Schiuma nel canale Ciappetta Camaggio
Schiuma nel canale Ciappetta Camaggio
Cronaca

Escherichia coli nel Ciappetta Camaggio, Pastore invoca controlli

Tracce sono state rinvenute anche nei reflui trattati dal depuratore di Bisceglie

La procura di Trani torna a occuparsi del Ciappetta Camaggio e della sua pericolosità per l'ambiente e per la salute pubblica. I reflui che scorrono in quel canalone contengono, fra gli altri veleni, escherichia coli, il batterio all'origine della Seu, la Sindrome emolitico urenica che ha colpito soprattutto bambini nel mese di agosto scorso. Tracce di escherichia coli sono state rinvenute anche nei reflui trattati dal depuratore di Bisceglie.

Il consigliere regionale Franco Pastore invoca controlli: «I reflui del Ciappetta Camaggio - dice - purtroppo vengono utilizzati spesso per irrigare i campi adiacenti quel canale. Un illecito pericoloso quanto noto ma sul quale mai si è intervenuti. Lo ha fatto la magistratura alcuni anni fa ma poi tutto è rimasto come prima, mentre sul da farsi per la bonifica e la manutenzione di quel canale si susseguono tavoli tecnici, incontri, ipotesi e parole. Nulla di concreto, niente che, nel frattempo, tuteli il diritto alla salute dei cittadini, dei più piccoli, dei bambini. Quanto accade è grave e il percorso di quel canalone, perché di una cloaca si tratta, non può restare ancora terra di nessuno, 14 chilometri, fra Andria e Barletta, dove il canale sfocia in mare, alla mercé di malfattori di ogni genere, dai ladri d'auto che abbandonano le scocche delle vetture, a coloro i quali usano il canale come discarica per sversarvi dentro rifiuti di ogni tipo, dagli elettrodomestici agli pneumatici, e gli agricoltori che da quello stesso canale in cui abbandonano i flaconi di fertilizzanti chimici prendono l'acqua per irrigare i loro campi, coltivati a ortaggi o oliveti. A questo punto i controlli sono indispensabili e tutte le istituzioni coinvolte devono intervenire, la provincia, i comuni, con tutti gli strumenti che hanno. Che lo facciano i vigili urbani, la polizia ambientale, i nuclei ambientali e le forze dell'ordine. Non si può mettere a repentaglio la salute pubblica e dei soggetti più delicati e a rischio, i bambini».
  • Procura di Trani
  • Canale Ciappetta - Camaggio
Altri contenuti a tema
Giudici corrotti, chiesto rinvio a giudizio per 10 imputati Giudici corrotti, chiesto rinvio a giudizio per 10 imputati Si andrà davanti al gip il prossimo 11 settembre
Spaccio di droga nel centro di Andria, tra gli arrestati anche un 33enne di Trani Spaccio di droga nel centro di Andria, tra gli arrestati anche un 33enne di Trani L'operazione della Polizia di Stato a seguito di numerosi servizi di pedinamento
L'ex procuratore tranese Carlo Capristo nel registro degli indagati per abuso di ufficio L'ex procuratore tranese Carlo Capristo nel registro degli indagati per abuso di ufficio Al centro la vicenda dell'esposto anonimo sul presunto complotto contro l'Eni recapitato alle procure di Trani e Siracusa
1 Chiavi della città: dalla Procura le precisazioni sul dissequestro dei beni del sindaco Chiavi della città: dalla Procura le precisazioni sul dissequestro dei beni del sindaco Il procuratore Di Maio: «Il Tribunale non ha accolto l’istanza dell’indagato»
Chiavi della città, Cosmo Giancaspro resta in carcere Chiavi della città, Cosmo Giancaspro resta in carcere Rigettata l'istanza di revoca presentata dalla difesa. Ancora ai domiciliari gli altri quattro
Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Eletto dalla maggioranza del Csm, batte il suo rivale Renato Nitti
2 Inchiesta su magistrati corrotti, spuntano nuove ipotesi di reato Inchiesta su magistrati corrotti, spuntano nuove ipotesi di reato Sale a più di venti il numero di persone iscritte nel fascicolo degli indagati
1 Procura di Trani: quel potere (giudiziario) reso pallido Procura di Trani: quel potere (giudiziario) reso pallido Dopo i recenti fatti di cronaca i cittadini costretti a rivedere il loro rapporto con i magistrati
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.