Domenico Mastrulli
Domenico Mastrulli
Attualità

Carcere di Trani, Mastrulli (Cosp) denuncia: «Meno 50 agenti rispetto alle attuali 300 unità»

Il sindacato denuncia la carenza di personale e il sovraffollamento nelle carceri pugliesi

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Peggiorano le condizioni delle Carceri Pugliesi tra cui quella di Trani ieri visitata dalla Delegazione Nazionale e Regionale della Puglia FS-COSP con un – 50 agenti rispetto alle attuali 300 unità e con un nuovo padiglione di ulteriori 200 detenuti da aprire rispetto agli attuali 307 ospiti su una capienza di 280 posti letto.

Grazie all'intervento dell'Arma dei Carabinieri che qui ringraziamo per la loro perenne attenzione alle situazioni emergenziali anche delle carceri e dei reclusi, è stato arrestato questa notte nella BAT a Minervino Murge il super noto latitante omicida Cristoforo Aghilar 37 enne di Orta Nova. L'arresto di Aghilar mette la parola fine ai 77 evasi che il giorno 9 marzo scorso clamorosamente a piedi si fecero aprire i Cancelli principali del Penitenziario di Foggia e uscirono dileguandosi per le vie della città Dauna e le adiacenti campagne. FS-CO.S.P. a distanza di 140 giorni dalla drammatica multipla storica evasione dalla Casa Circondariale di Foggia resterebbero elevate le criticità nella gestione dei servizi e dei carichi di lavoro dei Poliziotti Foggiani con turni sempre organizzati e pianificati si 8 ore,con un ingente numero di ore di straordinario, senza un Comandante Dirigente di Polizia Penitenziaria titolare e senza che si sia proceduto ad avvicendare l'attuale direzione all'epoca dell'evasione titolare del Carcere e delle situazioni di sicurezza e vigilanza interna ed esterna.

Nessun aiuto, nessun supporto, nessuna iniziativa dal 9 marzo scorso è stata registrata nel carcere di Foggia dove mancano ancora oggi almeno 40 unità di polizia penitenziaria e 10 lavoratori delle Funzioni Centrali e dell'Area Pedagogica, un Dipartimento dell'Amministrazione Centrale silente e distante dalle gravi situazioni emergenziali delle Carceri dove aumentano, in Italia, giorno dopo giorno le aggressioni contro i tutori dell'ordine tanto da raggiungere 4.200 feriti. In una amministrazione molto distratta e distante tra il richiedere "doveri" e il ritardare nei "diritti" del proprio personale ci darebbe grande motivazione per segnalare al Dipartimento che la situazione della Casa Circondariale di Foggia sembra rimasta nella stessa condizione della pre-rivolta e massiccia multipla evasione del 7 marzo u.s. e nulla sarebbe cambiato se non una attenzione morbosa di scarsa qualità della vita dei lavoratori a Foggia come di scarso interesse sul benessere del personale anche sulla salute degli stessi come accaduto nelle recenti ore su una avanzata legittima richiesta di assunzione della "terapia salvavita", sembra che sarebbe stato risposto,tutto da chiarire, la terapia poteva aspettare rispetto alla durata della perquisizione ordinaria,arroccandosi il diritto di sostituirsi agli Specialisti o ai medici che tale terapia in quella specifica fascia oraria è necessaria e indifferibile(Sic.?).-

Sull'ultimo segnalato grave episodio, sono in corso da parte della Federazione Sindacale accertamenti, verifiche e non si escludono interventi sindacali,anche di aspetto legale, a tutela della salute e del lavoro dei propri Assistiti. I detenuti aumentano siamo a quota 460, manca un comandante titolare di reparto come appena riportato, il supplente, con alcuni suoi uomini, verrebbero dal Carcere di Taranto, con una missione giornaliera forfettaria sembra per 3 mesi, come il precedente, spesa che pesa sulle spalle delle scarse economie dello Stato.

- Domenico Mastrulli, Cosp
  • Lavoro
Altri contenuti a tema
2 Auguri (non) a tutti i lavoratori Auguri (non) a tutti i lavoratori Quella di oggi è una festa meritata da tutti?
1 Lavoratori precari contro virus: un altro capitolo Lavoratori precari contro virus: un altro capitolo Un pensiero a chi ogni giorno lotta sul lavoro contro questo "mostro"
Call center in Puglia: devono limitare la loro attività al servizio di assistenza clienti Call center in Puglia: devono limitare la loro attività al servizio di assistenza clienti I lavoratori in sede hanno l’obbligo di attuare protocolli di sicurezza anti contagio
Morire di lavoro. Ne vale la pena? Morire di lavoro. Ne vale la pena? A cura dell'esperto Mario Celestino ("Il Lavoro Sicuro")
È online il sito internet della Camera del Lavoro di Trani È online il sito internet della Camera del Lavoro di Trani De Mario: «Per noi un nuova sfida e uno strumento per far conoscere le nostre vertenze»
2 Adriano De Masi, storia di un tranese partito da zero: lezione per tanti altri Adriano De Masi, storia di un tranese partito da zero: lezione per tanti altri In Germania per cercare lavoro tra decisioni coraggiose e sacrifici
Niente licenziamenti alla Network Contacts di Molfetta Niente licenziamenti alla Network Contacts di Molfetta Scongiurato il fine rapporto di lavoro per circa 500 dipendenti
Piazza Marconi ed i lavoratori tranesi negli anni '60 Piazza Marconi ed i lavoratori tranesi negli anni '60 I luoghi della memoria di Giovanni Ronco
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.