IMG
IMG
Sanità

Per i 170 Oss del covid dopo il danno, la beffa: formatori di chi verrà assunto al loro posto?

Tra le ipotesi di recupero al vaglio del tavolo tecnico, alla base della protesta di questa mattina a Bisceglie

Li hanno chiamati eroi, hanno fatto non semplicemente da operatori sanitari, da infermieri, ma anche da amici, da psicologi, da tramite prezioso e indispensabile tra i ricoverati per il covid e i loro cari; hanno consentito gli auguri di Natale, anche il saluto tra affetti che non si sarebbero più incontrati con le videochiamate o anche solo attraverso le parole per chi non aveva più neanche la forza di guardare un cellulare: hanno fatto anche da barbieri, da parrucchieri, non risparmiandosi in un'assistenza massacrante per le condizioni di pericolo, di sofferenza, di emergenza continua. E soprattutto per turni massacranti, vista la insufficienza di personale disponibile, quel personale mancante che oggi bussa all'assunzione a partire dal 31 gennaio in quanto vincitore di concorso.

I combattenti che invece statmattina realizzavano la protesta silenziosa davanti all'ospedale di Bisceglie si erano presentati nella primavera scorsa- in quanto idonei per titoli all'esercizio della professione- in una situazione che in Italia aveva l'aspetto dei carri armati che trasportavano i cadaveri e nel mondo l'immagine di un pianeta immobilizzato- in numero minore a quello effettivamente necessario, riempiendo i vuoti dei vincitori di concorso che ora dovrebbero a loro subentrare senza consentire che i primi possano raggiungere i trentasei mesi che consentano la stabilizzazione.

Il tavolo tecnico di giorni fa con Emliano , Lopalco, Caracciolo, ha sortito tra i risultati che questi operatori dovrebbero fare da formatori ai vincitrori di concorso che si erano rifiutati a vario titolo di prendere servizio, quasi ammettendo il potenziamento del sistema sanitario acquisito sul campo delle competenze di questo personale.

Sapevano tutti che il contratto era a tempo determinato fino al 31 gennaio, certo che lo sapevano. ma se le maglie della legge hanno conosciuto nuove dilatazioni in questo anno straordinario - nel senso autentico di fuori dall'ordinario - in tanti ambiti , non è comprensibile che ciò non debba avvenire anche in questo caso.

Ricordiamo per tutti il caso della giovane ricercatrice precaria che isolò per prima il coronavirus e che a seguito della scoperta ottenne un contratto a tempo indeterminato. Ma a fare sensazione e notizia del riconoscimento del valore delle persone che si prodigano ci vuole poco. Qui lo sforzo è sicuramente più grande ma sostenuto dai medici dei reparti infettivi dei presidi del territorio che oggi , sul luogo o a distanza, erano in quella protesta silenziosa e piena di dignità e amore per la professione dimostrata nei mesi trascorsi e nel momento attuale .

Medesima situazione è in questo momento nelle asl di Lecce, Taranto, Brindisi e probabilmente in tutta Italia. nelle prossime ore è previsto un nuovo tavolo tecnico, si auspica una soluzione che consenta di lavorare sia a chi ha vinto il concorso sia a chi si è prodigato senza sconti . Uno sconto sui mesi previsti per ottenere la stabilizzazione, chiamatelo premio, non sarebbe una elargizione a vuoto ma un arricchimento considerevole per l'intero comparto
IMGIMG WAIMGIMGIMG WA
  • Covid
Altri contenuti a tema
Ricoverato in ospedale consigliere comunale positivo al covid Ricoverato in ospedale consigliere comunale positivo al covid Le sue condizioni di salute sono in fase di miglioramento
Covid, nelle ultime 24h 74 casi e un decesso nella Bat Covid, nelle ultime 24h 74 casi e un decesso nella Bat Il bollettino odierno
3 Trani zona gialla, parte il weekend da “liberi tutti” tra caos e traffico in tilt Trani zona gialla, parte il weekend da “liberi tutti” tra caos e traffico in tilt Nonostante le restrizioni del sindaco, tantissima gente si è riversata per strada
Covid, stabile la curva dei contagi a Trani: 178 casi e 31 ricoverati Covid, stabile la curva dei contagi a Trani: 178 casi e 31 ricoverati Il dato emerso nel corso di una riunione con i sindaci della sesta provincia
1 Covid, anche nella Bat avviata la campagna vaccinale per i Vigili del fuoco Covid, anche nella Bat avviata la campagna vaccinale per i Vigili del fuoco Fp Cgil Bat: Soccorritori che ogni giorno rischiano il contagio”. Il 2 marzo è cominciata la somministrazione
Covid, attivo un servizio di assistenza psicologica per pazienti, familiari e dipendenti Covid, attivo un servizio di assistenza psicologica per pazienti, familiari e dipendenti Dieci dottoresse a sostegno delle persone positive al Covid o in quarantena fiduciaria
1 La Puglia ancora in zona gialla La Puglia ancora in zona gialla Decisione del ministro della salute Speranza. Indice Rt di poco inferiore a 1
Caos vaccini, Lacarra: «In Puglia lo fa chi ha gli amici, i malati possono aspettare» Caos vaccini, Lacarra: «In Puglia lo fa chi ha gli amici, i malati possono aspettare» Fitto risponde al segretario PD: «Mi auguro che prima della denuncia social l'onorevole sia andato a raccontare tutto alla Procura»
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.