Scuola e Lavoro

Tessile: gli industriali del nord barese in audizione al Senato

In arrivo il marchio "100% Italia".

Una delegazione pugliese di industriali tessili parteciperà questa prossima settimana ad una serie di audizioni presso la Commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato nelle quali verrà discusso il progetto di legge N. 3463 riguardante "Norme per la tutela e la riconoscibilità dei prodotti italiani", già approvato dalla Camera. A guidare la delegazione di industriali sarà l'Onorevole Gabriella Carlucci, da tempo impegnata nella risoluzione della crisi del settore tessile - abbigliamento – calzature e che più volte ha sollecitato provvedimenti in difesa del Made in Italy.

Il disegno di legge n. 3463 ha l'obiettivo di istituire il marchio "100 per cento Italia" che le imprese possono apporre sui prodotti per i quali l'ideazione, il disegno, la progettazione, la lavorazione e il confezionamento siano compiuti interamente sul territorio italiano, utilizzando materie prime anche di importazione, nonché semilavorati grezzi realizzati interamente in Italia.

L'obiettivo dell'istituzione del marchio è assicurare un livello elevato di protezione dei consumatori, promuovendo il loro diritto ad una corretta informazione. Il marchio, indelebile, dovrà essere apposto sul prodotto finale in modo da non ingenerare confusione nel consumatore. Dovrà inoltre risultare chiaro che esso si riferisce all'intero processo produttivo. Il marchio verrà rilasciato dal Ministero delle Attività Produttive su domanda delle imprese interessate. La verifica della veridicità delle informazioni fornite al momento della richiesta sarà affidata alle Camere di commercio, che definiranno opportune forme di collaborazione con la Guardia di finanza e potranno avvalersi di istituti di certificazione pubblici o privati, appositamente autorizzati dal Ministero delle attività produttive.

"Ritengo sia fondamentale che il Senato, al momento della discussione di una legge così importante per la riconoscibilità e la tutela dei prodotti italiani ascolti le proposte degli imprenditori del settore – afferma l'Onorevole Gabriella Carlucci – Il progetto di legge n. 3463 è un punto di partenza importantissimo per creare uno strumento normativo in grado di rafforzare il diritto dei consumatori ad una informazione esaustiva e trasparente finalizzata alla valorizzazione dei prodotti nazionali. Mi sembra inoltre la risposta migliore a coloro i quali lamentano l'immobilismo della maggioranza nei confronti della crisi del tessile. I prodotti italiani sono unici al mondo per design e qualità e devono essere difesi dai contraffattori"
  • Tac
Altri contenuti a tema
Vertenza Franzoni, giorni cruciali Vertenza Franzoni, giorni cruciali Giovedì incontro in Regione per portare avanti il progetto della cooperativa
La Cna: «I partiti litigano mentre le aziende chiudono» La Cna: «I partiti litigano mentre le aziende chiudono» Letale la stretta del credito operata dalle banche
Ente dell’artigianato pugliese, via alla campagna adesioni Ente dell’artigianato pugliese, via alla campagna adesioni Se ne fa promotrice la Cna di Trani
Crisi del tac, la Provincia prende in mano la situazione Crisi del tac, la Provincia prende in mano la situazione Camero e Spina incontreranno le parti sociali per studiare il rilancio
«Estendere l'accordo sul Tac anche a Franzoni» «Estendere l'accordo sul Tac anche a Franzoni» Nichi Vendola scrive al ministro
Tessile e calzaturiero, obbligatoria l'etichetta col Paese d'origine Via libera del Parlamento europeo: regolamento esteso ad altri settori
Calzaturiero: 120 milioni di euro in tre anni per il TAC L'on. Carlucci ha presentato un emendamento alla Finanziaria
Interventi a protezione del settore tessile e calzaturiero Importante incontro al Castello di Trani
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.