Trani ricorda la figura di Alfredo Albanese
Trani ricorda la figura di Alfredo Albanese
Vita di città

Lotta al terrorismo «liquido», Trani ricorda la figura di Alfredo Albanese

In città il capo della polizia Gabrielli: «Vinceremo noi questa battaglia»

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Le lancette dell'orologio segnavano le 8.30 di mattina quando, 38 anni fa, Alfredo Albanese fu assassinato a Mestre dalle Brigate rosse, trasformando una giornata di sole in uno dei tanti, troppi, giorni di piombo. Aveva solo 33 anni e la moglie era al settimo mese di gravidanza. Il commissario, di origini tranesi, era il responsabile della sezione veneziana antiterrorismo della polizia di Stato. Prima di essere brutalmente ucciso con una quindicina di colpi di pistola, Albanese era impegnato a scoprire i capi della colonna veneta delle Brigate rosse. Il giovane tranese costituiva un pericolo e per questo doveva essere messo a tacere. Un silenzio che ieri, al Polo museale, ha lasciato il posto alla tenacia di chi non vuole dimenticare.

«Per chi, ogni giorno, è impegnato in questo campo avere l'occasione di rivolgere il pensiero a chi non c'è più e a chi, prima di noi, ha saputo interpretare al meglio questo impegno per la legalità, per la riaffermazione dei valori in cui crediamo penso che sia uno stimolo, un'occasione per superare i nostri piccoli problemi». Così, il capo della polizia, il prefetto Franco Gabrielli, ha ricordato l'eroica figura di Albanese di fronte ad una folla commossa di cittadini. «Il modo migliore per ricordare i morti - ha continuato - è avere cura dei vivi. Immaginare che il servizio da rendere alla collettività sia un servizio che può implicare un sacrificio estremo, come quello della vita, dà il senso dello spessore, della passione e dell'attaccamento dei valori in cui crediamo. Il nostro Paese vive oggi in un eterno presente: il passato è meglio lasciarlo da parte ed il futuro è un'incognita di cui non sempre ci preoccupiamo con quella cura che dovremmo invece avere su tutto ciò che riguarda la nostra vita e quella dei nostri figli. È importante, straordinario, che a quasi 40 anni da quella data si continui a ricordare l'esempio e il sacrificio di Alfredo Albanese».

Testimonianze ed un filmato dell'epoca hanno animato l'evento al Polo museale. Alla cerimonia di commemorazione, ieri, era presente anche il primo cittadino, Amedeo Bottaro. «Quello di oggi - ha dichiarato - è un giorno importante per la nostra città. Ricordiamo un uomo della nostra terra, un grande esempio, una persona che ha sacrificato ciò che aveva di più caro, la vita, per le istituzioni. Sicuramente la presenza del capo della polizia, oggi, onora ancora di più questo momento».

Visibilmente emozionata la moglie di Alfredo Albanese alla quale il prefetto Gabrielli ha donato, poco prima di andar via, un mazzo di fiori. «Alfredo Albanese Junior - ha concluso il capo della polizia - non ha mai conosciuto suo padre e a volte mi chiedo quale sia il delitto più grande: privare una vita o privare un figlio del calore e dell'affetto del proprio padre? Il terrorismo oggi è ancora più insidioso, costituisce una minaccia liquida, indistinta, estremamente problematica. Però, sull'esempio di Alfredo Albanese, noi abbiamo la convinzione e la consapevolezza che la battaglia la vinceremo noi».
19 fotoAl Polo museale il ricordo di Alfredo Albanese
Al Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo AlbaneseAl Polo museale il ricordo di Alfredo Albanese
  • Polizia
  • Alfredo Albanese
Altri contenuti a tema
3 Bullismo a Trani, un problema ancora vivo: risponde il segretario generale provinciale Coisp Bullismo a Trani, un problema ancora vivo: risponde il segretario generale provinciale Coisp Uccio Persia: «Il luogo principale per denunciare gli abusi sono gli uffici di Polizia»
1 Salva la vita a due anziani, premiato l'agente di Polizia Stefano Fabriani Salva la vita a due anziani, premiato l'agente di Polizia Stefano Fabriani Al 26enne tranese una targa di riconoscimento consegnata dal Comune
Trovato in possesso di due martelletti frangivetro, denunciato un 17enne tranese Trovato in possesso di due martelletti frangivetro, denunciato un 17enne tranese Nello zaino rinvenuta anche sostanza stupefacente per uso personale
Estorsione e detenzione di sostanze stupefacenti, nove arresti ad Andria Estorsione e detenzione di sostanze stupefacenti, nove arresti ad Andria L'operazione "Caveau" della Polizia di Stato. Contestati reati anche a Trani
Via Umberto, litigio tra due residenti degenera in una rissa Via Umberto, litigio tra due residenti degenera in una rissa Sul posto 118, Polizia di Stato e Carabinieri
Trani, in possesso di cocaina e marijuana: arrestato un 52enne Trani, in possesso di cocaina e marijuana: arrestato un 52enne In azione gli agenti della Polizia giudiziaria e le unità cinofile
3 Daspo urbano: «Un provvedimento di propaganda che sposta il problema in periferia» Daspo urbano: «Un provvedimento di propaganda che sposta il problema in periferia» Anpi, Cgil, Legambiente, Comitato Bene Comune, Libera Trani: «I decreti sicurezza vanno aboliti e non applicati»
2 Rino Povia: il dovere taciturno di un uomo perbene Rino Povia: il dovere taciturno di un uomo perbene Un uomo buono intento a compiere il suo dovere per il bene della comunità
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.