Cinema Impero
Cinema Impero
Eventi e cultura

«Gli ospedali, i cinema e i teatri sono tutti luoghi di cura»: l'intervento del dott. Maurizio Turturo

Purtroppo «i tranesi continueranno a curarsi nei comuni limitrofi»

"Gli Ospedali, i Cinema e i Teatri sono tutti luoghi di cura. Con la chiusura del Cinema Impero non abbiamo perso solo l'ultimo Cinema Teatro della città ma abbiamo perso anche un luogo di cura. I tranesi sanno cosa significa. Il riferimento all'Ospedale non è casuale. Cinema e Teatri sono luoghi di cura a tutti gli effetti": il dott. Maurizio Turturo interviene nel dibattito di TraniViva sull'offerta culturale tranese, soprattutto in termini di strutture pubbliche e private, aperto da Franco Caffarella qualche giorno fa su queste pagine (click qui).

Maurizio Turturo, dunque, parla di vera e propria "cura: "Lo dimostra la storia. Nell'antica Grecia, allo scopo di curare le persone che presentavano problemi depressivi, i primi medici filosofi utilizzavano le grotte come ambiente terapeutico. Essi avevano capito che un ambiente buio, circoscritto e dalle caratteristiche "avvolgenti", poteva riportare alla memoria la situazione di protezione affettiva vissuta nel ventre materno, generando una percezione di maggiore sicurezza e libertà di espressione del proprio sé.

Lo dimostrano studi scientifici. Il cinema produce un processo di amplificazione delle emozioni grazie all'utilizzo delle inquadrature e dei primi piani sui protagonisti. Lo spettatore percepisce profondamente le emozioni dei protagonisti, le elabora, le decodifica accostandole alle proprie e trova così con gli attori una complicità emozionale, identificandosi spesso nel protagonista. Esprimere le proprie emozioni è estremamente salutare per ognuno di noi. Jung spiegava che le emozioni trattenute o soffocate non fanno altro che acquisire sempre più forza fino ad esplodere senza controllo quando la loro "contenzione" risulta insopportabile.

Lo prova il fatto che alcuni ospedali, anche in Italia, hanno al loro interno sale di proiezione per i pazienti. L'idea della sala cinematografica in ospedale e della cinematerapia nasce per offrire alle persone ricoverate terapie integrate e complementari ai trattamenti medici e chirurgici già offerti dall'ospedale. Per vedere un film in prima visione i tranesi dovranno andare fuori.

Il tranese, nessuno si offenda, è certamente il meno campanilista tra i cittadini della BAT, e continuerà a "curarsi" nei comuni limitrofi. Oppure non si curerà affatto. Stona però e tanto che al momento in una città piena di bellezza qual è Trani la città sia totalmente priva di un cinema teatro comunale.

Rimane come unico baluardo curativo il "Circolo del Cinema Dino Risi" che seppur con grandi difficoltà continua ad offrire proiezioni e rassegne cinematografiche di grande qualità e spessore nel ventre accogliente degli spazi che mette a disposizione. Alimentiamolo. Domando ai concittadini tranesi: Cosa vogliamo e possiamo fare per tornare ad avere un cinema teatro comunale?". E su questa domanda finale, rimaniamo in attesa di risposte. Pubbliche e private.
  • Teatro
Altri contenuti a tema
La città dei miti, dal 17 maggio la trilogia di spettacoli in diversi luoghi di Trani La città dei miti, dal 17 maggio la trilogia di spettacoli in diversi luoghi di Trani Presentato il programma della rassegna prodotta dalla Compagnia Teatro dei Borgia
La città dei miti, altra novità: una tensostruttura in piazza Mazzini La città dei miti, altra novità: una tensostruttura in piazza Mazzini Il progetto nasce per ripensare l'offerta teatrale della città di Trani e i suoi luoghi
Un nuovo prestigioso riconoscimento all’attore e regista tranese Enzo Matichecchia Un nuovo prestigioso riconoscimento all’attore e regista tranese Enzo Matichecchia Al festival "I love teatro" migliore regia per lo spettacolo Tre preti per una besciamella
La Compagnia del Giullare vince il premio Giovanni Soldini La Compagnia del Giullare vince il premio Giovanni Soldini Ritirato a Treia e intitolato alla Rassegna degli Smisurati
Riprende la stagione teatrale del Circolo “Dino Risi” Riprende la stagione teatrale del Circolo “Dino Risi” "Per una bomba in meno": sul palco Ernesto Mahieux, David di Donatello 2003
Venerdì a teatro, il 26 febbraio l'ultimo spettacolo della rassegna Venerdì a teatro, il 26 febbraio l'ultimo spettacolo della rassegna Vicolo Checov il nome dello spettacolo de La Compagnia dei Teatranti
Venerdì a Teatro: domani ospiti d'onore Raffaele Lavacca e la moglie Luciana Venerdì a Teatro: domani ospiti d'onore Raffaele Lavacca e la moglie Luciana Nel corso della serata verrà effettuata una raccolta fondi
Voglia di teatro: "buona la prima" per la rassegna del venerdì Voglia di teatro: "buona la prima" per la rassegna del venerdì Il tutto esaurito nell'auditorium di San Magno premia la caparbietà della Compagnia dei Teatranti
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.