Domenica all'università
Domenica all'università
Scuola e Lavoro

Studenti fuori sede Bat, in centinaia sono esclusi dalle borse di studio

Il consigliere regionale Amati: «Si cambino i criteri o presenterò una norma per aiutare studenti di Cisternino, Fasano e Trani»

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
"Gli studenti della Bat e della provincia di Brindisi che frequentano la sede universitaria di Bari non sono pendolari ma fuori sede, e perciò hanno diritto di concorrere per la borsa di studio Adisu. Ho chiesto pertanto all'assessore Sebastiano Leo una modifica dei criteri, diversamente proporrò al Consiglio una norma per porre subito rimedio". Lo dichiara il consigliere regionale Fabiano Amati, presidente della Commissione regionale bilancio.

"Ho interpellato - prosegue - sia l'assessore Leo che il direttore dell'Adisu, chiedendo di modificare i criteri del bando per l'erogazione delle borse di studio. È accaduto, infatti, che i criteri per considerare gli studenti fuori sede o pendolari sono legati al tempo di percorrenza dei mezzi di trasporto, sicché coloro che risiedono in comuni distanti meno di sessantacinque minuti dalla sede universitaria non possono essere considerati fuori sede ma pendolari, escludendoli dunque da ogni forma di sostegno. In realtà – aggiunge Amati – ci sono comuni, peraltro di province diverse da quella di Bari, in particolare Cisternino, Fasano e Trani, i cui tempi di percorrenza nel limite dei sessantacinque minuti rappresentano uno standard teorico ottimale, calibrato sulla corsa e tipologia di trasporto più performanti, che i mezzi pubblici non raggiungono quasi mai in tutte le fasce orarie.

Ne deriva, allora, che uno standard ottimale teorico, sta escludendo di fatto centinaia di studenti dalla parità di condizioni al diritto allo studio, così come negli anni scorsi era sempre accaduto. Per questo motivo – conclude – ho chiesto una modifica dei provvedimenti amministrativi, ma sono già pronto per richiedere al Consiglio regionale l'approvazione di una norma che sani la disparità venutasi a determinare".
  • Università
Altri contenuti a tema
Lauree post Covid: mascherine, cinque ospiti per laureando e accesso con pass Lauree post Covid: mascherine, cinque ospiti per laureando e accesso con pass Presentato il protocollo che porterà alle sedute in presenza. Bronzini: «È solo l’inizio di un percorso»
Università di Bari, da luglio si torna alle lauree in presenza Università di Bari, da luglio si torna alle lauree in presenza Il rettore Bronzini: «Riteniamo fondamentale ritrovare al più presto la funzione educativa, quella culturale e del confronto»
Borsa di Studio in Medicina dalle "Terme di Margherita di Savoia" Borsa di Studio in Medicina dalle "Terme di Margherita di Savoia" Valentina Colaianni - Università degli Studi di Bari - è la studentessa che diventerà Medico con la Borsa di Studio finanziata dalle Terme
UniCusano propone le lauree con maggiori opportunità di lavoro UniCusano propone le lauree con maggiori opportunità di lavoro Percorsi di studio che permettono un rapido inserimento occupazionale
2 La tranese Clara Papagno tra gli studenti più bravi dell’Università di Bologna La tranese Clara Papagno tra gli studenti più bravi dell’Università di Bologna La giovane studentessa trionfa con i suoi ottimi voti e ottiene un premio di 1500 euro
1 L'Università della terza età di Trani compie 20 anni L'Università della terza età di Trani compie 20 anni Un'isola felice del sapere per chi desidera mettersi ancora in gioco
L’Università dialoga con l’Impresa: manager del futuro incontrano imprenditori di successo L’Università dialoga con l’Impresa: manager del futuro incontrano imprenditori di successo L’AD del Gruppo Maldarizzi al primo dei tre convegni dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro
1 "La cultura dei saperi", l'incontro in collaborazione con l'Università di Bari "La cultura dei saperi", l'incontro in collaborazione con l'Università di Bari A Trani il rettore Antonio Felice Uricchio
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.