consiglio comunale
consiglio comunale
Politica

Patto del Nord Barese, il Comune di Trani favorevole all'uscita

Il sindaco Bottaro: «È una scelta politica di tutta la città»

Il Consiglio è ora chiamato a discutere del secondo punto all'ordine del giorno concernente l'eventuale uscita del Comune di Trani dal Patto Nord Barese.

Il Comune ad oggi è socio dell'Agenzia per l'occupazione e lo sviluppo dell'area nord barese ofantina, avente natura di società consortile a responsabilità limitata, priva di scopi di lucro. Finalità della società è promuovere lo sviluppo ed i fattori competitivi del territorio del comprensorio Nord-barese Ofant-ino, «operando – come si legge nell'articolo 4 dello Statuto - a supporto delle politiche e dei programmi delle Amministrazioni socie nella direzione del sostegno ai processi di crescita civile, sociale ed economica del territorio».

La partecipazione diretta del comune di Trani è pari a 161 quote (circa l'11,30%); lo statuto grava i singoli soci del pagamento della quota annuale contribuitiva per il Comune di Trani pari a 91.312, 47 euro. Con l'approvazione del Piano operativo di razionalizzazione della società partecipate, pur riconoscendo all'Agenzia notevole importanza all'attività di accesso ai finanziamenti europei, nazionali e regionali si evidenzia come tale obiettivo possa essere raggiunto con modalità diverse, più snelle e funzionali alle esigenze dell'amministrazione e pertanto si propone la dismissione della partecipazione in assenza di un progetto di ristrutturazione e rilancio dell'agenzia nè risultano in fase di completamento progetti in favore del comune.

L'opposizione, coma la maggioranza, è favorevole ad uscire dal Patto. Questo è quanto emerge dagli interventi dei consiglieri Beppe Corrado, Carlo Laurora ed Emanuele Tomasicchio. La consigliera Anna Maria Barresi, inoltre, ha chiesto che i soldi del Patto siano utilizzati per il verde pubblico, i cestini e il pubblico arredo.

Con 22 voti favorevoli, 4 contrari e 2 astenuti, nei prossimi giorni sarà ufficializzata la volontà del Comune di Trani di uscire dal Patto Nord Barese. «Questa è una scelta politica di tutta la città, non solo del centrosinistra», ha commentato il sindaco, Amedeo Bottaro. «Sono contento - ha dichiarato - che l'opposizione abbia condiviso con me questa scelta».
  • Consiglio Comunale
  • Patto Territoriale NBO
Altri contenuti a tema
Aziende partecipate: riflessioni dei consiglieri di centrodestra Aziende partecipate: riflessioni dei consiglieri di centrodestra Una relazione dettagliata che ha alla base la mancanza di una motivata visione per i piani industriali e strategici
Convocato il Consiglio Comunale a Palazzo Palmieri il 23 giugno: l' ordine del giorno Convocato il Consiglio Comunale a Palazzo Palmieri il 23 giugno: l' ordine del giorno Prevista anche la approvazione del conferimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaky
Gettoni di presenza fra rinunce e assenteismo: 30 mila euro per l'ultimo semestre 2020 Gettoni di presenza fra rinunce e assenteismo: 30 mila euro per l'ultimo semestre 2020 Sono le quote dovute ai consiglieri comunali per la loro attività
1 Bottaro: «In Consiglio nuovi provvedimenti di natura economica» Bottaro: «In Consiglio nuovi provvedimenti di natura economica» Misure di sostegno che erano state garantite
Popolari con Bottaro: "Opposizione priva di argomentazioni alternative" Popolari con Bottaro: "Opposizione priva di argomentazioni alternative" La controreplica al gruppo d'Italia in Comune
2 Riunione di maggioranza domenica mattina: tutti in attesa delle "Comunicazioni del Sindaco" Riunione di maggioranza domenica mattina: tutti in attesa delle "Comunicazioni del Sindaco" Verifica e azzeramento? Si farà chiarezza, dopo alcuni "mal di pancia" nel centro sinistra
Di Leo: "Salvaguardiamo le nostre società comunali" Di Leo: "Salvaguardiamo le nostre società comunali" Il consigliere ne denuncia l'impoverimento nell'indifferenza di chi è stato votato per gestirle al meglio
2 Lia Parente: «Le voci fuori dal coro in una maggioranza, sono sinonimo di democrazia» Lia Parente: «Le voci fuori dal coro in una maggioranza, sono sinonimo di democrazia» La riflessione della consigliera di maggioranza
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.