Meeting salvare il verde pubblico
Meeting salvare il verde pubblico
Vita di città

Dopo il meeting a Trani "Gestire il verde pubblico": qualcosa cambierà?

I cittadini a se stessi devono dire: che ci piaccia o no della salute del verde pubblico dobbiamo occuparcene anche noi

Il Ministero dell'ambiente ha emanato nel 2017 le "Linee guida per la gestione del verde urbano e prime indicazioni per una pianificazione sostenibile". Queste linee guida hanno rappresentato il filo conduttore del meeting "Gestire il Verde Pubblico", tenutosi in Biblioteca a Trani il 6 giugno 2024, organizzato dal dott. agronomo Giovanni Guerra e moderato dal giornalista dott. Andrea Catino. Presente in rappresentanza dell'amministrazione comunale il vicesindaco, avv. Fabrizio Ferrante. Un convegno molto interessante e costruttivo con la sala affollata di uditori, esponenti di associazioni, agronomi e semplici cittadini. L'argomento è evidentemente molto popolare. Il messaggio forte che è stato lanciato è questo: gli alberi sono esseri viventi complessi, che appartengono alla collettività, e della loro integrità l'amministrazione deve farsi carico, attraverso la conoscenza in primis del proprio patrimonio arboreo, il censimento del verde. Prima di abbattere un albero sono necessari alcuni passaggi obbligatori, e le ragioni tecniche dell'abbattimento devono essere spiegate ai cittadini e alle associazioni. Senza questi elementi minimi, ogni abbattimento è un atto arbitrario. L'amministrazione comunale non può e non deve ignorarlo. Passaggi invece ignorati da chi ha dato l'ordine di tagliare i nostri alberi in piazza Plebiscito e in corso De Gasperi.
Sono stati dati dai tanti relatori, molti consigli utili all'amministratore intervenuto e all'uditorio, per una corretta manutenzione, pardon, "cura" del verde pubblico (perché gli alberi sono appunto organismi viventi).

Il presidente dell'ordine degli agronomi, dott. Milillo, ha parlato dell'importanza del verde pubblico, per il decoro cittadino, il clima, la vivibilità e perfino per il benessere psicofisico indotto sugli esseri umani. Se il verde urbano è abbondante e florido, può far risparmiare del 30% la spesa sanitaria.

Il dott. Guerra ha spiegato le procedure a monte dell'abbattimento degli alberi: la relazione analitica su ogni singolo albero, la valutazione della sua stabilità e del relativo rischio fitostatico, le risultanze degli esami strumentali per valutare l'integrità della struttura interna.

Altro spunto interessante: non si può pensare di costruire nuovi parchi se quelli esistenti sono in stato di abbandono.

Viene subito in mente la nostra Villa Comunale, che celebra quest'anno il bicentenario dall'inaugurazione, e che versa in quello stato pietoso che tutti ben sappiamo. Nel frattempo gli Amministratori si accingono a costruire un nuovo parco nell'area Angelini: bello spreco di risorse se avremo non uno ma due parchi in abbandono.La progettazione di un nuovo parco o la semplice piantumazione di una via o piazza deve avere basi razionali, perciò deve essere redatto da professionisti competenti: il tipo di piante più idonee da utilizzare, la distanza da edifici, l'accesso a fonti d'irrigazione, la compatibilità della pianta con l'area della messa a dimora. Abbiamo molti esempi di piante inaridite in città perchè non irrigate. Per esempio nell'area parcheggio di Eurospin, in via Barletta.

Se prevista la pavimentazione intorno agli alberi, questa non intacchi lo sviluppo di radici e tronchi il che può determinare il sollevamento del manto stradale. Si pensi allo scempio che si è venuto a creare in piazza Gradenico e lungo via Martiri di Palermo ad opera delle radici affioranti dei pini. Non hanno certo colpa i pini! La potatura degli alberi va eseguita a regola d'arte: un albero sano o malato non va mai capitozzato, pratica barbarica purtroppo in largo uso a Trani, che compromette la salute della pianta e lo sviluppo dell'apparato fogliare
Se una pianta è malata va curata ricorrendo all'endoterapia, ossia a un trattamento fitosanitario specifico per alberi ad alto fusto. La tecnica consiste nell'effettuare attraverso la corteccia del tronco iniezioni, all'interno dell'albero, di specifici fitofarmaci antiparassitari. A Trani vi sono stati atteggiamenti discordanti. I lecci di piazza della Repubblica qualche anno fa sono stati salvati dalla cocciniglia grazie a un intervento di endoterapia efficace. Stessa attenzione non è stata prestata invece nei confronti dei numerosi alberi delle palme in piazza Quercia, lungo il porto, e nella Villa Comunale, aggrediti dal punteruolo rosso.In definitiva, il concetto ricorrente e ripetuto da tutti relatori sulla necessità che l'amministrazione condivida e interloquisca con i cittadini e le associazioni in merito agli interventi sul verde più impattanti, come gli abbattimenti, è stato nei fatti completamente ignorato dai nostri amministratori e dai cosiddetti esperti che per loro conto gestiscono il verde a Trani. I cittadini devono dire a questa amministrazione che il tempo dell'improvvisazione è finito e che una materia così delicata e importante, come la gestione del verde pubblico, sia affidata a veri professionisti competenti e di provata esperienza (agronomi, botanici, architetti paesaggisti).
I cittadini a se stessi devono dire: che ci piaccia o no della salute del verde pubblico dobbiamo occuparcene anche noi.
Meeting salvare il verde pubblicoMeeting salvare il verde pubblicoMeeting salvare il verde pubblicoMeeting salvare il verde pubblicoMeeting salvare il verde pubblicoMeeting salvare il verde pubblicoMeeting salvare il verde pubblico
  • Verde pubblico
Altri contenuti a tema
Sicurezza stradale, potature mirate sulla Trani-Bisceglie Sicurezza stradale, potature mirate sulla Trani-Bisceglie Per rendere maggiormente visibile la segnaletica stradale a ridosso degli accessi a mare
11 “Addio Villa Bini": il degrado continua “Addio Villa Bini": il degrado continua Giunte nuove immagini dello sfacelo del “parco” cittadino
Due antichi alberi tagliati al Monastero, la denuncia del Movimento Ambientalisti Tranesi Due antichi alberi tagliati al Monastero, la denuncia del Movimento Ambientalisti Tranesi «Oltre al danno ambientale si è creata una situazione di pericolo per i bagnanti che frequentano quegli scogli»
Caduta ramo di pino alla scuola Collodi, la dirigente: «Nessun rischio» Caduta ramo di pino alla scuola Collodi, la dirigente: «Nessun rischio» L'accesso fino a nuova comunicazione avverrà da via Festa
Il verde a Trani collassa ancora: caduto grosso ramo nella scuola Collodi Il verde a Trani collassa ancora: caduto grosso ramo nella scuola Collodi Fortunatamente nessuno era presente in quel momento
Forum verde pubblico, ancora «distanza abissale» tra associazioni ambientaliste e Amministrazione Forum verde pubblico, ancora «distanza abissale» tra associazioni ambientaliste e Amministrazione Esito non positivo del dibattito svoltosi lunedì scorso in biblioteca
Verde pubblico, oggi la piantumazione di sei carrubi in piazza Dante Verde pubblico, oggi la piantumazione di sei carrubi in piazza Dante Prevista anche la sistemazione del marciapiede
Verde pubblico, nuove piantumazioni sul lungomare di Trani Verde pubblico, nuove piantumazioni sul lungomare di Trani Previsti interventi in corso Alcide de Gasperi e piazza Dante
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.