Conferenza Procura
Conferenza Procura
Cronaca

Scambio di denaro, apparecchi elettronici e generi alimentari: il sistema corruttivo nel Carcere di Trani

Il Procuratore Nitti: «Un quadro allarmante». I dettagli dell'operazione

«Un quadro allarmante». Così il procuratore Renato Nitti ha descritto, nella conferenza di questa mattina, quanto emerso dall'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Trani che ha portato ad un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di due appartenenti alla Polizia Penitenziaria in servizio presso la Casa Circondariale.

I FATTI

L'attività investigativa, con la collaborazione della Polizia Penitenziaria del Nucleo Investigativo Regionale di Bari, in coordinamento con la sede centrale del Nucleo Investigativo Centrale (N.I.C.), ha preso l'avvio nel marzo 2020 a seguito di alcuni esposti, di appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria in servizio a nel Carcere di Trani, pervenuti sia presso la Procura della Repubblica di Trani, sia presso il Nucleo Investigativo di Bari.

Ulteriori elementi sono emersi con l'attivazione di un sistema di intercettazione ambientale audio-video, nonché da attività di osservazione, pedinamento e controllo, che svelava un sistema corruttivo imperante all'interno del carcere di Trani.

Le investigazioni hanno raccolto probanti e circostanziati eventi in ordine a un gruppo di poliziotti penitenziari, che all'interno dell'Istituto tranese, con particolare riferimento al periodo interessato dal lockdown, favorivano alcuni detenuti nella fruizione di colloqui con i familiari oltre il numero consentito, in cambio di denaro e/o altra utilità (consistenti in generi alimentari e regali del tipo telefoni cellulari e personal computer).

GLI ARRESTI

Le indagini svolte nei confronti degli indagati hanno permesso di acquisire adeguati elementi di riscontro, inerenti alla loro illecita ed articolata attività criminosa, che ha portato la Procura della Repubblica di Trani a richiedere ed ottenere dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Trani, l'emissione di una ordinanza cautelare, nell'ambito della quale è stato ravvisato il carattere sistemico della corruzione contestata.

«Il problema non è che due persone siano state arrestate - ha dichiarato il procuratore Nitti - ma il punto è che il Giudice ha evidenziato in maniera chiara che vi era un sistema corruttivo molto più esteso. Un mercimonio continuo e costante, in relazione ad alcuni dei benefici, a cui i detenuti hanno diritto entro determinati limiti. Gli arrestati hanno ammesso la responsabilità in ordine ai rapporti corruttivi con alcuni detenuti e la gravità dei fatti rende estremamente probabile che possano reiterare in assenza di custodia cautelare». Il procuratore ha anche parlato di «una fonte di reddito alternativa attraverso attività illecite».

«Il fatto che siano stati documentati una serie di episodi di pagamento - ha continuato Nitti - mediante denaro, generi alimentari, apparecchi elettronici genera un certo allarme». Il Procuratore ha altresì specificato che quanto emerso dalle indagini non è comunque riconducibile, almeno in linea diretta, con le due passate evasioni.

GLI INDAGATI

Le persone complessivamente indagate sono 29. L'operazione, tutt'ora in corso, prevede anche una serie di perquisizioni personali e locali presso 15 abitazioni dislocate nelle province di Bari, Bat, Taranto e Roma.

Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di depistaggio, peculato, corruzione, concussione e abuso d'ufficio.

ConferenzaConferenza
  • Procura di Trani
Altri contenuti a tema
Il Procuratore Renato Nitti in visita dal Questore Pellicone Il Procuratore Renato Nitti in visita dal Questore Pellicone Rinnovata la collaborazione nella lotta alle diverse forme dell'illegalità
Accessi al mare, controlli della magistratura e Guardia costiera sulla costa tranese Accessi al mare, controlli della magistratura e Guardia costiera sulla costa tranese L'indagine coordinata dalla Procura di Trani volta ad accertare la libera fruibilità degli arenili e del demanio marittimo
Mafie nella Bat, procuratore Nitti: «Se non reagiamo adesso sarà troppo tardi» Mafie nella Bat, procuratore Nitti: «Se non reagiamo adesso sarà troppo tardi» L'arcivescovo d'Ascenzo richiama l'urgenza di «costruire un villaggio educativo»
1 Allarme del procuratore Nitti, Pes: "Una testata che serva a farci rialzare la testa" Allarme del procuratore Nitti, Pes: "Una testata che serva a farci rialzare la testa" Il commento dopo la nota diffusa dalla Procura sulla criminalità nella Bat
3 Bat, una provincia depredata da una criminalità sempre più dilagante Bat, una provincia depredata da una criminalità sempre più dilagante Una lunga nota alla stampa del Procuratore della Repubblica Nitti riguardo la grave situazione della nostra provincia
La morte del prof. Schonauer si tinge di giallo: i familiari cercano verità sulle cause del decesso La morte del prof. Schonauer si tinge di giallo: i familiari cercano verità sulle cause del decesso I carabinieri intervenuti al funerale tenutosi ieri a Trani
3 Morte Abbatangelo, la Procura apre un'inchiesta: indagati 18 sanitari tra Trani e Barletta Morte Abbatangelo, la Procura apre un'inchiesta: indagati 18 sanitari tra Trani e Barletta L'ipotesi di reato è cooperazione in omicidio colposo. Sabato 28 l'autopsia
Renato Nitti è il nuovo procuratore della Repubblica di Trani Renato Nitti è il nuovo procuratore della Repubblica di Trani Si insedierà domani dopo una cerimonia "spartana" di giuramento a causa dell’emergenza Coronavirus
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.