Stp
Stp
Cronaca

Stp, la replica del presidente Fortunato dopo la denuncia di Uildm: «Conclusioni strumentali ed offensive»

E annuncia: «Acquisito su Trani un immobile da adibire a deposito degli autobus»

Egregio direttore,

sulla Gazzetta di oggi, 10 maggio 2019, Cronaca Trani Viva, è stata riportata la denuncia dell'Unione italiana "Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM)" con la quale si porta a conoscenza di quanto accaduto il giorno 8 maggio presso gli Uffici della S.T.P.: un cliente diversamente abile si sarebbe recato presso gli uffici siti a Trani in Via Barletta per rinnovare il suo abbonamento e li avrebbe trovati chiusi.

Tutto vero, per carità, ma da questo episodio si traggono delle conclusioni strumentali ed offensive per nulla rispondenti alla realtà. Innanzi tutto, gli uffici di Bari e di Trani il giorno 8 maggio sono rimasti chiusi perché da oltre 20 anni vige una prassi sindacale secondo la quale si è scelto un solo giorno di chiusura in occasione del Santo Patrono delle due città, Bari e Trani, San Nicola, proprio allo scopo di evitare disagi sul piano organizzativo tra gli uffici ammnistrativi dislocati nelle due sedi.

In secondo luogo, la S.T.P. ha sempre mostrato grande sensibilità verso persone diversamente abili, tanto che già 35 autobus sono attrezzati per consentire senza alcun disagio l'accessibilità sugli autobus, di muoversi liberamente al loro interno e di usufruire di servizi in maniera indipendente, alla pari delle persone che non hanno limitazione alcuna; altri 56 autobus saranno acquistati entro l'anno in corso con le stesse caratteristiche.

Chi scrive, peraltro, si è adoperato, nella sua qualità di Direttore Generale di ANAV (Associazione Nazionale Autotrasporto Viaggiatori), supportando l'azione del Presidente della FIABA ONLUS, Giuseppe Trieste, con il quale è rimasto un rapporto di grande stima ed amicizia, per promuovere un intervento legislativo della Regione Lazio, riuscendovi, finalizzato ad abbattere tutte le barriere architettoniche, elementi che limitano o impediscono non solo a persone diversamente abili affette da patologie ma anche a quanti per vari motivi hanno problemi di deambulazione temporanei, di utilizzare il servizio di trasporto pubblico locale alle stesse condizioni di ogni altro cittadino.

Non nascondo che negli uffici di Trani per un breve periodo si è registrato qualche disservizio a causa di tre pensionamenti contemporanei, che l'Azienda non poteva prevedere, giacché gli interessati si sono avvalsi del decreto legge n. 4/2019, contenente la così detta quota 100. E' biasimevole che questa circostanza, per di più nota al denunciante, sia stata strumentalizzata per colpire con affermazioni apodittiche e lesive della dignità, l'intero Consiglio di amministrazione, che mi onoro di presiedere, che si sta adoperando, invece, per migliorare l'efficienza, l'efficacia e la qualità dei servizi gestiti dalla S.T.P. S.p.A., in vista delle gare previste nel 2020, senza fare alcuna distinzione tra le due sedi. Un attacco così esagerato meritava una reazione a tutela degli interessi della S.T.P., sennonché chi scrive appartiene ad una generazione ancora dotata della tolleranza e della comprensione, doti sempre più rare in questo mondo. L'Amministrazione della Società non ha alcuna intenzione di trasferire tutti gli uffici a Bari, come è stato detto. Per fronteggiare la suddetta imprevedibile evenienza sono state spostate due risorse in pianta stabile da Bari a Trani, che si stanno impegnando in maniera encomiabile per sostituire lavoratori che da circa 40 anni hanno svolto la loro opera nel Servizio commerciale. Inoltre, è in corso una prova di selezione pubblica per disporre su Trani, sia al Servizio ragioneria, sia al Servizio commerciale, di lavoratori in pianta stabile.

Infine, è in corso un progetto di acquisizione su Trani di un immobile da adibire a deposito degli autobus, con apposite infrastrutture logistiche all'avanguardia, progetto già esaminato in due precedenti sedute del C.d.A., che sarà nuovamente esaminato e molto probabilmente deciso nel prossimo C.d.A., previsto per martedì 14 p.v. L'argomento è posto all'ordine del giorno. Basterebbe questa prova tangibile per dimostrare quanto strumentale ed infondate siano le accuse contenute nella suddetta denuncia.

Il Presidente, Francesco Paolo Fortunato
  • Stp
Altri contenuti a tema
1 Sciopero dei lavoratori di Stp, Francesco Paolo Fortunato: «È ingiustificato» Sciopero dei lavoratori di Stp, Francesco Paolo Fortunato: «È ingiustificato» Il presidente chiarisce la posizione della partecipata sullo stato di agitazione annunciato dai sindacati
Stp, continua lo stato di agitazione dei lavoratori. I sindacati: «Avanti nella lotta» Stp, continua lo stato di agitazione dei lavoratori. I sindacati: «Avanti nella lotta» Nei giorni scorsi un tavolo di confronto con i soci Amet e Provincia sull'attuale gestione dell'azienda
Stp Trani: Fratelli d'Italia chiede chiarezza Stp Trani: Fratelli d'Italia chiede chiarezza «Chiediamo al sindaco Bottaro di fare piena luce su questa sconcertante vicenda»
«Basta con i proclami, sì al confronto»: le scuse e i chiarimenti della Stp per i disagi di questi giorni «Basta con i proclami, sì al confronto»: le scuse e i chiarimenti della Stp per i disagi di questi giorni Intervento del Presidente della società di trasporti Francesco Paolo Fortunato
Stp, disagi all’utenza: circa 500 mail di lamentela Stp, disagi all’utenza: circa 500 mail di lamentela E intanto è scontro tra la società e i lavoratori, di mezzo anche i sindacati
Lo schizzo e la macchia d'olio sulla tovaglia di Amedeo Lo schizzo e la macchia d'olio sulla tovaglia di Amedeo Mazza e panella di Giovanni Ronco
2 Stp sotto attacco, il presidente Fortunato risponde al consigliere Corrado Stp sotto attacco, il presidente Fortunato risponde al consigliere Corrado E dichiara: «Le critiche alla società si rifanno a logiche personali, poco edificanti sul piano etico»
Amet impazza (ancora) il totonomi per la presidenza Amet impazza (ancora) il totonomi per la presidenza E intanto per Stp si profila la tempesta perfetta
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.