d. mobili e l'aumento smisurato dei rifiuti in città e nelle campagne;

7) non esiste un sistema adeguato di controllo e di vigilanza, come invece era stato auspicato ed anche previsto;

8) é lesiva del decoro e dell'immagine della città nonché dell'igiene la presenza di migliaia di bidoni per strada sia delle utenze non domestiche che di quelle domestiche, compresi i manufatti creati posticciamente per nasconderli (rispetto ai cassonetti precedenti, la situazione è peggiorata);

9) le isole ecologiche sono poche, non sono state implementate come promesso ed, in ogni caso, quelle mobili di Via Superga e di Via Gisotti sono invasive del territorio ed inquinanti;

10) la strategia "rifiuti zero" alla base della scelta politica del porta a porta si è rivelata fallace e inadeguata: non esistono in zona un impianto di compostaggio ed una piattaforma di riciclaggio con la conseguenza che i rifiuti (tranne il vetro) viaggiano su mezzi pesanti per decine e decine di chilometri (Foggia, Basilicata) inquinando l'ambiente; la auspicata riduzione della plastica non si è verificata (semmai il contrario); è fallito il paventato riciclo integrato e integrale dei rifiuti.

Questi sono solo alcuni dei punti negativi cui se ne potrebbero aggiungere tanti altri. È il momento di ripensare ad una diversa modalità di raccolta differenziata, diversa dal porta a porta che appare obsoleto e inadeguato per la città di Trani. Sicuramente non è questa la raccolta "domiciliare" che era stata ideata. L'amministrazione, più volte sollecitata, continua a nicchiare sul problema e Trani sprofonda sempre di più nella sporcizia".

- Comitato Trani Nopap, Presidente avv. Alessandro Moscatelli
  • Raccolta differenziata
Altri contenuti a tema
Raccolta differenziata: il dubbio Raccolta differenziata: il dubbio I video di un lettore mostrano un errato servizio
"Quando i conti non tornano": sui dati e i costi della differenziata l'analisi di Maria Grazia Cinquepalmi "Quando i conti non tornano": sui dati e i costi della differenziata l'analisi di Maria Grazia Cinquepalmi "Bisognerebbe riconoscere premialità ai cittadini virtuosi" dice l'ex consigliere comunale
Comitato No Pap: «Le isole ecologiche sopperiscono, seppur precariamente, alle deficienze del porta a porta» Comitato No Pap: «Le isole ecologiche sopperiscono, seppur precariamente, alle deficienze del porta a porta» La replica del presidente Alessandro Moscatelli al consigliere Vito Branà
Isola ecologica in via Gisotti, tanti i disagi per il movimento Articolo 97 Isola ecologica in via Gisotti, tanti i disagi per il movimento Articolo 97 E sposa la petizione di Mazzilli affinché sia portata all'attenzione del Consiglio comunale
99 Porta a porta, il Comitato del "no": «Carrellati tutto il giorno su suolo pubblico, danno d'immagine e pericolo» Porta a porta, il Comitato del "no": «Carrellati tutto il giorno su suolo pubblico, danno d'immagine e pericolo» Il presidente Moscatelli scrive a sindaco e assessore chiedendo una nuova allocazione
Trani No alla Raccolta Porta a Porta, il Comitato interpella senatori e parlamentari con un esposto Trani No alla Raccolta Porta a Porta, il Comitato interpella senatori e parlamentari con un esposto «A tutt'oggi, le istanze dei cittadini sono rimaste disattese»
Differenziata: a Molfetta il concorso che premia la raccolta Differenziata: a Molfetta il concorso che premia la raccolta L’iniziativa green del Gran Shopping Mongolfiera di Molfetta che promuove il rispetto dell’ambiente con un metodo avvincente
Raccolta porta a porta, cosa cambia da lunedì 31 maggio 2021 Raccolta porta a porta, cosa cambia da lunedì 31 maggio 2021 Il 2 giugno regolarmente attivi il centro di raccolta comunale e le isole ecologiche
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.