Covid
Covid
Attualità

"Andrà tutto bene": un anno dal 9 marzo 2020

Ecco com'è cambiata l’Italia dall'annuncio di Conte agli italiani: «Purtroppo tempo non ce n'è»

«I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante delle persone in terapia intensiva e purtroppo delle persone decedute. Le nostre abitudini vanno cambiate ora: dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell'Italia. Lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci adatteremo a queste norme più stringenti».

E' la sera del 9 marzo 2020 e Giuseppe Conte annuncia agli italiani che «purtroppo tempo non ce n'è». Troppi malati, troppi morti (le vittime erano 463).

Perciò dal 10 marzo, un nuovo decreto e lockdown. Parola dal suono duro per dire che il Paese si chiude e si ferma, tranne i servizi essenziali. Il giorno dopo l'Organizzazione mondiale della sanità sentenzia: è pandemia. L'Italia sceglie una doppia quarantena forzata fino al 3 aprile, poi estesa al 13.

Lockdown: un termine che oggi è di uso comune e conosciamo tutti, ma che quel 9 marzo 2020 in realtà non venne nemmeno pronunciato. Si parlava solo di "zona rossa" o di "quarantena", il concetto stesso di lockdown non esisteva ancora nella nostra esperienza. Ma i provvedimenti annunciati rappresentarono ugualmente uno shock che colpì gli italiani come un pugno in pieno petto: si introduceva per la prima volta dopo la Seconda Guerra Mondiale il coprifuoco, veniva impedito di sposarsi o celebrare funerali, venivano chiuse palestre, piscine, cinema, teatri, musei, centri culturali, spa, centri benessere, discoteche e stazioni sciistiche, annullata ogni manifestazione sportiva, sospesi gli esami per la patente.

Le chiusure annunciate da Conte avrebbero dovuto estendersi per un periodo limitato, fino al 3 aprile. Sappiamo tutti come è finita. Con l'assalto alle stazioni e la fuga dalle città ospitanti per far ritorno nei comuni di residenza. Con l'assalto ai supermercati e la creazione di un "mondo alternativo" nel quale il lievito di birra diventava un bene di lusso, le strade semideserte e scenari spettrali.

Quel 9 marzo, insomma, l'annuncio di Conte ci fece toccare davvero per la prima volta la pandemia di Coronavirus, dando il via a un "mondo nuovo" che ancora oggi viviamo quotidianamente. Ma quei due mesi, forse, furono i più surreali. Il primo raggio di normalità arrivò solamente più di due mesi dopo, il 18 maggio, quando riaprirono per la prima volta i negozi.

Oggi, un anno dopo dal dpcm Conte 'Io resto a casa' che mise l'Italia di fronte al lockdown come argine al dramma della pandemia, è ora il governo Draghi ad apprestarsi a un giro di boa che lascia intravedere nuove misure con una maggiore stretta a livello nazionale, non solo territoriale.
  • Covid
Altri contenuti a tema
Fuori programma al Palasalute: vaccinati gli agenti della Polizia Locale Fuori programma al Palasalute: vaccinati gli agenti della Polizia Locale La prima dose questa mattina nella hub vaccinale di Trani
Chiusure covid, Psicologi di Puglia: "Una bomba sociale che moltiplica azioni violente e suicidarie" Chiusure covid, Psicologi di Puglia: "Una bomba sociale che moltiplica azioni violente e suicidarie" Allarme sulle conseguenze a livello psicologico della disperazione dei commercianti
Bollettino Covid: 5 decessi nella Bat Bollettino Covid: 5 decessi nella Bat Sempre alto il numero dei positivo in Puglia, verso la conferma di zona rossa
Covid, la Puglia verso la conferma della zona rossa Covid, la Puglia verso la conferma della zona rossa Si attende l'ordinanza nelle prossime ore
Atmosfera lieta e piena di speranza nel giorno dei vaccini dedicato alle malattie rare Atmosfera lieta e piena di speranza nel giorno dei vaccini dedicato alle malattie rare Oggi e domenica, provenienti da tutta la Bat
Girolamo Acquaviva: «Spese di gestione insostenibili. Chiusure e ristori per tutti» Girolamo Acquaviva: «Spese di gestione insostenibili. Chiusure e ristori per tutti» Il presidente a margine del sit-in organizzato questa mattina da Confcommercio Trani
Stop al lavoro nero, vaccini per dipendenti e agevolazioni economiche: le richieste dei commercianti di Trani Stop al lavoro nero, vaccini per dipendenti e agevolazioni economiche: le richieste dei commercianti di Trani Le testimonianze di parrucchieri, musicisti e ristoratori
Vaccini al Palasalute: il calendario dettagliato fino a lunedì Vaccini al Palasalute: il calendario dettagliato fino a lunedì Vaccinati 2019 cittadini in 4 giorni a Trani
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.