Eventi e cultura

Ambiente e patto territoriale

Da lunedì un convegno internazionale

Con la presentazione e consegna del primo Rapporto sullo Stato dell'Ambiente dell'area del Patto territoriale nord barese ofantino si apre lunedì prossimo, 9 maggio, presso le sale della tenuta Leone di Canosa il convegno internazionale sul tema "La strategia europea di Goteborg per lo sviluppo sostenibile del nord Barese-ofantino-Agenda 21 Locale. Dal rapporto sullo Stato dell'Ambiente al Piano di Azione Ambientale: strumenti, reti e buone pratiche per la governance del territorio".

«Nell'ambito delle iniziative del Progetto Ecopatto - Agenda 21 Locale la neo-istituita Agenzia Territoriale per l'Ambiente del Patto Territoriale per l'Occupazione Nord Barese/Ofantino con sede a Trinitapoli (FG) presso Masseria Castello - Casa di Ramsar - spiega l'arch. Mauro Jacoviello, direttore dell'Agenzia - ha concluso le attività riferite alla redazione del Rapporto sullo Stato dell'Ambiente del territorio nord barese/ofantino (Progetto Ecopatto I). Tale attività di reporting ambientale costituisce la prima esperienza di conoscenza organizzata di un territorio "nuovo", sistema di sistemi locali, che affronta oggi le sfide della costituzione della Provincia recentemente istituita. Nel contempo l'Agenzia è in procinto di avviare le attività del Piano di Azione Ambientale di cui al Programma Aggiuntivo Patti Territoriali per l'Occupazione - Sottoprogramma 7 Nord Barese- Ofantino - Misura 3 "Qualità ambientale". Tale processo di conoscenza-progetto, riferito ad un territorio inteso come sistema di relazioni tra le diverse municipalità, è finalizzato a supportare e coadiuvare i diversi processi di programmazione negoziata e pianificazione partecipata nell'area nord barese-ofantina»

Il convegno si delinea come momento di «presentazione, riflessione e condivisione di principi e strategie con i quali interpretare la realtà ed orientare le nuove scelte di sviluppo del nostro territorio. Attraverso il rafforzamento di reti relazionali e di scambio - impostazione tipica dei processi di Agenda 21 Locale, il convegno - spiega il prof.Sabino Saraceno, sindaco di Spinazzola e presidente dell'Agenzia per l'Ambiente - si configura come luogo di raccordo per il trasferimento di buone prassi ambientali attraverso la presenza di partner e relatori nazionali e internazionali di territori della sub-regione adriatica, alle prese con nuove territorialità indipendentemente dalla loro condizione di sviluppo.»

La manifestazione sarà organizzata in tre sessioni tematiche: in mattinata la presentazione e consegna del primo Rapporto sullo Stato dell'Ambiente (distribuzione che continuerà nei giorni successivi), nel pomeriggio la presentazione e discussione sul documento programmatico del Piano di Azione Ambientale; la sera una tavola rotonda sul consolidamento dei rapporti di partenariato.


  • Patto Territoriale NBO
Altri contenuti a tema
Patto Nord Barese-Ofantino, la Cgil scrive al presidente della Bat Patto Nord Barese-Ofantino, la Cgil scrive al presidente della Bat Il sindacato a Giorgino: «Quale il futuro dell'agenzia?»
I Comuni lasciano il Patto territoriale: parte la protesta I Comuni lasciano il Patto territoriale: parte la protesta Trani ha deliberato l'uscita. Mennea (Pd): «Decisione sbagliata»
Patto territoriale, una partecipazione che costa più di 90mila euro Patto territoriale, una partecipazione che costa più di 90mila euro Il Comune dispone il pagamento della quota associativa 2016
Patto territoriale, FdI: «Scelta affrettata, amministrazione superficiale» Patto territoriale, FdI: «Scelta affrettata, amministrazione superficiale» Il partito contesta le motivazioni dell'uscita di Trani dal consorzio
Patto del Nord Barese, il Comune di Trani favorevole all'uscita Patto del Nord Barese, il Comune di Trani favorevole all'uscita Il sindaco Bottaro: «È una scelta politica di tutta la città»
Patto territoriale, il nuovo presidente è Paolo Marrano Patto territoriale, il nuovo presidente è Paolo Marrano Il sindaco di Margherita alla guida, quello di Trani nel cda
Patto territoriale, la quota 2015 costa a Trani più di 90mila euro Patto territoriale, la quota 2015 costa a Trani più di 90mila euro Liquidata la somma dovuta dal Comune in qualità di socio
Giro di vite sulle partecipate, il Comune le dimezza Giro di vite sulle partecipate, il Comune le dimezza Sei mesi per riorganizzare Amet, un anno per stabilizzare l'Amiu. In forse il Gal
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.