Casa di riposo
Casa di riposo "Vittorio Emanuele II"
Attualità

Ex casa di riposo, il Comitato chiede delucidazioni sul destino

«Le precedenti puntualmente ignorate»

«I membri del Comitato "In difesa della Casa di Riposo", insieme a tantissimi cittadini tranesi, chiedono ancora una volta informazioni sul destino della ex Casa di Riposo di Trani»: lo scrive in una nota Maria Grazia Lestingi del Comitato in difesa della Casa di Riposo.

«Questa volta lo fanno attraverso una PEC inviata alla Regione Puglia e alla Corte dei Conti – Sezione Controllo di Bari in cui chiedono di conoscere l'attività svolta ad oggi dal Commissario straordinario per la gestione ordinaria, l'erogazione dei servizi agli utenti (oggettivamente inesistenti) e la gestione amministrativa e finanziaria della Casa di Riposo.

Le precedenti richieste inviate negli anni scorsi, tra gli altri, al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, alla consigliera regionale Debora Ciliento, al sindaco di Trani Amedeo Bottaro, all'assessore ai servizi sociali Benedetto Martello e alla Corte dei Conti di Bari, erano state puntualmente ignorate. Oggi si chiede con quali azioni il Commissario straordinario Daniele Santoro intende risolvere le criticità gestionali e finanziarie dell'Ente, quali siano state le azioni svolte dai precedenti Commissari straordinari e quali sono le attività attuate negli ultimi mesi di commissariamento, considerato che lo stesso Santoro è beneficiario di una proroga dell'incarico di Commissario straordinario da parte del Presidente della Regione Puglia Emiliano ad agosto 2023.

Non solo il Comitato ma tutti i Tranesi hanno il diritto di sapere quale futuro attende l'assistenza sociale agli strati più deboli della popolazione tranese. La riapertura della struttura è un atto dovuto, un segnale di attenzione nei confronti degli anziani meno abbienti che chi amministra dovrebbe sempre avere.
E, visto che esiste già una struttura e che la Casa di Riposo risulta essere proprietaria di numerosi fabbricati e terreni, crediamo che con un po' di buon senso e competenze, si possa gestire sia la situazione debitoria dell'Ente che la ristrutturazione della Casa di Riposo.
Il Comitato sottolinea che il notevole patrimonio immobiliare della Casa di Riposo ha una precisa destinazione d'uso per cui i beni immobili non possono essere adibiti ad usi diversi e per attività diverse da quelle indicate nel titolo di proprietà».
  • Attualità
Altri contenuti a tema
Il prezzo del caffè in tazzina sta per aumentare (anche a Trani) Il prezzo del caffè in tazzina sta per aumentare (anche a Trani) L' "allarme" lanciato da Mino Acquaviva, presidente Confcommercio Trani
Camillo Langone: "Per me Trani è la città ideale in cui vivere!" Camillo Langone: "Per me Trani è la città ideale in cui vivere!" Lo scrittore e giornalista potentino vive tra Parma, Udine e Trani, sua dimora preferita
ContestoLab: la sessualità spiegata nei luoghi della socialità ContestoLab: la sessualità spiegata nei luoghi della socialità Un tema legato in particolare alla disabilità e all’autismo
1 Sgradevole risveglio in via Ognissanti, tra topi morti e vivi Sgradevole risveglio in via Ognissanti, tra topi morti e vivi Le segnalazioni in città sono molteplici
Un anno di notizie con TraniViva: ripercorriamo insieme il 2023 Un anno di notizie con TraniViva: ripercorriamo insieme il 2023 Tutte le notizie più lette nell'anno appena trascorso
3 dicembre, oggi si celebra la giornata internazionale sulla disabilità 3 dicembre, oggi si celebra la giornata internazionale sulla disabilità Felice Scaringi: «Tanto ancora il lavoro da fare»
Fuochi d’artificio su Corso Vittorio Emanuele, la “bravata” del 1 Dicembre Fuochi d’artificio su Corso Vittorio Emanuele, la “bravata” del 1 Dicembre Botti ad un angolo di piazza della Repubblica nel mezzo della strada
Fumo passivo nelle carceri, una sentenza condanna lo Stato italiano: la denuncia di Sappe Fumo passivo nelle carceri, una sentenza condanna lo Stato italiano: la denuncia di Sappe Il sindacato annuncia protesta a Roma nei prossimi giorni
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.