Pertini
Pertini
Attualità

Un boato lungo 40 anni, il ricordo del terremoto in Irpinia

il 23 novembre 1980 la scossa devastante. I ricordi.

Un boato lungo una vita. E la musichetta che continua, a tratti s'interrompe. Un brivido lungo 40 anni: erano le ore 19:34 del 23 novembre del 1980, un orario e una data che chi c'era non potrà mai dimenticare.

Molti di noi lettori (i più giovani lo avranno sentito nei racconti dei genitori o dei nonni) ricorderanno quella domenica pomeriggio, una come tante altre, certamente connotata da un caldo anomalo per quella stagione: molti erano andati in gita, altri erano già a passeggiare su via Roma e in piazza Bisceglie e per le vie del centro dopo la messa, i più giovani già cominciavano ad entrare in discoteca al Rebus, altri a casa a guardare la sintesi di un mitico scontro Juventus-Inter del "90esimo minuto".

Poi un ruggito, e la terra tremò: un sisma di magnitudo 6.9 della scala Richter, protrattosi per circa 90 interminabili secondi, rase al suolo interi paesi, provocando 2914 morti, 8848 feriti, 280 mila senza tetto e 150 mila abitazioni distrutte, isolando diversi paesi per giorni. La scossa di magnitudo 6,9 sulla scala Richter parte da 30 chilometri di profondità, stravolge dall'Irpinia al Vulture, stritola al suo passaggio un'area da Avellino a Salerno, fa sentire il suo cupo muggito in tutta Napoli e fino a Potenza.Ma anche qui in Puglia la scossa fu avvertita, e forte. Anche a Trani la gente scese in strada in preda al panico, ma fortunatamente non ci furono danni, ne' feriti. Ci si ritrovò 24 ore dopo, tutti in strada, con la paura del "ripetersi" dell'evento disastroso, cosa che per fortuna non avvenne.

L'entità drammatica del sisma non fu compresa immediatamente: i primi telegiornali, con Emilio Fede con lo sguardo smarrito al Tg1, parlarono di una "scossa di terremoto in Campania" dato che l'interruzione totale delle telecomunicazioni aveva impedito di lanciare l'allarme. Soltanto a notte inoltrata si cominciò a evidenziarne la più vasta entità. Da una prospezione effettuata nella mattinata del 24 novembre tramite un elicottero vennero rilevate le reali dimensioni del disastro.

Sul posto, prima ancora dei soccorsi, arrivò in lacrime il Presidente Sandro Pertini. E quella è l'immagine migliore di quel disastro che ancora oggi è una ferita nell'Italia.
Social Video2 minutiBoato terremoto dell'Irpinia
  • Terremoto
Altri contenuti a tema
Un "tremito" al largo delle Isole Tremiti: l'onda anomala dopo la scossa di oggi Un "tremito" al largo delle Isole Tremiti: l'onda anomala dopo la scossa di oggi Ripresa da un elicottero dopo il sisma con l'epicentro nell'Adriatico
Scossa di terremoto avvertita a Trani Scossa di terremoto avvertita a Trani Il sisma nell'Adriatico centrale, di magnitudo 5.6
La terra torna a tremare in Grecia: due scosse avvertite anche a Trani La terra torna a tremare in Grecia: due scosse avvertite anche a Trani La più forte alle 19.38 pari a 5.9 della scala Richter
Forte terremoto in Grecia con epicentro a nord di Atene Forte terremoto in Grecia con epicentro a nord di Atene La scossa è stata avvertita anche in Puglia
Scossa di terremoto avvertita anche a Trani Scossa di terremoto avvertita anche a Trani L'epicentro in Basilicata, magnitudo superiore a quella di sabato
Scossa di terremoto tra Poggio Imperiale e Lesina di magnitudo 3.7 avvertita anche a Trani Scossa di terremoto tra Poggio Imperiale e Lesina di magnitudo 3.7 avvertita anche a Trani Tanto spavento ma nessun danno a cose o persone
Scossa di terremoto nella Bat con epicentro ad Andria Scossa di terremoto nella Bat con epicentro ad Andria Magnitudo 2.7 a 9 chilometri di profondità
Terremoto in Albania, primo giorno di lavoro per i volontari delle Misericordie Terremoto in Albania, primo giorno di lavoro per i volontari delle Misericordie Quattro ambulanze e due mezzi logistici con circa 30 confratelli provenienti anche dalla sede di Trani
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.