Apatheia

I bimbi palestinesi morti

Eravamo pochi in piazza Duomo a ricordarli

Servirà a qualcosa postare sui giornali e sui network foto di bimbi palestinesi morti, uccisi, massacrati? Me lo chiedo da giorni. Non so cosa vi procurano le immagini dei loro corpi dilaniati, ricoperti di sangue, i volti grigi, i capelli tagliati alla moda come quelli dei nostri figli, il terrore rimasto incollato sui loro visi, fotografia dell'ultimo attimo di terrore. Non so cosa provate se invece non li guardate ma sapete che comunque sono lì. Non so cosa vi procura il pianto disperato dei padri e le mani delle madri che si percuotono il volto per la disperazione, le lettighe usate come bare, innalzate al cielo coi corpi senza vita e portate platealmente tra cori, urla e pianti. A me procura dolore, angoscia, rabbia senso di impotenza e tanto altro che non si può descrivere.

Servirà a qualcosa incontrarsi nelle piazze, accendere dei lumini, parlare dei bimbi palestinesi morti, uccisi, massacrati? Me lo domandavo tristemente il 16 luglio, quando in piazza Duomo a Trani ci siamo incontrati per accendere i lumini e ricordare i bimbi palestinesi, restare uniti in questo incommensurabile dolore. Mi sono anche chiesto perché fossimo in pochi addolorati in quella piazza mentre una folla si aggirava poco distante da noi tra processione, luminarie e fuochi di artificio. Davvero basta la lontananza, i chilometri che ci separano, per non restare desolati da questa tragedia?

Servirà a qualcosa intavolare dibattiti più o meno sensati su di chi sia la colpa? Se il male sia Israele o Hamas, se non lo siano entrambi? Servirà capire se chi appoggia Israele non lo identifichi nell'avamposto per gli interessi delle potenze imperialistiche occidentali nel mondo arabo. Servirà capire che Hamas utilizza i bimbi come scudi umani per impressionare le coscienze e utilizza la religione come pretesto? Servirà prendere posizione, stare col più debole o scegliere il più forte, appoggiare chi c'era prima o chi è arrivato dopo? Servirà capire che tutto questo è folle?

Intanto, tra interessi imperialistici, religioni, terre promesse e terre rubate, dei bimbi che avrebbero dovuto solo giocare e andare a scuola proprio come i fanno i nostri figli, continuano a morire senza speranza.

Lo ammetto, il cuore mi porta a soffrire per i palestinesi, non per Hamas che come in tutte le battaglie e le rivolte dei sofferenti, così come ha sempre fatto la borghesia con il proletariato, utilizza il malcontento a suo piacimento, mandando a morire per suo conto, il cuore mi porta a soffrire per i palestinesi che in poco meno di un secolo si sono ritrovati dall'avere una loro terra a vivere in una striscia. Ma tutto sommato per quelli come me, internazionalisti, che sognano un mondo senza confini e ingiustizie, libero dal dominio degli interessi capitalistici, ora non è questo quel che conta, da oggi vorrei solo non vedere più dei bambini morire.

Servirà a qualcosa la nostra indifferenza? Servirà la nostra cultura? Perdonatemi è solo uno sfogo.
  • Bambini
Apatheia

Apatheia

La rubrica di Rino Negrogno

Indice rubrica
La telefonata 6 marzo 2015 La telefonata
Le primarie 15 febbraio 2015 Le primarie
Il professore di Trani 25 gennaio 2015 Il professore di Trani
Terra mia 13 gennaio 2015 Terra mia
Le  "dita " 31 dicembre 2014 Le "dita"
Altri contenuti a tema
A Trani nasce il centro sociale polivalente "Gli aquiloni" A Trani nasce il centro sociale polivalente "Gli aquiloni" Un gruppo di professionisti fornirà un servizio psico-socio-educativo in favore di persone con disabilità
"La città che si anima": formalizzato in giunta il sostegno agli eventi per minori "La città che si anima": formalizzato in giunta il sostegno agli eventi per minori Animazione e laboratori per bambini e adolescenti
Raccontando sotto le stelle, buona la prima con lo spettacolo "C'era due volte un piede" Raccontando sotto le stelle, buona la prima con lo spettacolo "C'era due volte un piede" Prossimo appuntamento il 6 agosto con "Io voglio la luna" nel Parco Santa Geffa
"Unico al mondo", a Trani il progetto per crescere e giocare immersi nella natura "Unico al mondo", a Trani il progetto per crescere e giocare immersi nella natura Studio Albanese collabora con l’Azienda agricola “Il Pastore” per la realizzazione di un nuovo progetto sul territorio di Trani
Attività estive per bambini e ragazzi, ecco le linee guida Attività estive per bambini e ragazzi, ecco le linee guida Per la gestione di attività educative nel pieno rispetto delle norme anti covid
Assistenza psicologica ai bambini depressi, Gesualdo: "Un gesto che l'Italia dovrebbe emulare" Assistenza psicologica ai bambini depressi, Gesualdo: "Un gesto che l'Italia dovrebbe emulare" Il commento del presidente dell'Ordine degli Psicologi di Puglia sull'iniziativa adottata in Francia
1 Bonus baby sitter e centri estivi: nuovi contributi destinati alle famiglie Bonus baby sitter e centri estivi: nuovi contributi destinati alle famiglie L'agevolazione per garantire assistenza e sorveglianza dei figli. Sarà gestita dall'Inps
"Benvenuti a Trani", presentata in Villa la prima guida turistica della città per bambini "Benvenuti a Trani", presentata in Villa la prima guida turistica della città per bambini Storia, tradizioni, luoghi e cultura di Trani raccontati da Vincenzo Covelli e Elisa Mantoni
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.