Scuola
Scuola
Attualità

Scuola, in arrivo nuova stangata per le famiglie: corredo costa il 7% in più

Per l’occorrente (libri esclusi) si arriva a spendere fino a 588 euro. Caro di energia e materie prime fa impennare prezzi

Sul fronte della scuola sta per abbattersi la consueta "stangata" di settembre legata all'acquisto di libri e corredo scolastico da parte delle famiglie. Lo afferma il Codacons, che fornisce come ogni anno i dati ufficiali sul caro-scuola e le spese che dovranno affrontare i genitori in occasione dell'avvio del nuovo anno scolastico.

In base ad un primo monitoraggio eseguito dal Codacons nei negozi fisici e presso i siti di e-commerce specializzati, si scopre che per diari, astucci, zaini e materiale scolastico vario (quaderni, penne, matite, gomme, pennarelli, ecc.) i prezzi sono in rialzo in media del +7% rispetto allo scorso anno, seguendo il trend dell'inflazione che registra un marcato aumento nel nostro paese – spiega il Codacons – Quest'anno il prezzo di uno zaino di marca raggiunge i 200 euro, mentre per un astuccio griffato attrezzato (con penne, matite, gomma da cancellare e pennarelli) la spesa tocca il picco di 60 euro. Altra voce che incide sull'esborso per il corredo è quella relativa al diario, che quest'anno raggiunge i 30 euro per le marche più note.

I prodotti che sul web e siti di e-commerce risultano in assoluto più costosi sono quelli firmati da influencer, squadre di calcio e personaggi famosi che hanno lanciato linee specifiche per la scuola allo scopo di sfruttare il business dei bambini – analizza il Codacons.

Alla base dei forti rincari che stanno interessando il comparto della scuola vi sono diversi fattori – spiega il Codacons – In primo luogo il caro-energia, che aggrava i costi di produzione del materiale scolastico portando ad un rialzo dei listini al dettaglio. In secondo luogo la crisi delle materie prime, con le quotazioni di carta, plastica, tessili e adesivi – indispensabili per realizzare quaderni, diari, penne, zaini, ecc. – che hanno subito sensibili rialzi nell'ultimo anno. Infine, i maggiori costi di trasporto determinati dall'aumento dei listini dei carburanti.

L'esborso per il materiale scolastico completo può arrivare così a raggiungere durante l'anno scolastico 2022/2023 quota 588 euro a studente su base annua, cui va aggiunto il costo per libri di testo, altra voce che inciderà pesantemente sui portafogli delle famiglie italiane, variabile a seconda del grado di istruzione e della scuola, con la spesa complessiva a carico delle famiglie che – tra corredo e libri – può facilmente raggiungere quest'anno i 1.300 euro a studente.

Tuttavia – spiega l'associazione – anche sulla spesa scolastica è possibile risparmiare sensibilmente e abbattere i costi del 40% seguendo alcuni consigli utili diffusi dal Codacons:

• Non inseguite le mode e gli influencer. In questi giorni tutte le televisioni stanno bombardando i vostri figli con pubblicità mirate agli acquisti necessari per la scuola. Allontanateli dalla TV e non fatevi condizionare dal mercato pubblicitario. Non inseguendo le mode, per il corredo potreste spendere il 40% in meno, acquistando prodotti di identica qualità. Basta non comprare gli articoli legati ai personaggi dei cartoni animati o bambole famose.
• Supermercato? Nei supermercati si può arrivare a risparmiare fino al 30% rispetto alla cartolibreria. Andate con la lista dettagliata della spesa e obbligatevi a rispettarla. In questo periodo alcune catene di supermercati vendono i prodotti scolastici addirittura a prezzi stracciati: sono i cosiddetti prodotti "civetta". Vengono venduti beni addirittura sottocosto, contando sul fatto che comunque finirete per acquistare anche tutto il resto. Approfittatene, acquistando solo i prodotti civetta! Poi cambiate supermercato!
• Rinviate gli acquisti. Abbiamo la pessima abitudine di acquistare subito tutto quello che servirà nel corso dell'anno. Le scorte di quaderni e penne si possono anche comprare in un momento successivo. Spesso, aspettando, si risparmia.
• Aspettate i professori. Per le cose più tecniche (dal compasso ai dizionari), poi, è bene attendere le disposizioni dei professori, onde evitare acquisti superflui o carenti.
• Offerte promozionali e kit a prezzo fisso. Ben vengano! Possono essere convenienti. Se non sono frutto di un accordo con le associazioni di consumatori, che fanno da garante, confrontate comunque i prezzi e controllate la qualità del prodotto, specie per lo zaino (per il quale sconsigliamo in ogni caso l'acquisto, dando la preferenza al trolley).
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Tutti x Uno, il successo dell'inclusione alla Baldassarre Tutti x Uno, il successo dell'inclusione alla Baldassarre Mazzone, Grande ed i ragazzi  protagonisti di un evento da ricordare
Una delegazione di studenti visita il centro di raccolta rifiuti in via Finanzieri Una delegazione di studenti visita il centro di raccolta rifiuti in via Finanzieri L'iniziativa nell’ambito del progetto “Miglioriamo le competenze chiave!”
Uniti contro la violenza, incontro all'istituto Cosmai Uniti contro la violenza, incontro all'istituto Cosmai Gli studenti avranno l’opportunità di ascoltare le testimonianze dirette di figure femminili
L'Istituto Sergio Cosmai aderisce alle due campagne #ioleggoperché e Libriamoci L'Istituto Sergio Cosmai aderisce alle due campagne #ioleggoperché e Libriamoci Giornate di letture nelle scuole, promosse dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell'Istruzione
Lo yoga contro il bullismo, Stefania Bucci: "Un mare di emozioni con i giovani" Lo yoga contro il bullismo, Stefania Bucci: "Un mare di emozioni con i giovani" L'esperienza di meditazione connessa con il cibo fa parte di un progetto più ampio
Cara meritocrazia... Cara meritocrazia... Dardo commenta la riflessione di Enrico Galiano
Marco Silvestri sulla scuola italiana: «Un potenziale enorme da proteggere e valorizzare, dopo la pandemia» Marco Silvestri sulla scuola italiana: «Un potenziale enorme da proteggere e valorizzare, dopo la pandemia» Il candidato capolista alla Camera con + Europa: «Prendersi cura della scuola è prendersi cura della propria salute futura»
Suona la prima campanella per centinaia di studenti tranesi Suona la prima campanella per centinaia di studenti tranesi Ritorno sui banchi di scuola senza dad e mascherine
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.