Primo maggio
Primo maggio
Vita di città

Auguri (non) a tutti i lavoratori

Quella di oggi è una festa meritata da tutti?

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Quest'anno non voglio fare gli auguri a tutti i lavoratori. Mi viene voglia di escludere alcuni dal tradizionale "buon primo maggio". Piu' d'una categoria non e' degna di festeggiarlo: penso a tutti quei barbieri o parrucchieri che in queste settimane sono andati a lavorare a domicilio, calpestando le regole ed i colleghi che sono rimasti fermi, rispettando se stessi e non mettendo in pericolo i clienti, indirettamente. Penso a quei titolari di panifici che hanno ugualmente prodotto prodotti di pasticceria, "frecando", almeno nella prima parte dell'emergenza, pasticceri e baristi che avevano fermato le proprie attivita'.

Penso a me stesso, che come docente mi sono sentito "dimezzato", come il visconte di calviniana memoria, poiche' con la didattica a distanza non riesco ad esprimermi in pieno, non riesco a fare la differenza, ad avere una marcia in piu', come quando sono in classe. Penso ad alcuni politici di professione che, tranne alcuni davvero impegnati in prima linea, continuano a farsi campagna elettorale e/o a percepire il compenso adagiati sul "rassicurante" letto dell'improvviso virus. Penso a quei medici (pochi, ne ho letto sui quotidiani), che ad un certo punto si sono messi malattia e chi s'e' visto s'e' visto.

Non so voi, ma questa festa del lavoro non la vedo "meritata" da tutti.
  • Lavoro
Altri contenuti a tema
1 Lavoratori precari contro virus: un altro capitolo Lavoratori precari contro virus: un altro capitolo Un pensiero a chi ogni giorno lotta sul lavoro contro questo "mostro"
Call center in Puglia: devono limitare la loro attività al servizio di assistenza clienti Call center in Puglia: devono limitare la loro attività al servizio di assistenza clienti I lavoratori in sede hanno l’obbligo di attuare protocolli di sicurezza anti contagio
Morire di lavoro. Ne vale la pena? Morire di lavoro. Ne vale la pena? A cura dell'esperto Mario Celestino ("Il Lavoro Sicuro")
È online il sito internet della Camera del Lavoro di Trani È online il sito internet della Camera del Lavoro di Trani De Mario: «Per noi un nuova sfida e uno strumento per far conoscere le nostre vertenze»
2 Adriano De Masi, storia di un tranese partito da zero: lezione per tanti altri Adriano De Masi, storia di un tranese partito da zero: lezione per tanti altri In Germania per cercare lavoro tra decisioni coraggiose e sacrifici
Niente licenziamenti alla Network Contacts di Molfetta Niente licenziamenti alla Network Contacts di Molfetta Scongiurato il fine rapporto di lavoro per circa 500 dipendenti
Piazza Marconi ed i lavoratori tranesi negli anni '60 Piazza Marconi ed i lavoratori tranesi negli anni '60 I luoghi della memoria di Giovanni Ronco
Il grande dramma dimenticato degli over 50 disoccupati Il grande dramma dimenticato degli over 50 disoccupati Mazza e panella di Giovanni Ronco
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.