Fumo
Fumo
Attualità

Fumo passivo nelle carceri, una sentenza condanna lo Stato italiano: la denuncia di Sappe

Il sindacato annuncia protesta a Roma nei prossimi giorni

«Pensavamo di essere in una nazione democratica in cui i diritti ma soprattutto la salute dei lavoratori fosse la maggiore preoccupazione da parte di chi regge le sorti del nostro paese. Invece ci accorgiamo che non è così, anzi si cerca in tutti i modi di non parlare di notizie scomode come la prima sentenza a livello nazionale ed europeo che condanna lo Stato Italiano per la morte di un poliziotto di 44 anni, che non aveva mai fumato ma che era stato costretto per 22 anni ad inalare (fino alla morte per tumore ai polmoni) per 8/10/12 ore al giorno il fumo passivo delle sigarette che i detenuti (adulti e minori) fumano liberamente»: lo denuncia il Sappe Puglia in una nota.

«Una notizia che doveva aprire i telegiornali nazionali poiché sono in gioco la salute e la vita di decine di migliaia di persone, ma che è stata censurata poiché gli omicidi di cui lo Stato si rende colpevole non devono arrivare ai cittadini (è più importante la salute di orsi, cervi, cani e gatti). Abbiamo scritto alle più alte cariche dello Stato per chiedere interventi ed aiuto, nessuna risposta. Proprio per questo nei prossimi giorni il SAPPE, sindacato autonomo polizia penitenziaria, insieme a tantissimi poliziotti, dalle più importanti piazze del potere a Roma griderà forte la nostra rabbia nei confronti di chi ci obbliga, giornalmente, ad entrare nelle camere a gas delle carceri, e ci costringe ad ammalarci ed in molti casi morire da soli, come è capitato allo sfortunato collega di Lecce.

Dopo la sentenza, ci aspettavamo interventi a tutela della salute dei poliziotti penitenziari e detenuti, invece hanno fatto appello per perdere tempo e non fare nulla, VERGOGNA».
  • Attualità
Altri contenuti a tema
Elisabetta de Robertis: "Non si può continuare a morire in carcere" Elisabetta de Robertis: "Non si può continuare a morire in carcere" L'appello del garante dei diritti delle persone private della libertà personale del Comune di Trani
1 Rosa Diaferia di Trani festeggia 100 anni Rosa Diaferia di Trani festeggia 100 anni Grande festa alla presenza dell'assessore Di Lernia
Un Borghese... piccolo piccolo! Ecco la parodia tutta tranese dei 4 Ristoranti su Sky Un Borghese... piccolo piccolo! Ecco la parodia tutta tranese dei 4 Ristoranti su Sky É virale un gioco grafico di Trani Sadness con quattro attività molto popolari in città
1 Sky torna a far tappa a Trani: iniziate le riprese di “4 Ristoranti” con Alessandro Borghese Sky torna a far tappa a Trani: iniziate le riprese di “4 Ristoranti” con Alessandro Borghese Le riprese dureranno tutta la settimana. Ecco i nomi dei ristoranti
Giornata mondiale per l’autismo: il videomessaggio di mamma Raffaella e suo figlio Leonardo Giornata mondiale per l’autismo: il videomessaggio di mamma Raffaella e suo figlio Leonardo "Preferisco essere on line tutti gli altri giorni dell’anno per dedicarmi a Leonardo, mio figlio"
Allarme bomba a Trani, ritorno al terrore? Allarme bomba a Trani, ritorno al terrore? L'analisi di un lettore
Il prezzo del caffè in tazzina sta per aumentare (anche a Trani) Il prezzo del caffè in tazzina sta per aumentare (anche a Trani) L' "allarme" lanciato da Mino Acquaviva, presidente Confcommercio Trani
Camillo Langone: "Per me Trani è la città ideale in cui vivere!" Camillo Langone: "Per me Trani è la città ideale in cui vivere!" Lo scrittore e giornalista potentino vive tra Parma, Udine e Trani, sua dimora preferita
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.